ACCEDI AL Il Messaggero.it


oppure usa i dati del tuo account

Roma, Di Francesco: «Squadra poco cinica, risponderemo sul campo»

Di Francesco: «Squadra poco cinica, risponderemo sul campo»

Dopo in due punti persi con il Chievo, la Roma torna in campo domani sera per conquistarne tre contro il Cagliari. È possibile che Di Francesco schieri la coppia Dzeko-Schick: «Abbiamo un tridente in cui Patrik può giocare sia al centro che a destra. Deve lavorare fisicamente, ma anche tatticamente nell’aggressione degli avversari. È un po’ indietro rispetto agli altri ma questo non vuol dire che non possa giocare domani». Sull’ipotesi panchina Nainggolan causa diffida: «Pensare già alla Juve sarebbe un grande errore, l’imminenza è il Cagliari e Nainggolan potrebbe giocare dall’inizio». Ecco le parole del tecnico in conferenza stampa:
 
Il Cagliari. «Ho visto nelle ultime gare grande impegno nonostante ha un’identità, è pericolosa davanti. Pavoletti lo conosco bene, è una squadra da temere e tenere in considerazione e noi dobbiamo giocare la partita per vincerla, perché è molto importante. Domani giocheremo con la maglia celebrativa di Telethon e le maglie dei calciatori verranno messe anche all’asta per dare un grosso contributo a Telethon». 
 
Le occasioni da gol. «Su questo si ci allena in campo e mentalmente. Si possono far vedere in tv o su una lavagna, ma bisogna allenarsi in campo. In settimana abbiamo fatto tante esercitazioni per fare gol. La squadra si muove nel modo giusto, ma è poco concreta e cinica e dobbiamo rispondere con i fatti a partire da domani». 
 
Schick. «È bello sapere che i ragazzi si sono integrati, specialmente due che potrebbero giocare per un posto. Si è adattato bene. È possibile vederli insieme, non so se domani. Ma noi non abbiamo una coppia, abbiamo un tridente in cui Schick può giocare sia al centro che a destra. Deve lavorare fisicamente ma anche tatticamente nell’aggressione degli avversari. È molto intelligente, ma ha grandi mezzi e margini di miglioramento anche fisici e questo ci fa piacere. Deve lavorare ancora tanto, è un po’ indietro rispetto agli altri ma questo non vuol dire che non possa giocare domani. I margini per migliorarsi li dobbiamo avere per forza e il fatto che le altre grandi facciano più gol di noi è un fatto. Gol in più li possiamo fare, abbiamo bisogno dei gol di tutti: Under si sta adattando anche se le difficoltà le ha avuto. Io conosco solo un modo per poter migliorare la squadra: il campo e il lavoro. Loro devono avere più convinzione e cattiveria nel cercare il gol. Dire di essere cattivi è facile, le cose però vanno fatte. Tutto va allenato, insieme con all’aspetto psicologico».
 
Tommasi presidente Figc. «Sono d’accordo. Ha tanti contenuti da poter esporre nel calcio, è un ragazzo intelligente ed equilibrato. È un ex calciatore, ma non è un calciatore, è nato per fare questo già quando era con noi. Sarei molto felice se dovesse diventar presidente».
 
Nainggolan. «È un grandissimo errore pensare che possa lasciarlo in panchina per la diffida. Pensare già alla Juve sarebbe sbagliato, l’imminenza è il Cagliari e Nainggolan potrebbe giocare dall’inizio. Anche io guardo queste cose, non in prospettiva della prossima gara ma delle condizioni generali dei giocatori. Come Strootman, che si è allenato ieri con noi».
 
Mercato. «Lo dovete chiedere al direttore. Il mio pensiero è che devo pensare a tutte le gare fino al 6 gennaio. Dico davvero, ora non mi piace pensare al mercato, è normale che ognuno fa delle valutazioni, ma è prematuro parlarne. Andremmo oltre gli obiettivi, ora c’è il Cagliari. Arriviamo al 6 gennaio, poi valuteremo anche le volontà dei giocatori che devo tenere in considerazione. Ora devo lavorare con i giocatori che ho».
 
