Roma in crisi, azionisti infuriati
in assemblea: «Troppe spese non chiare»
CALCIO
ROMA – L’idillio è finito. La sconfitta contro l’Udinese apre delle crepe difficili da nascondere. E se in città si dibatte sull’operato di Zeman e della dirigenza, nell’assemblea dei soci di ieri – che ha approvato il bilancio al 30 giugno 2012, chiuso con una perdita di esercizio di 58,3 milioni di euro - si discute dei conti e delle scelte strategiche del club . Precisazione dovuta: non si tratta certo di un ritratto degli umori della tifoseria (per quello basta sintonizzarsi su qualche radio locale) ma di uno spaccato delle idee di chi, anche in minima parte, ha investito i propri risparmi nella Roma.

E così tra coloro che ritengono un «suicidio commerciale non aver venduto De Rossi» e chi critica aspramente la gestione del patrimonio («I numeri dei bilanci dicono che ci sono molti passivi dai trasferimenti, ai diritti tv, ai biglietti. Senza contare le cessioni: possibile che la Roma quando vende un calciatore non guadagna nemmeno un euro e anzi, ci abbina anche buone uscite?»), c’è anche un socio che minaccia il ricorso alla Consob perché «non è chiara la struttura dei compensi dei dirigenti strategici».

L’ad Fenucci, accompagnato nell’occasione da Joe Tacopina (assenti sia Baldini che Sabatini) prova a rispondere: «I ricavi sono saliti, se si esclude la perdita per la mancata partecipazione alla Champions. Abbiamo abbassato le spese e i risultati saranno migliori dello scorso anno. Sui compensi non siamo tenuti a rivelarli se non in forma aggregata». Rassicurazioni anche sull’aumento di capitale: «Sono stati prorogati i tempi al 31 dicembre per alcuni dettagli tecnici della Consob ma i 50 milioni sono stati già versati. Tra l’altro, i patti parasociali già presentano comunque l'eventualità di un ulteriore aumento di capitale di 30 milioni, fino al 30 giugno 2014». Nessuna novità, invece, su quello che sino a qualche settimana fa sembrava essere il tema più caldo: lo stadio.

Poi, a margine dell’assemblea, quando viene chiesto al dirigente se l’ammonizione ricevuta con ammenda - per avere contestato negli spogliatoi l'operato degli ufficiali di gara rivolgendo loro un'espressione irriguardosa - non sconfessi quanto professato dal club in materia arbitrale, Fenucci ribadisce: «Non capisco questa sanzione, è la prima che prendo in 15 anni. In camera caritatis, è giusto esprimere le proprie critiche e rimarcare eventuali errori. Se possono condizionare il campionato come dice Zeman? Possono farlo come gli errori dei giocatori, degli allenatori e dei dirigenti. Vanno accettati, senza dargli troppo peso. E non credo che servirebbe l'introduzione della tecnologia in campo».

Se sei già registrato inserisci username e password oppure registrati ora al Il Messaggero.it.

HAI UN ACCOUNT SU UN SOCIAL NETWORK?

Accedi con quello che preferisci

Se non ricordi lo Username o la Password clicca qui

0 commenti presenti
+TUTTE LE FOTOGALLERY DI SPORT