ACCEDI AL Il Messaggero.it


oppure usa i dati del tuo account

Luis Enrique: «E' mancata lucidità». Allegri: «Superato un grande avversario»

Luis Enrique: «E' mancata lucidità». Allegri: «Superato un grande avversario»

«Questo è il calcio, noi abbiamo pensato a giocare velocissimi, puntando la porta, ma è mancata un pò di lucidità negli ultimi metri. Si è vista una partita bella, fra due grandi squadre. Complimenti alla Juve. Quando uno non si arrende fino all'ultimo minuto e i tifosi ti spingono fino all'ultimo, questa è la conferma che siamo partiti per vincere sempre, ogni titolo». Lo ha detto Luis Enrique, dopo l'eliminazione contro la Juventus, in Champions, parlando a Mediaset premium. «La Juve ha un grandissimo allenatore, ha grandi campioni, ha tutte le possibilità di vincere, ma altre squadre pensano di fare lo stesso», ha aggiunto.

«C'è da fare i complimenti alla squadra per quello che sta facendo, è stata una partita molto bella contro un avversario di grandissimo livello. Non abbiamo sfruttato delle occasioni a campo aperto, la semifinale è un passaggio verso Cardiff, non un traguardo». Lo ha detto Massimiliano Allegri, a Mediaset premium, parlando della qualificazione alla semifinale di Champions della Juve. «Il Barcellona per due partite non ha fatto gol, complimenti ai ragazzi, che hanno peraltro ancora margini di miglioramento - ha sottolineato il tecnico -. Non dobbiamo esaltarci, ma avere entusiasmo. Siamo nel momento-clou della stagione e non bisogna mollare niente. I ragazzi hanno grande senso di responsabilità. Dobbiamo migliorare nella gestione del pallone, anche se stasera non era facile. Ci voleva una grande Juve per passare».


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoledì 19 Aprile 2017 - Ultimo aggiornamento: 23:21

La Juve è travolgente mentre il Napoli si ferma. Il crollo delle milanesi favorisce la Lazio.
Di Massimo Caputi
Video

La Juve è travolgente mentre il Napoli si ferma. Il crollo delle milanesi favorisce la Lazio. Di Massimo Caputi

  • Lazio-Palermo 6-2: il videocommento di Emiliano Bernardini

    Lazio-Palermo 6-2: il videocommento di...

  • Spalletti: «Teniamo duro fino alla fine»

    Spalletti: «Teniamo duro fino alla...

  • Tavecchio: "Il commissariamento è un atto punitivo"

    Tavecchio: "Il commissariamento...

  • Nicchi: "Moviola in campo già dalla prossima stagione"

    Nicchi: "Moviola in campo già...

  • Florenzi: «Il mio infortunio non ha indebolito la Roma»

    Florenzi: «Il mio infortunio non ha...

  • Vandali deturpano il murale di Totti a Monti

    Vandali deturpano il murale di Totti a Monti

  • Ranieri: «Allenare la Lazio? Adesso non accetterei»

    Ranieri: «Allenare la Lazio? Adesso...

Prev
Next
COMMENTA LA NOTIZIA
4 di 4 commenti presenti
vincenzone
2017-04-20 11:17:51
sono mancati i tre tenori la' davanti. Neimar e' partito guizzando e l'hanno subito riempito di calci. Messi intimidito e irriconoscibile e' uscito anche lui pesto e sanguinante., Suarez ha fatto vedere solo....i suoi dentoni. Non e' bastato il buon Iniesta, lucido e fattivo, prima di spegnersi nel marasma generale. Ha vinto la fisicità e ora spero che ai gobb icapiti la fisicita' dell'Atletico. Mi sembra evidente che al Barcellona si e' chiuso un ciclo. La rimota col PSG e' stata solo una serie di irripetibili concause. Mi spiace infine per Louis , sempre signore e paziente quando qui a Roma ha sperimentato l'incredibile assurdo regno del sultano. C'est la vie.
percheiosoioevoinunseteunc...
2017-04-20 17:40:49
Mi pare che il fallo piu' brutto lo abbia commesso proprio Neymar..... non sara' che il 'tifo' oscura la capacita' di giudizio e l'obiettivita'? Certo, CERTE squadre hanno giocatori molto piu' delicati e corretti... fatevelo dire da Rafinha..... lui ne sa qualcosa.
sognatore romanista
2017-04-20 08:04:02
Luis anche dopo la sconfitta cocente non vede al di la' della sua presunzione! Ma quale porta avrebbero puntato...quella d' uscita? Hanno sempre sbattuto contro i difensori centrali rubentini, e non hanno mai centrato lo specchio della porta, limitandosi a tirare da fuori area. Ma lui, come un toro infuriato che va a finire sempre con le corna addosso alle tavole dell' arena, e non acchiappa mai il torero, ha continuato con una tattica ridicola a far giocare i suoi allo stesso modo. Con quei giocatori che ha, avrebbe dovuto cercare di far uscire gli avversari, portandoli a giocare a centrocampo, per poi ripartire veloce, puntando sull' orgoglio rubentino che li avrebbe forse spinti a cercare il gol al Nou Camp. Ma la vera differenza l' hanno fatta il fisico e la resistenza. Troppi fringuelli leggerini e impauriti tra spagnoli...
percheiosoioevoinunseteunc...
2017-04-20 18:05:48
Che serataccia...... un mal de fegato......

CALCIO

MOTORSPORT

TENNIS