ACCEDI AL Il Messaggero.it


oppure usa i dati del tuo account

Nicchi si richiude a riccio: «Non siete
ancora pronti ad ascoltare gli arbitri»

Nicchi si richiude a riccio: «Non siete 
ancora  pronti ad ascoltare gli arbitri»

«L'obiettivo di far parlare gli arbitri rimane, ma abbiamo fatto un grande passo indietro». Marcello Nicchi richiude subito la porte al dialogo stampa-arbitri, il grande muro che da sempre divide le due categorie e che penalizza, soprattutto, lil pubblico che vede le partite. Il presidente dell'Associazione italiana arbitri, com'è nel suo modo di essere, non gradisce critiche (è vero, a volte troppo accese) alla sua squadra, al suo modo di operare, partendo dal presupposto che sbaglia chi giudica da fuori il campo e non chi in mezzo al campo, a volte, commette errori anche evidenti, talvolta senza pagarne le conseguenze. Nicchi ha parlato il giorno dopo un turno di campionato tranquillo, che ha fatto seguito alle accese polemiche della scorsa settimana, scaturite sul match Juventus-Milan e il rigore concesso ai bianconeri nei minuti di recupero.

Ospite di 'Radio anch'io Sport' su Rai Radio1, Nicchi punta l'indice su «quelli che non vogliono bene al calcio, chi non ha parlato in questo periodo di partite belle da vedere non vuole bene al calcio. È chi non conosce il regolamento, chi estrapola una frase per fare un titolo, sono questi quelli che non fanno il bene del mondo sportivo e scolastico. Poi ci sono tante persone che se ne intendono e lavorano per il bene del calcio. Abbiamo parlato troppo e a sproposito di un calcio di rigore o di una rimessa laterale e non della bellezza del calcio e del danno che si fa ai settori giovanili».

Il numero uno degli arbitri traccia poi un bilancio positivo dell'ultimo turno di campionato. «Speriamo ne arrivino tante di queste giornate, siamo contenti ma non siamo neppure allarmati quando ingiustamente vengono attaccati gli arbitri. Il mio ruolo è infondere certezze e tranquillità ed è quello che stiamo facendo, gli arbitri lavorano perché si evitino errori ma anche polemiche inutili». E sulle polemiche legate all'operato degli arbitri aggiunge: «Noi abbiamo fatto in generale degli errori, ma li fanno anche calciatori e allenatori, succede a chi opera. Abbiamo dato la sensazione che il calcio al suo interno non sia compatto come dovrebbe. Si vedono ancora cose che non si dovrebbero vedere come le proteste; ieri si è protestato meno e gli arbitri hanno lavorato meglio. Nel giro di 2-3 anni cambierà il 50% degli arbitri di vertice, abbiamo l'obbligo di prenderci il rischio per l'inserimento di qualche giovane».

E sull'ipotesi di vedere gli arbitri parlare con la stampa al termine delle partite ribadisce: «In questo momento, visto su cosa si basano le discussioni, il nostro parlare sarebbe uno strascico alle polemiche. Verrebbe ripresa mezza frase per alludere a qualcosa che non è la verità. Penso che gli allenatori dovrebbero parlare un pò meno o magari un giorno si dovrebbero far parlare arbitro e allenatore assieme». Sull'introduzione della Var, Nicchi conclude: «Se avrebbe evitato le polemiche di Juve-Milan? Per me potevano anche aumentare, o forse no. Sono curioso di vedere questo aiuto agli arbitri. Vedrete che invece di criticare gli arbitri si criticheranno i registi che forniscono le immagini».


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lunedì 20 Marzo 2017 - Ultimo aggiornamento: 18:51

La Juve è travolgente mentre il Napoli si ferma. Il crollo delle milanesi favorisce la Lazio.
Di Massimo Caputi
Video

La Juve è travolgente mentre il Napoli si ferma. Il crollo delle milanesi favorisce la Lazio. Di Massimo Caputi

  • Lazio-Palermo 6-2: il videocommento di Emiliano Bernardini

    Lazio-Palermo 6-2: il videocommento di...

  • Spalletti: «Teniamo duro fino alla fine»

    Spalletti: «Teniamo duro fino alla...

  • Tavecchio: "Il commissariamento è un atto punitivo"

    Tavecchio: "Il commissariamento...

  • Nicchi: "Moviola in campo già dalla prossima stagione"

    Nicchi: "Moviola in campo già...

  • Florenzi: «Il mio infortunio non ha indebolito la Roma»

    Florenzi: «Il mio infortunio non ha...

  • Vandali deturpano il murale di Totti a Monti

    Vandali deturpano il murale di Totti a Monti

  • Ranieri: «Allenare la Lazio? Adesso non accetterei»

    Ranieri: «Allenare la Lazio? Adesso...

Prev
Next
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

CALCIO

MOTORSPORT

TENNIS