ACCEDI AL Il Messaggero.it


oppure usa i dati del tuo account

Manchester, cori sessuali a Lukaku: tifosi dello United accusati di razzismo

Manchester, cori sessuali a Lukaku: tifosi dello United accusati di razzismo

Cori razzisti da parte dei suoi stessi tifosi: vittima dell'involontaria discriminazione razziale è l'attaccante belga Romelu Lukaku, «celebrato» dai supporters del Manchester United per la sua (presunta) abbondante virilità. Un banale e pericoloso stereotipo - denuncia l'associazione anti-razzista Kick It Out - che descrive tutti i neri come «superdotati». Da qui l'invito rivolto al club, e prontamente accolto dallo stesso United, di assumere immediati provvedimenti per far tacere i propri tifosi. Perché - e qui sta il paradosso della notizia - in questa occasione la vittima della discriminazione razziale, per quanto involontaria, non è un avversario, ma uno dei beniamini dell'Old Trafford. Lo sfortunato ritornello è stato sentito per la prima volta in occasione della gara casalinga dei Red Devils, settimana scorsa in Champions League contro il Basilea. Nelle intenzioni dei tifosi dello United, le parole - lontanissime dal voler risultare offensive - rappresentavano un riconoscimento delle qualità di Lukaku, il migliore dei suoi in questo avvio di stagione. Almeno fino alla censura sollevata dai dirigenti di Kick It Out, l'organizzazione che combatte il razzismo in tutte le sue discriminazioni nel calcio. «Gli stereotipi razzisti non sono mai accettabili nel calcio o nella società in generale, quale che sia l'intenzione di mostrare sostegno a un atleta - le parole di un portavoce di Kick It Out -. Abbiamo contattato il Manchester United sulla questione e lavoreremo in stretto contatto con il club e con la Football Association per fare in modo che si ponga fine rapidamente a questo stato di cose». Fonti interne allo United hanno confermato di essere a conoscenza del caso, e che presto verranno prese nel necessarie misure.


© RIPRODUZIONE RISERVATA



Lazio, Diaconale contro Giacomelli: «Gara segnata dal pregiudizio»
Video

Lazio, Diaconale contro Giacomelli: «Gara segnata dal pregiudizio»

  • Lazio-Torino, il videocommento di E. Bernardini

    Lazio-Torino, il videocommento di E....

  • La Roma sciupa e il Napoli gira a vuoto: sorride solo l'Inter. Il videocommento di Massimo Caputi

    La Roma sciupa e il Napoli gira a vuoto:...

  • Chievo-Roma 0-0: il videocommento di Ugo Trani

    Chievo-Roma 0-0: il videocommento di Ugo...

  • Di Francesco: “I rinnovi non mi meravigliano. Tanti ambiscono alla Roma”

    Di Francesco: “I rinnovi non mi...

  • Di Francesco: "Lo scorso anno 87 punti e non si è vinto niente"

    Di Francesco: "Lo scorso anno 87 punti...

  • Totti e il nome impronunciabile del bar: il saluto del capitano è esilarante

    Totti e il nome impronunciabile del bar: il...

  • Monchi: "La partita con il Chievo sarà la prova del nove"

    Monchi: "La partita con il Chievo...

Prev
Next
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 5 commenti presenti
Scioccolade
2017-09-19 21:38:42
ricordo che cori dello stesso tipo erano rivolti dai tifosi della mia Lazio al difensore Diakite'. Fatti da un pubblico maschile sembrano indicare ammirazione e forse un pizzico di invidia. Certo, non sono il massimo di finezza, derivano da un cliche' stereotipato, ma vogliamo bollarlo di razzismo? Il politicamente corretto petulante e onnipresente assomiglia sempre piu' al puritanesmo dell'Esercito della Salvezza americano, e non a caso nasce li'. E andiamo, su!
blatero
2017-09-19 19:58:38
La fine dell'articolo è geniale. Verranno prese le necessarie misure...
ernonnetto
2017-09-19 18:16:58
Lo chiameranno Lufavonu!
papa max roma
2017-09-20 11:36:09
ahahahahahaha .. grande er nonnetto ..!!
marcos233223
2017-09-19 18:05:28
questi stanno fuori...non capisco il razzismo nel cantare "il nostro genio belga con un pene di 24 pollici e la cappella che gli arriva ai piedi"??? mah!

CALCIO

MOTORSPORT

TENNIS