ACCEDI AL Il Messaggero.it


oppure usa i dati del tuo account

Unicusano Fondi, ecco l'ex Akragas
Marino. Tra i pali torna Calandra

Il portiere Anthony Calandra

Primi due colpi nel mercato invernale dell’Unicusano Fondi Calcio (Lega Pro). Arrivano in maglia rossoblù, come già anticipato nei giorni scorsi, il difensore centrale Daniele Marino e il portiere Anthony Calandra. Marino, classe ’88, capitano dell’Akragas, ha collezionato con il club siciliano tredici presenze per 1.100’ segnando tre reti: doppietta con la Reggina e altro centro al Taranto. Oltre che con l’Akragas, il 28enne calciatore originario di Roma ha giocato per diverse annate in terza serie con Melfi, Campobasso, Gubbio, Sambenedettese e Aprilia per un totale di 168 presenze e sei gol. Nel 2014-15 ha militato con il Taranto nel campionato di serie D. A livello giovanile è inoltre cresciuto nel Lecce, poi un anno nelle file del Napoli prima di vivere tre stagioni con la casacca dell’Inter.

L’altro arrivo, ma si tratta soprattutto di un ritorno, è quello del giovanissimo portiere palermitano Anthony Calandra, classe 1997, già lo scorso anno alle dipendenze degli universitari, protagonista assoluto sia dei play-off che della Coppa Italia quando nella finale di serie D giocata a Firenze contro l’Oltrepovoghera parò due rigori, il secondo dei quali fu anche l’ultimo della serie dei tiratori avversari. Il numero uno siculo ha iniziato la stagione nel Bisceglie in serie D e sarà disponibile per l’amichevole di sabato 14 gennaio alle 15 al Francioni contro il Latina di serie B.

Il responsabile dell’area tecnica Luca Evangelisti, decisivo per lo sbarco di Marino e Calandra, parla così del mercato dell’Unicusano. “Sarà una sessione di scambi perché con la lista a 16 calciatori over qualcuno sarà in difficoltà. Siamo alla ricerca di un attaccante, di un difensore centrale e di un giovane esterno basso. Poi, nel caso si presentassero altre opportunità, saremo pronti a coglierle per poter mettere la ciliegina sulla torta. Dobbiamo completare l’organico con giocatori che possano offrire più soluzioni all’allenatore. Giochiamo con un 4-3-3, ma vorremmo avere anche la possibilità di cambiare modulo in corso di gara”. Molto appetito da diversi club anche di categoria superiore è il centrocampista centrale Ivan Varone (classe ’92), legato al club rossoblù fino a giugno 2018: per lui quest'anno ben 20 presenze in campionato (di cui 17 da titolare) con tre gol e un assist. Il mediano ha attirato le attenzioni di Messina, Pro Vercelli, Avellino e Latina.


© RIPRODUZIONE RISERVATA



Gandini: «La Lega di Serie A non è responsabile del fallimento Italia»
Video

Gandini: «La Lega di Serie A non è responsabile del fallimento Italia»

  • Highlights campionato calcio a 5

    Highlights campionato calcio a 5

  • Ministro Lotti: «Il calcio italiano va rifondato»

    Ministro Lotti: «Il calcio italiano va...

  • Malagò: «Fossi in Tavecchio mi dimetterei»

    Malagò: «Fossi in Tavecchio mi...

  • Barzagli: "Abbiamo dato una mazzata al calcio italiano"

    Barzagli: "Abbiamo dato una mazzata al...

  • Italia, la pagina più nera del pallone azzurro: il commento di Massimo Caputi

    Italia, la pagina più nera del...

  • Italia-Svezia 0-0, azzurri fuori dal Mondiale: il videocommento di Ugo Trani

    Italia-Svezia 0-0, azzurri fuori dal...

  • Italia-Svezia, l'entusiasmo dei tifosi Azzurri a San Siro

    Italia-Svezia, l'entusiasmo dei tifosi...

Prev
Next
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

CALCIO

MOTORSPORT

TENNIS