ACCEDI AL Il Messaggero.it


oppure usa i dati del tuo account

Milano-Sanremo, Sagan favorito ma senza pressioni

Milano-Sanremo, Sagan favorito ma senza pressioni

Ha i piedi ben piantati per terra Peter Sagan, ma punta sempre dritto al cielo quando parla di ciclismo. Il suo motto è «nessun uomo può volare se non su un aeroplano» ma, quando si alza sui pedali, nessun traguardo gli è precluso. Il suo palmares, d'altronde, parla per lui. Dopo avere centrato uno storico bis mondiale, il suo nuovo obiettivo è portare quella maglia arcobaleno che indossa con grande orgoglio in trionfo anche su via Roma. Bella sfida. È infatti dal guizzo di Saronni nel 1983 che un campione iridato in carica non riesce a vincere la Milano-Sanremo e Sagan si augura che questa maledizione non possa raggiungere il quarto di secolo. «Non sento alcuna pressione - ammette il fuoriclasse slovacco, due volte campione del mondo su strada -. Io sono sempre tra i favoriti a vincere e quindi sono abituato. Sono molto felice di essere in un momento di forma così speciale, spero che possa durare a lungo a partire da domani». Il percorso è quello classico: dopo la scalata del Turchino, dei tre Capi (Mele, Cervo e Berta), della Cipressa, ecco a 9 chilometri dalla fine l'asperità del Poggio (3,7 chilometri, punte fino all'8%).

Qui la corsa entra nel vivo, tra gli attacchi degli outsider (Ulissi, Alaphilippe, Boasson Hagen) e dei finisseur (Kwiatkowski, Van Avermaet, Wellens). Sagan non svela le proprie carte, ma ammette che qualcosa potrà succedere: «Attaccherò anche io lì? Dipende dal vento. Negli ultimi anni è sempre stato contrario ed è praticamente impossibile arrivare al traguardo in quelle condizioni climatiche». Più sicuro forse arrivare in gruppo, con i velocisti fiaccati dalle ultime rampe, e sparare le ultime cartucce in volata. L'antagonista principale di Sagan sarà Fernando Gaviria: il colombiano lo ha già battuto in una tappa della Tirreno-Adriatico e un anno fa i due si eliminarono con una caduta a pochi metri dal traguardo. Un duello che rischia, però, di essere ad armi impari: Gaviria sarà regolarmente al via della Milano-Sanremo numero 108, nonostante una brutta botta al polso destro rimediata durante l'allenamento di ieri, ma ovviamente non potrà essere al meglio. Ma la lista dei pretendenti alla Classicissima di Primavera è lunga perché, dopo 291 chilometri, l'acido lattico blocca i muscoli: c'è il campione in carica Demare, il vincitore 2015 Degenkolb, Matthews, Kristoff, Cavendish ed Ewan, tutti clienti pericolosi allo sprint. E gli italiani? L'acuto manca dal 2006 con Pippo Pozzato. Le speranze azzurre si nascondono tra il campione olimpico dell'Omnium, Elia Viviani, e soprattutto nella vena di Sonny Colbrelli, apparso in palla alla Parigi-Nizza. A pochi passi dal Casinò, sarà come un giro di roulette.


© RIPRODUZIONE RISERVATA



Gandini: «La Lega di Serie A non è responsabile del fallimento Italia»
Video

Gandini: «La Lega di Serie A non è responsabile del fallimento Italia»

  • Highlights campionato calcio a 5

    Highlights campionato calcio a 5

  • Ministro Lotti: «Il calcio italiano va rifondato»

    Ministro Lotti: «Il calcio italiano va...

  • Malagò: «Fossi in Tavecchio mi dimetterei»

    Malagò: «Fossi in Tavecchio mi...

  • Barzagli: "Abbiamo dato una mazzata al calcio italiano"

    Barzagli: "Abbiamo dato una mazzata al...

  • Italia, la pagina più nera del pallone azzurro: il commento di Massimo Caputi

    Italia, la pagina più nera del...

  • Italia-Svezia 0-0, azzurri fuori dal Mondiale: il videocommento di Ugo Trani

    Italia-Svezia 0-0, azzurri fuori dal...

  • Italia-Svezia, l'entusiasmo dei tifosi Azzurri a San Siro

    Italia-Svezia, l'entusiasmo dei tifosi...

Prev
Next
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

CALCIO

MOTORSPORT

TENNIS