ACCEDI AL Il Messaggero.it


oppure usa i dati del tuo account

Roma, Spalletti: «Il Napoli senza Milik resta pericoloso. Dobbiamo migliorare la fase difensiva»

Spalletti: «Il Napoli senza Milik resta pericoloso. Dobbiamo migliorare la fase difensiva»

«Con Milik il Napoli perde un buon calciatore, ma credo che la squadra giochi sempre con la stessa fiducia. Con Gabbiadini ha sempre fatto rispettare le attese, ha sempre segnato gol, la squadra gioca con la stessa fiducia». Luciano Spalletti non si fa ingannare dall’assenza dell’attaccante polacco che starà fermo per quasi quattro mesi dopo l’infortunio al crociato. La partita di sabato col Napoli sarà per certi versi determinante a livello psicologico: «Sicuramente è molto importante e può dare molto all’ambiente visto che sia Roma che Napoli godono e vivono dell’entusiasmo dei loro tifosi». La Roma sta trovando la corretta quadratura del cerchio, i tre punti contro l’Inter sono serviti a dare un’iniezione di entusiasmo ai calciatori reduci da un inizio stagione complicato: «Dobbiamo trovare maggiore equilibrio, non abbiamo diluito bene i gol fatti nelle partite e lo dicono i numeri. Io penso ci sia un po’ di casualità, ma la fase difensiva va assolutamente migliorata nel più breve tempo possibile perché abbiamo perso sin troppi punti» ha detto il tecnico in un’intervista a Premium Sport.

TOTTI C’È
Al centro dei pensieri di Spalletti c’è sempre Totti, il numero 10 a quarant’anni riesce ancora a ritagliarsi degli spazi da protagonista in campo: «Per il momento lo vedo calciatore: ora deve fare bene questo. A mettere le mani avanti si torna a fare quei giochini che gli tolgono forza. Ama fare questo, vuole ancora il contatto con lo spogliatoio e con l’erba: se proviamo ad accorciargli questa propensione, lui ci si attacca di più. Poi non so se riuscirà in futuro a sentirsi in un ruolo o in un altro, deve deciderlo lui, ma qualsiasi cosa faccia, la dovrà fare con la stessa qualità con la quale ha fatto il calciatore. La Roma ha bisogno di vincere».

BALDINI VICEPRESIDENTE
Il tecnico parla anche dell'addio di Sabatini: «Lui mi aveva detto qualcosa, io avevo sperato il contrario, avevo lavorato per il contrario. Quando c’è una squadra forte, ce ne vuole un’altra in società: direttore sportivo,  direttore generale, presidente. Abbiamo perso una sentinella di Trigoria, perché lui, come ha detto, viveva per la Roma, ce l’aveva addosso. Pallotta? Sta dentro la nostra situazione, vive la nostra squadra e la nostra città. Ha messo dei tasselli nei punti giusti per dare forza a questa squadra, a questo gruppo di calciatori e a questa società. E’ chiaro che se ci fosse bisogno è giusto che intervenga e si faccia sentire, ma lui più o meno fino a questo momento l’ha fatto. La mia formazione ideale: Spalletti allenatore, Baldissoni direttore generale, Sabatini direttore sportivo e Franco Baldini vicepresidente».


© RIPRODUZIONE RISERVATA



Di Francesco: "Con l'Atletico partita decisiva per poter passare il turno"
Video

Di Francesco: "Con l'Atletico partita decisiva per poter passare il turno"

  • Atletico-Roma, la vigilia: il videocommento di Ugo Trani

    Atletico-Roma, la vigilia: il videocommento...

  • La Roma vola a Madrid. Nainggolan scherza con Jesus: «Zitto, non parlo con te»

    La Roma vola a Madrid. Nainggolan scherza...

  • Pellegrini con la mano, i compagni: "Come Manolas nel derby"

    Pellegrini con la mano, i compagni:...

  • Roma, rifinitura a Trigoria in vista dell'Atletico Madrid

    Roma, rifinitura a Trigoria in vista...

  • Tavecchio alza bandiera bianca e si dimette: la conferenza stampa

    Tavecchio alza bandiera bianca e si dimette:...

  • Tavecchio si dimette, Malagò vuole commissariare la Figc: la ripartenza del calcio italiano. Il commento di Massimo Caputi

    Tavecchio si dimette, Malagò vuole...

  • Nicchi: «Tavecchio si è dimesso»

    Nicchi: «Tavecchio si è...

Prev
Next
COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
papa max roma
2016-10-11 08:38:41
e bravo Spalletti che difende tutto il management .. da qualche giorno Riky Massara e' il nuovo DS e leggendo le informazioni che girano sul suo conto capisco che Massara sara' considerato anche uno bravo, onesto, educato, sincero e gentile ma di esperienza diretta nelle trattative di vendita o acquisto dei giocatori e nelle relazioni con la squadra ne ha pochissima .. detto tra di noi avrei preferito Corvino che e' una vecchia volpe e conosce benissimo l' ambiente ..

CALCIO

MOTORSPORT

TENNIS