ACCEDI AL Il Messaggero.it


oppure usa i dati del tuo account

Florenzi, Pellegrini e Under: chiara e fresca catena di destra che corre, si trova e funziona

Florenzi, Pellegrini e Under: chiara e fresca catena di destra che corre, si trova e funziona

Chiara e fresca catena di destra. Quella che ha tanto fatto dannare Eusebio Di Francesco fino a questo momento. Peres, Defrel, con dentro Nainggolan o Strootman. Poi si è aggiunto il "terzino" Juan Jesus nella sfortunata partita contro l'Inter. In attesa di Schick a tempo pieno (col Verona solo un piccolo assaggino) e di Mahrez, che non è arrivato e né arriverà, e in attesa del convalescente Karsdorp, Eusebio contro il Verona propone, dal basso verso l'alto, Florenzi, Pellegrini e Under. Tre (quasi) esordienti stagionali. Ovvero, due di loro, Under e Florenzi mettono piede per la prima volta in questo campionato, per Pellegrini è invece la prima da titolare, perché qualche minuto lo ha messo nelle gambe a Bergamo nella prima giornata (oltre che con l'Atletico Madrid in Champions).

Fresca catena di destra, che corre, si trova bene e funziona. Chiaro, al netto del valore dell'avversario, che in quattro partite ha messo in classifica solo un punto (pari a Crotone, 0-0). Florenzi si rivede dopo quasi un anno e due interventi al ginocchio: voglia di correre, tanta. E alla fine ci riesce: gioca novanta minuti senza risparmiarsi mai e sfodera un assist dei suoi dopo una bella giocata sulla destra. Dzeko ringrazia. Under è il ragazzino di cui si è parlato un gran bene dopo le amichevole negli Stati Uniti, poi messo in cantuccio forse anche perché l'allenatore ha voluto affidarsi ai più esperti, che però in questo momento non hanno ancora la forza fisica giusta per tenere botta. Under corre, mostra qualità nel piede e interpreta bene il ruolo di esterno alto del 4-3-3 difranceschiano. Non sarà un titolare, almeno per ora, ma quantomeno fa capire che in certe situazioni può essere utile.

E infine, il terzo della catena: Pellegrini. Lui, figlioccio di Di Francesco (e figlioccio della Roma) fino a ora non aveva mai giocato da titolare. Accidenti, che bel giocatore ma non lo scipriamooggi: col Sassuolo ha fatto vedere grandi qualità, entrando nel giro della Nazionale. Ma dici: un conto è il Sassuolo... Sì è vero, ma la pasta è quella. E adesso corre il doppio degli altri, con una qualità visibile. Pure qui, Strootman sarà il titolare, ma Pellegrini è lì, un buon dodicesimo. Per ora. La partita con il VErona, oltre che per la lite tra Gerson e Peres a fine partita, andrà ricordata per gli esordi di alcuni che fino ad ora erano stati tenuti nascosti per vari motivi: Schick, come detto Under e Florenzi, poi Moreno e Gerson. Dei nuovi manca Gonalons, un po' sparito dai radar, oltre Castan e Skorupski, che più che nuovi sono dei ritorni.
 


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sabato 16 Settembre 2017 - Ultimo aggiornamento: 23:06

Campioni di beneficenza in campo a Casal Palocco
Video

Campioni di beneficenza in campo a Casal Palocco

  • Inzaghi: «Juve quasi imbattibile ma ci proveremo»

    Inzaghi: «Juve quasi imbattibile ma ci...

  • Di Francesco: «Il Napoli? Resta la Juve la squadra da battere»

    Di Francesco: «Il Napoli? Resta la...

  • Di Francesco: «El Shaarawy gestito con poca attenzione dalla Nazionale»

    Di Francesco: «El Shaarawy gestito con...

  • Di Francesco: «Nessuna fretta per Schick, quando sarà in grado giocherà»

    Di Francesco: «Nessuna fretta per...

  • Koulibaly in ESCLUSIVA al Messaggero: «Sarri è un genio del calcio»

    Koulibaly in ESCLUSIVA al Messaggero:...

  • Koulibaly in ESCLUSIVA al Messaggero: «Battiamo Roma e Juve»

    Koulibaly in ESCLUSIVA al Messaggero:...

  • Nuoto, lite tra Pellegrini e Paltrinieri

    Nuoto, lite tra Pellegrini e Paltrinieri

Prev
Next
COMMENTA LA NOTIZIA
2 di 2 commenti presenti
ubrr
2017-09-17 10:43:53
Under non sarà titolare, però mi sembra un tipo di calciatore molto adatto al gioco di Di Francesco. Mi sembra uno di quei calciatori, che per gli avversari diventa un brutta gatta da pelare. Perché ti scappa in continuazione e non sa mai come prenderlo.
ghirifalco
2017-09-17 10:41:14
Troppo facile contro il Verona...aspettiamo Napoli ,Juve, Milan e Lazie...poi vediamo che musica suona.

CALCIO

MOTORSPORT

TENNIS