Richieste da altre squadre. «Non c’è il rischio che mi possa distrarre. Io personalmente non ho sentito nulla. Chi si accontenta cade e non ottiene nulla. Noi stiamo lavorando dal punto di vista mentale e psicologico, tutti possono parlare bene o male, ma io sono concentrato sulla Roma. Sono contento di allenare questo club». 
 
Kolarov. «Lo faremo riposare. Emerson è migliorato tantissimo, gli manca poco per tornare come prima. Ha bisogno di fare qualche partita dall’inizio. credo che sia arrivato il suo momento, non penso sabato ma mercoledì con il Torino partirà dall’inizio».
 
Arrivare in fondo in tutte le competizioni. «Pretendo che la squadra affronti tutte le competizioni in un determinato modo. Dopo aver passato il Cagliari l’obiettivo è passare il turno di coppa, per diventare più grandi dobbiamo ambire a diventare grandi in tutte le competizioni». 
 


© RIPRODUZIONE RISERVATA



Intervista a Paolo Barelli di Massimo Caputi
Video

Intervista a Paolo Barelli di Massimo Caputi

  • Con gli occhi di una campionessa: Sofia Goggia si racconta in 90 secondi

    Con gli occhi di una campionessa: Sofia...

  • Monchi e Baldissoni rientrano a Roma dopo il meeting a Londra

    Monchi e Baldissoni rientrano a Roma dopo il...

  • Andrea Petkovic, show in campo

    Andrea Petkovic, show in campo

  • Machach a Villa Stuart per le visite mediche con il Napoli

    Machach a Villa Stuart per le visite mediche...

  • Roma, Castan a Villa Stuart per le visite mediche con il Cagliari

    Roma, Castan a Villa Stuart per le visite...

  • Panini, presentato il nuovo album dei calciatori

    Panini, presentato il nuovo album dei...

  • Lazio, Lotito: “Investiamo sulla storia. Siamo un esempio”

    Lazio, Lotito: “Investiamo sulla...

Prev
Next
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 11 commenti presenti
Scioccolade
2017-12-16 10:15:22
... ma proprio sotto Natale vuoi che diventino più "cinici"? Ma daje, un po' de spirito natalizzzio ce vole....
Nikita
2017-12-16 17:27:39
...basta che non si arrivi a Pasqua..
ubrr
2017-12-15 21:25:13
No papa Max non sponsorizzo nessuno,va benissimo anche Di Francesco,però siccome io leggo sempre del magnifico gioco di Di Francesco,della squadra polipo che cattura la palla nella metà campo avversaria e spadroneggia la partita,allora non mi spiego perché tutto questo grande gioco ha portato solo 27 gol,quando ci sono squadre che ne hanno fatti già più di quaranta. Qualcosa è da correggere se vogliamo lottare,davvero per lo scudetto,sul campo con i fatti e non con le chiacchiere. Saluti.
papa max roma
2017-12-16 11:32:08
devi contare, pero', pure pali e traverse .. e quasi arriviamo a 40 gol ..
ubrr
2017-12-15 18:50:16
Bisogna migliorare tutto migliorare significativamente la manovra offensiva,se la Juve ha fatto 20 gol più di noi significa che hanno un gioco più armonioso del nostro,per cui sul gioco ci deve mettere le mani l'allenatore. Domani con il Cagliari in casa,mi aspetto di andare in goleada,se così non fosse allora inutile illudersi e pensare cose impossibili. Bisognerebbe iniziare a pensare di prendere almeno il 4 posto. Ripeto venti gol meno della Juventus,vuol dire una sola cosa non siamo ancora una grande squadra. Bisogna iniziare a segnare a mitragliatrice altrimenti non ha senso.

CALCIO

MOTORSPORT

TENNIS