ACCEDI AL Il Messaggero.it


oppure usa i dati del tuo account

Lazio, Lotito: «Roma ancora senza stadi per miopia politica»

Lotito: «Roma ancora senza stadi per miopia politica»

Claudio Lotito non ci sta. «Perché la Lazio ha speso meno di quanto incassato? Queste sono dichiarazioni sono destituite di fondamento, ha speso molto di più». Così ha detto il numero uno biancoceleste, a margine della presentazione della "Mezza Maratona per la Pace", in programma il 17 settembre per le strade di Roma. Il presidente, soddisfatto per il positivo inizio di stagione, è tornato a parlare del marcato estivo: «Ho detto di avere concluso con un utile? Sì, ma l’utile del bilancio è composto da varie componenti, l’aspetto economico, quello finanziario, che può significare ricorrere o meno all’ausilio di proventi esterni – ha dichiarato Lotito -. La Lazio chiude con un utile importante, significa che tra costi e spese c’è un delta positivo. Ma non è solo per la spesa dei giocatori, va aggiunto il monte stipendi e altre componenti come la gestione quotidiana. Se spendi 30 milioni per un giocatore e fa un contratto per 5 anni, bisogna tenere in considerazione anche l’ammortamento. A meno che non sia una cosa legata a un servizio, ad esempio un prestito. Quello che dite quindi è totalmente falso».

Stadio. Sulla possibilità di avere uno stadio di proprietà, il numero uno della Lazio ha detto: «Non c’è nessun dialogo, lo abbiamo fatto all'epoca e siamo stati rimandati indietro. La miopia politica ha portato al fatto che Roma non abbia squadre con stadi di proprietà».

Talenti. In merito alle operazioni portate a termine dal direttore sportivo Igli Tare, il presidente ha ammesso: «Abbiamo comprato due talenti (Bruno Jordao e Pedro neto, ndr). Hanno un costo importante. Abbiamo acquisito una serie di giocatori di esperienza e qualità tecnica. Non facciamo come il marchese del grillo, non vendiamo la carbonella a 10 e compriamo la legna a 100. Compriamo la legna a uno e la vendiamo a 300». Sull’esplosione di Luis Alberto ha poi aggiunto: «Se me lo aspettavo così? Lo abbiamo preso per questo. Non è che compriamo con l’estrazione del lotto».

Aspettative. Dopo la conquista della Supercoppa contro la Juventus e la vittoria per 4-1 con il Milan, nell’ambiente si respira un’aria positiva. «Il tifoso della Lazio deve essere paziente e fiducioso nell’operato di chi amministra la società, secondo una logica del padre famiglia, spendere quello che puoi – ha ricordato Lotito -. E parlo di spesa, non di sperpero. Di investimenti. Mi auguro che il tifoso faccia questo, cosa che sta accadendo soprattutto nella Curva, che ringrazio per aver preso coscienza dell’operato di questa gestione, che non dimentica che la Lazio va amministrat non solo dal punto di vista storico sportivo. Devo coltivare patrimoni e sentimenti comuni di tutti i laziali, che devono essere preservati e tramandati. Sto cercando di mettere la Lazio nella condizione di essere auto-consistente e questo sta accadendo».


Inzaghi e il futuro. «Inzaghi piace alla Juve? Nel calcio si trovano i giocatori, gli allenatori, ma non i presidenti. La cosa più importante è avere un presidente-tifoso e non un tifoso-presidente, altrimenti si rischia quanto successo finora in tante squadre. Noi abbiamo la capacità di portare alla ribalta le persone grazie al lavoro di tutti. Inzaghi è una mia invenzione, l'ho portato nelle giovanili e ora sta dando i suoi frutti. Voi avete la capacità di attribuire il merito solo a una persona, ma non esistono maghi. Io riesco a fare le cose perché c'è un gruppo di lavoro: il direttore sportivo (Igli Tare, ndc), per esempio, si è rivelato una delle persone più efficienti e capaci, come avevo previsto. Il futuro di Inzaghi? Per ora ha un contratto con la Lazio, poi si vedrà»


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoledì 13 Settembre 2017 - Ultimo aggiornamento: 19:27

La Roma in partenza per Londra
Video

La Roma in partenza per Londra

  • Russia 2018, Svezia avversario da rispettare, ma nessun timore
Il videocommento di Massimo Caputi

    Russia 2018, Svezia avversario da...

  • Roma, Di Francesco scherza con i giornalisti durante la rifinitura

    Roma, Di Francesco scherza con i giornalisti...

  • Roma, rifinitura in vista del Chelsea

    Roma, rifinitura in vista del Chelsea

  • Napoli e Lazio sono certezze, Juve e Roma un cantiere, l'Inter un pericolo per tutte
Il videocommento di Massimo Caputi

    Napoli e Lazio sono certezze, Juve e Roma un...

  • Juve-Lazio, l'emozione di Strakosha

    Juve-Lazio, l'emozione di Strakosha

  • Roma-Napoli 0-1: il videocommento di Ugo Trani

    Roma-Napoli 0-1: il videocommento di Ugo...

  • Juve-Lazio, le parole di Allegri

    Juve-Lazio, le parole di Allegri

Prev
Next
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 24 commenti presenti
laziouberalles
2017-09-14 14:27:16
Vorrei morire il giorno dopo che il Flaminio,stadio che mi ricorda la mia gioventu' ed al quale sono molto legato,diventa la casa di noi laziali(non cerco la vita eterna!!!!!).Mi ricordo che da dove abitavo a Roma ci arrivavo in 30-40 minuti a piedi e anche nelle curve si vedeva bene.Ma non si potrebbe allargarlo a 40-45 mila posti?Nel futuro sempre piu' gente vedra' le partite in televisione o al computer e quindi anche uno stadio piccolo andrebbe bene.Lotito,per quanto abile gestore,dovrebbe capire che il permesso per lo stadio sulla tiberina non glielo daranno mai.Ed allora....meglio il Flaminio che l'Olimpico dove se si va in curva ci vuole un cannocchiale per vedere decentemente la partita.
H2SO4
2017-09-14 09:04:01
Il Flaminio Ristrutturato, è una perdita netta, non ci sono spazi che rendano l'operazione vantaggiosa per dare la sostenibilità economica nel tempo, ed è proprio per questa sostenibilità che c'è bisogno di opere quali lo stesso stadio proposto dalla AS Roma aveva, naturalmente vanno calibrate economicamente per dare un reddito equo senza sconfinare nella speculazione edilizia, per questo i progetti vanno vagliati e con conferenze dei servizi realizzati con la collaborazione del comune, e l'amministrazione pubblica non deve vedere il progetto solo come qualcosa da valutare con dei secchi no o si ma dovrebbe dare alternative di soluzione ai problemi riscontrati nel valutare le proposte. Solo con gli incassi dei biglietti e abbonamenti in breve tempo lo stadio solitario, come fantasticano in molti, andrebbe al macero per mancata autosostenibilità
ghirifalco
2017-09-13 23:56:13
Il bue dice cornuto all'asino........
andreasurro
2017-09-13 19:46:04
Ma quale politica. Potremmo giocare al Flaminio (ristrutturato) già da cinque anni! Pensate che bello, uno stadio al centro della città che ci si arriva a piedi da Piazza del Popolo. Invece no, lo lasciamo marcire là.
Alberone
2017-09-13 22:17:46
già...un gioiello progettato da Nervi sta cadendo a pezzi. un delitto...altro segno di decadenza di questa città.

CALCIO

MOTORSPORT

TENNIS