ACCEDI AL Il Messaggero.it


oppure usa i dati del tuo account

Nba, la rivoluzione mediatica è pronta: in diretta dal futuro

Nba, la rivoluzione mediatica è pronta: in diretta dal futuro

ROMA Quando pensi che i vincitori della Nba si fregiano del titolo di campioni del mondo pensi subito a quella spocchia di chi sa di essere il migliore del pianeta e non fa nulla per nasconderlo. Al di là della superiorità in campo, che qualche smorfia di perplessità da questa parte dell'Oceano sempre la genera, il concetto della supremazia mondiale è più ampio, globale. È l'etichetta di una Lega che si muove sempre due passi avanti rispetto a tutte le altre federazioni sportive internazionali. Prova ne è la rivoluzione mediatica che da questa stagione, e dal weekend in particolar modo, coinvolgerà il basket americano. Mentre nel Vecchio Continente si volta la pagina di un 3D che non è mai decollato davvero (da quest'anno la funzionalità sparirà da gran parte delle offerte di molti grandi marchi), la Terra delle opportunità lancia l'era della realtà virtuale. Già sperimentata in altri sport Stars&Stripes e dalla stessa Nba, la nuova modalità di ripresa e trasmissione delle gare fa ora un salto di qualità.
EVENTO STELLARE
L'occasione è l'All Star Game di New Orleans: oggi sarà trasmessa in VR la sfida delle stelle, Est contro Ovest. E poi, dal 23 febbraio, inizierà una programmazione fissa delle gare che porteranno alla fine della stagione e alle battaglie per il titolo. Cosa cambia per chi guarda? Tutto. In sostanza, dal divano di casa si viene proiettati all'interno del palazzetto. Banalmente: l'occhio che guarda la gara non è più quello imposto della regia televisiva, ma quello dello spettatore. Ciò significa che si potrà vagare con lo sguardo esattamente come avviene dal vivo, seguendo la palla o, ad esempio, i movimenti del proprio giocatore preferito, anche quando si trova lontano dall'azione. Proprio a partire dall'All Star Game, poi, si potrà scegliere anche dove sedersi. Spieghiamoci: mentre prima c'era libertà di vagare con gli occhi ma sempre osservando la gara da bordocampo ora si può optare per una delle diverse angolazioni offerte in produzione. Volete immaginare di essere seduti ai piedi del canestro? Accomodatevi. NextVR, la piattaforma che cura la produzione per Nba, ha riservato ai nuovi spettatori anche telecronache dedicate e contenuti extra, come statistiche e immagini dagli spogliatoi, per impegnare i tanti tempi morti delle partite (quelli, cioè, che in una normale diretta tv sono occupati dalla pubblicità). Ovviamente servono un visore apposito (si comprano per poche decine di euro) e uno smartphone non troppo vecchio.
ALLA CONSOLE
La VR non è l'unica rivoluzione annunciata dalla Nba che, nella sua opera inclusiva, adesso punta a inglobare il mondo dell'eSport. Molte società sportive in tutto il mondo hanno iniziato ad affiliare giocatori di videogame professionisti per farsi rappresentare nei tornei mondiali (da noi lo hanno già fatto la Sampdoria e la Roma). Ma, come al solito, la National basketball association è andata oltre e ha varato, per il 2018, la Nba 2K eLeague. Insieme all'azienda che produce il videogioco ufficiale, la Lega ha creato una propria versione virtuale e parallela. In sostanza, i giocatori veri si sfideranno sul parquet e i videogiocatori alla console. Il reclutamento è iniziato, molte franchigie - 76ers, Kings, Wizards e Warriors - hanno già ingaggiato, o stanno per farlo, team di videogiocatori professionisti. I Rockets sono la prima società a inserire nell'organigramma il direttore eSports, un manager che si occuperà di tutto il settore. Sarà organizzato un Draft per la scelta dei migliori talenti esattamente come quello che inaugura la stagione Nba, fermo restando il diritto dei club di ingaggiare fenomeni anche sul libero mercato. I nuovi assunti saranno a tutti gli effetti tesserati della franchigia con stipendio fisso e con tanto di canotta con i colori ufficiali, nome e numero. Le sfide saranno trasmesse in streaming. E siccome i videogamer saranno star nel loro mondo non muoveranno in campo Steph Curry o Russell Westbrook ma degli avatar, le cui abilità saranno tarate su quelle del videogiocatore stesso. La tecnologia sta intorno, ma il fenomeno che manda avanti lo show è sempre l'uomo. E questo, il deus ex machina Adam Silver come i suoi predecessori, lo hanno sempre saputo bene.
 



Atletico-Roma, la vigilia: il videocommento di Ugo Trani
Video

Atletico-Roma, la vigilia: il videocommento di Ugo Trani

  • La Roma vola a Madrid. Nainggolan scherza con Jesus: «Zitto, non parlo con te»

    La Roma vola a Madrid. Nainggolan scherza...

  • Pellegrini con la mano, i compagni: "Come Manolas nel derby"

    Pellegrini con la mano, i compagni:...

  • Roma, rifinitura a Trigoria in vista dell'Atletico Madrid

    Roma, rifinitura a Trigoria in vista...

  • Tavecchio alza bandiera bianca e si dimette: la conferenza stampa

    Tavecchio alza bandiera bianca e si dimette:...

  • Tavecchio si dimette, Malagò vuole commissariare la Figc: la ripartenza del calcio italiano. Il commento di Massimo Caputi

    Tavecchio si dimette, Malagò vuole...

  • Nicchi: «Tavecchio si è dimesso»

    Nicchi: «Tavecchio si è...

  • Sibilia al Consiglio della Figc

    Sibilia al Consiglio della Figc

Prev
Next
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

CALCIO

MOTORSPORT

TENNIS