ACCEDI AL Il Messaggero.it


oppure usa i dati del tuo account

Juventus, Howedes si presenta: «Un privilegio essere tra i primi cinque club al mondo»

Juventus, Howedes si presenta: «Un privilegio essere tra i primi cinque club al mondo»

TORINO – La voglia di rimettersi in gioco dopo 16 anni allo Shalke 04, “Il colpo che chiude il mercato estivo della Juventus” per Beppe Marotta. Esperienza, personalità (capitano allo Shalke e pilastro della nazionale tedesca) e duttilità al servizio di Allegri. Garantisce Khedira. Non avrà i piedi di Bonucci ma Benedikt Howedes è l’acciaio che serviva alla difesa bianconera. “Arrivo in uno dei cinque club più importanti al mondo, per me è un onore e un privilegio, sono convinto che trascorrerò a Torino anni fantastici”. Ottimista senza paura: la prima esperienza all’estero in carriera non spaventa chi vanta un Mondiale (Brasile 2014) in bacheca. “Come tutti i giocatori della Nazionale il mio obiettivo è far parte del gruppo per i prossimi Mondiali, ma intanto penso alla Juve: qui posso giocare al livello più alto che ci sia, anche in Champions League, questo mi aiuterà a raggiungere il top. Con Khedira ci siamo già sentiti su Whatsapp e abbiamo parlato di persona, è un ottimo interlocutore per me, ci siamo confrontati parecchio. Voglio fare questa esperienza, e poter contare su uno come Sami sarà importante, mi potrà dare ottimi consigli”. Nessun paragone con Bonucci, per ora. “Mi considero un leader per i sei anni da capitano dello Schalke. Ma qui prima devo adattarmi. Sono un altro giocatore rispetto a Bonucci, ho fatto un percorso diverso, i confronti non mi sembrano opportuni. Voglio essere giudicato per le mie prestazioni in campo. Il numero 21? E’ stato indossato da grandissimi giocatori, l’ultimo è stato Dybala, è un onore indossarlo. Oggi ho fatto i test fisici, non mi sono ancora allenato con i compagni. Allegri mi ha fatto una splendida impressione. Sono multifunzionale: posso giocare a tre o quattro, al centro o terzino. Anche sinistro”. Per la Champions non manca molto: “Due finali in tre anni significano che si è sulla strada giusta. In partite così difficili serva un po’ di fortuna, prima o poi sarà al fianco della Juve che potrà sollevare la coppa. Higuain? Ci siamo visti stamattina ma non abbiamo parlato della finale dei Mondiali, non sarebbe il massimo presentarsi così il primo giorno…”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA



Di Francesco: "Schick non è libero con la testa"
Video

Di Francesco: "Schick non è libero con la testa"

  • Monchi: "La Roma non sta smobilitando, ma ascolto le offerte"

    Monchi: "La Roma non sta smobilitando,...

  • Karsdorp: controlli medici a Villa Stuart

    Karsdorp: controlli medici a Villa Stuart

  • Di Francesco: “Pressioni e mercato possono condizionare i giocatori”

    Di Francesco: “Pressioni e mercato...

  • Costacurta: «Vorrei che negli stadi si...

  • Di Francesco al convegno “Il calcio e chi lo racconta”

    Di Francesco al convegno “Il calcio e...

  • Torino, Damascan il nuovo granata

    Torino, Damascan il nuovo granata

  • Golf for Autism

    Golf for Autism

Prev
Next
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

CALCIO

MOTORSPORT

TENNIS