ACCEDI AL Il Messaggero.it


oppure usa i dati del tuo account

Roma, fumo di Londra: il mercato è bloccato

Roma, fumo di Londra: il mercato è bloccato

Il pressing londinese di Monchi rischia di essere eluso. Pallotta non cambia linea. «Uno esce, uno entra» rimane la filosofia del presidente che non appare intenzionato in questa sessione di mercato a intervenire nuovamente sulla squadra. La frenata in campionato e l’eliminazione in Coppa Italia sono considerate dall’imprenditore statunitense fastidiosi incidenti di percorso. Tradotto: nella sua ottica, la rosa attuale è sufficiente per competere con Napoli e Juventus. Figuriamoci per strappare un posto nella prossima Champions. 

Paradossalmente nulla di nuovo, considerando le parole di Monchi (rientrato ieri insieme a Baldissoni dalla City) nel post-gara con l’Atalanta: «Per fare mercato c’è bisogno di soldi e conoscete lo status finanziario del club». Si riparte dunque dal via, in un gioco dell’oca che a 12 mesi di distanza vede cambiare soltanto gli interpreti. Una volta c’era Sabatini, sostituito ora dal ds spagnolo. Prima era il turno di Spalletti e adesso tocca a Di Francesco. Un anno fa, la Roma rincorse invano un esterno offensivo (Feghouli, Deulofeu, Defrel, Jesé e Musonda) per poi accontentarsi del prestito di Grenier, quasi mai utilizzato da Lucio. Stavolta ci si augura che il finale possa essere diverso. Dipenderà soprattutto dall’abilità di Monchi, chiamato a riscattarsi dopo un mercato estivo caratterizzato, almeno sinora, più da ombre che da luci. 

La priorità per Eusebio è sempre l’esterno offensivo mancino da piazzare a destra. Considerando però che in rosa ci sono già Under, Defrel, Schick, Dzeko, El Shaarawy e Perotti (i primi tre arrivati in estate), l’attacco è a dir poco completo. Ci vorrebbe un’occasione, da prendere al volo grazie ad un prestito oppure con uno scambio di giocatori. Da qualche giorno alcuni intermediari stanno offrendo in Italia Vazquez, ex Palermo, che non rientra nei piani di Montella. Sebbene sia mancino, l’argentino è però più un trequartista da 4-2-3-1 che un esterno da 4-3-3. Profilo, dunque, apparentemente da accantonare. E’ tornato a circolare anche il nome di Zyech: pista tuttavia improponibile se non venisse ceduto almeno un big. Ipotesi non esclusa a Trigoria ma che al momento non trova né conferme tantomeno riscontri nelle richieste di altri club. A tal proposito, nonostante i primi sondaggi del Liverpool e del Psg su Alisson per giugno, non viene considerata una priorità, almeno adesso, ridiscutere il rinnovo del brasiliano. Tornando alle mosse in entrata, la via più semplice rimane quella individuata ormai da qualche giorno. Prendere un terzino destro che permetta a Florenzi di essere impiegato nel tridente offensivo: Darmian è la prima scelta, Juanfran l’alternativa. Più defilati Bereszynski e Manea. Arrivo comunque legato alla cessione di Peres. Il brasiliano, corteggiato dal Benfica (un emissario da ieri è a Lisbona) e dal Galatasaray, prima di dare l’ok al trasferimento vuole capire se c’è la possibilità di accasarsi in Premier (Brighton e Watford). Skorupsky ha diverse offerte (tra cui il Crystal Palace). Come vice Alisson, piace Mirante. 
 


© RIPRODUZIONE RISERVATA



Andrea Petkovic, show in campo
Video

Andrea Petkovic, show in campo

  • Machach a Villa Stuart per le visite mediche con il Napoli

    Machach a Villa Stuart per le visite mediche...

  • Roma, Castan a Villa Stuart per le visite mediche con il Cagliari

    Roma, Castan a Villa Stuart per le visite...

  • Panini, presentato il nuovo album dei calciatori

    Panini, presentato il nuovo album dei...

  • Lazio, Lotito: “Investiamo sulla storia. Siamo un esempio”

    Lazio, Lotito: “Investiamo sulla...

  • La Lazio vola mentre la Roma è in crisi. Napoli e Juventus prendono il largo
Il videocommento di Massimo Caputi

    La Lazio vola mentre la Roma è in...

  • Roma-Atalanta 1-2: il videocommento di Ugo Trani

    Roma-Atalanta 1-2: il videocommento di Ugo...

  • Spal-Lazio, il videocommento di Emiliano Bernardini

    Spal-Lazio, il videocommento di Emiliano...

Prev
Next
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 16 commenti presenti
Clamer
2018-01-14 12:18:42
Pallotta? Non pervenuto. L'inter lavora su molto tavoli e qualcosa porterà a casa sicuro. La Lazio si prende l'ottimo Caceres e risolve il problema del terzino destro. Le avversarie si rinforzano, o, quantomeno, si 'puntellano', noi invece non riusciamo a coprire le evidenti lacune sulla corsia destra, alla ripresa del campionato non è che i problemi spariranno con un colpo di bacchetta magica, ciò che non andava bene il 6 gennaio non andrà bene neanche il 21, pensare di utilizzare Peres dalle parti di perisic è pura follia.
ernonnetto
2018-01-13 16:23:12
Come gia’ detto.....se trovano milioni pe lo stadio ma due scudi per un terzino nooo? È i due sponsors? Pizza e Fichi quando cominciano a contribuire? Se ne dicono e scrivono de cassannate !
papa max roma
2018-01-13 14:36:51
i lazialotti mettono bocca cercando di far capire quale sia la vera situazione e pensando di interpretare la nostra insoddisfazione .. la nostra .. di noi, quelli davvero titolati a dare giudizi sull' operato di Pallotta, di Monchi, della squadra, di Di Francesco e della Roma in toto , nella ricerca sistematica di fare una squadra forte, in grado di dare soddisfazione a tifosi e di mettere trofei e gloria in bacheca .. poi li leggi, sti lazialotti .. Peter Rei . Andrea Surro .. Massimo Ricci .. La Roma Bianca e Azzurra .. ma che ne sanno .. ma che ce capiscono .. , in fondo .. che je frega ..
vincenzone
2018-01-13 13:25:49
ormai la frittata e' fatta. Pagare i debiti per tutte pippe, alcune colossali. Il frate ha sbagliato tutto ma ha un contratto in mano. I giocatori si sentono di passaggio e alla prima occasione buona andranno via. Siamo in ritardo anni luce se pensi che i gobbi hanno gia' la squadra del prossimo futuro. Ma dopo le ridicolaggini offerte dai tifosi di totti negli ultimi 10 anni tutto ha una sua logica. Il primo acquisto si chiamerebbe Mentalta'....... Quella cacciata via insieme a Luciano Spalletti
sognatore romanista
2018-01-14 13:04:08
Invece di parlare ancora di Totti, dicci quali sarebbero le pippe colossali comprate da questa dirigenza...io comincerei dallo strapippa numero uno: Dzeko. Poi, gli altri metticeli tu...

CALCIO

MOTORSPORT

TENNIS