ACCEDI AL Il Messaggero.it


oppure usa i dati del tuo account

​Lazio, Inzaghi: «Servirà la partita perfetta. Io alla Juventus? Hanno Allegri, uno dei migliori»

Inzaghi: «Servirà la partita perfetta. Io alla Juventus? Hanno Allegri, uno dei migliori»

Dopo la sosta, torna il campionato. Alla vigilia della trasferta con la Juventus, il tecnico della Lazio, Simone Inzaghi, ha parlato in conferenza stampa nel centro sportivo di Formello: 

Preparazione. «C’è stata la sosta e abbiamo cercato di lavorare, perché con tutte le partite che abbiamo avuto non ci siamo allenati ne migliore dei modi. Chi è rimasto qui ha lavorato bene. Abbiamo fatto il possibile per recuperare i giocatori. Riavremo Bastos, e vedremo domani se giocherà dall’inizio. Gli altri sono rientrati da poco. Abbiamo lavorato nel modo giusto».
 



Ricordo della Supercoppa. «Qualcosa si è ripreso a livello tattico, ma sappiamo che domani dovremo avere una grandissima umiltà e furore agonistico. Siamo già stati in quello stadio, troveremo una Juventus arrabbiata per il pari di Bergamo e troveremo uno stadio molto difficile. Lì sono quasi imbattibili e faremo la nostra gara con personalità».

Risposte. «Le ultime volte che siamo stati lì non abbiamo fatto bene. La Juventus ha dominato negli ultimi anni ed è di un altro livello. Dovremo fare la partita perfetta, sperando che non siano in giornata top».

Infermeria. «Stiamo procedendo secondo i tempi previsti. Sapevamo che Wallace con un problema al polpaccio avrebbe potuto ritardare il recupero. Con il polpaccio non si scherza. Gli ho parlato e gli ho detto che lo aspettiamo a braccia aperte».

Nani. «Non è andato in nazionale, ha lavorato molto bene. Cresce di settimana in settimana e verrà impiegato, perché se lo sta guadagnando sul campo. Non gli regalerò nulla».

Recuperi. «Marusic e Patric ieri avevano qualche problemino e stavano molto meglio. Mauri ha smaltito il fastidio».

Juventus Stadium. «Da tanto tempo non si vince a Torino, ma è una domanda che andrebbe fatta a tutte le squadre di Serie A. E’ capitato ramante di fare risultato».

Tour de force. «I ragazzi sono stati avvertiti. Le prossime partite saranno quattro trasferte. Sarà un ciclo più duro di quello di settembre. Dovremo affrontarlo nel migliore dei modi».

Favorita. «Tutti gli anni la Juventus ha perso dei giocatori, ma li ha sostituti ne migliore di modi. Sarà una Juventus da vertice e andrà molto bene in Champions Leage. Scudetto? Il Napoli si è avvicinato tanto, continuando a lavorare sugli stessi principi, ma nessuno può prevedere». 

Gap. «Il divario c’è e ci sarà sempre, perché la Juventus è costruita in un determinato modo ed è la più forte in Italia e non solo. Il 13 agosto abbiamo fatto una partita di una intensità unica, nell’approccio e nel non mollare. Abbiamo meritato la coppa. In partite singole tutto può capitare. Bisognerà dare il 110%, solo così potremo limitarmi».

Apprezzamenti. «Le lusinghe lette fanno piacere, ma la Juventus ha Allegri che è uno dei top in Europa, avendo vinto lì e al Milan».

Tattica. «Al di là del modulo o dell’interpretazione, sappiamo che giocherà Mandzukic, Dybala, Higuain e uno tra Douglas Costa e Cuadrado».


© RIPRODUZIONE RISERVATA



Di Francesco: "Schick non è libero con la testa"
Video

Di Francesco: "Schick non è libero con la testa"

  • Monchi: "La Roma non sta smobilitando, ma ascolto le offerte"

    Monchi: "La Roma non sta smobilitando,...

  • Karsdorp: controlli medici a Villa Stuart

    Karsdorp: controlli medici a Villa Stuart

  • Di Francesco: “Pressioni e mercato possono condizionare i giocatori”

    Di Francesco: “Pressioni e mercato...

  • Costacurta: «Vorrei che negli stadi si...

  • Di Francesco al convegno “Il calcio e chi lo racconta”

    Di Francesco al convegno “Il calcio e...

  • Torino, Damascan il nuovo granata

    Torino, Damascan il nuovo granata

  • Golf for Autism

    Golf for Autism

Prev
Next
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

CALCIO

MOTORSPORT

TENNIS