ACCEDI AL Il Messaggero.it


oppure usa i dati del tuo account

Ladispoli, Cardella: «Ora sogno di tornare in serie D con questa maglia»

Federico Cardella (foto Gentile @RIPRODUZIONE RISERVATA)

È stato sicuramente il protagonista della prima giornata di ritorno, nel nuovo anno solare inaugurato domenica scorsa con una vittoria interna contro la Lepanto. Con la sua tripletta, Federico Cardella ha preso per mano il Ladispoli regalando il primato solitario alla formazione di Pietro Bosco.

Federico, meglio di così il 2018 non poteva iniziare…
“Si, sicuramente l’anno è iniziato nel migliori dei modi possibili. La cosa più importante è aver conquistato il primato in solitaria. Per quanto mi riguarda è normale che avendo messo a segno una tripletta sono molto soddisfatto, soprattutto perché i miei gol sono stati decisivi per la conquista di tre punti in una partita complicata contro un avversario di tutto rispetto.”

A ventitre anni, già con un curriculum importante alle spalle, hai raggiunto quella maturità tale da poter ritenerti un giocatore completo?
“Ogni anno cerco migliorare ed imparare dai miei compagni di squadra più esperti. Qui a Ladispoli ci sono tanti calciatori importanti, e questo mi aiuta molto. Il mio sogno è quello di tornare a giocare in categorie superiori, farlo con il Ladispoli sarebbe il massimo”.

Ladispoli, una piazza che aiuta un calciatore ad esprimersi al meglio…
“Posso dire di aver girato tante squadre ma allo stesso tempo di non aver trovato una realtà così organizzata e professionale. La società ci mette a disposizione tutto, ma allo stesso tempo ci permette di lavorare con tranquillità. L’ambiente è sereno e questo ci aiuta a dare il massimo per ripagare i loro sforzi. Dico sempre che il Ladispoli è una società di professionisti nel mondo dei dilettanti”.

Domenica c’è una partita importante contro una squadra in salute come l’Eretum Monterotondo. Che gara ti aspetti?
“Sarà un gara difficilissima, su un campo storicamente ostico. Come tutte le trasferte, ci sarà da soffrire. Loro hanno giocatori di qualità e di categoria come Mereu, De Marco, Razzini, Moronti e Giustini. La nostra mentalità ed il nostro obiettivo è quella di andare a vincere su tutti i campi.  Mi aspetto una grande partita.

Un augurio che ti senti di fare per il 2018?
“Spero di vincere il campionato e contribuire a questo sogno aiutando i miei compagni di squadra, dando il massimo per questa splendida società. Sarebbe una grande soddisfazione e un sogno bellissimo da realizzare”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA



Arbitro Chapron perde la testa
Video

Arbitro Chapron perde la testa

  • Intervista a Paolo Barelli di Massimo Caputi

    Intervista a Paolo Barelli di Massimo Caputi

  • Con gli occhi di una campionessa: Sofia Goggia si racconta in 90 secondi

    Con gli occhi di una campionessa: Sofia...

  • Monchi e Baldissoni rientrano a Roma dopo il meeting a Londra

    Monchi e Baldissoni rientrano a Roma dopo il...

  • Andrea Petkovic, show in campo

    Andrea Petkovic, show in campo

  • Machach a Villa Stuart per le visite mediche con il Napoli

    Machach a Villa Stuart per le visite mediche...

  • Roma, Castan a Villa Stuart per le visite mediche con il Cagliari

    Roma, Castan a Villa Stuart per le visite...

  • Panini, presentato il nuovo album dei calciatori

    Panini, presentato il nuovo album dei...

Prev
Next
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

CALCIO

MOTORSPORT

TENNIS