ACCEDI AL Il Messaggero.it


oppure usa i dati del tuo account

Torrenova, amMazza che salvezza
«Mezzo miracolo come a Guidonia»

Torrenova, amMazza che salvezza
«Mezzo miracolo come a Guidonia»

E’ riuscito in un’impresa che sembrava disperata quando a fine febbraio si è insediato sulla panchina dell’Atletico Torrenova. Paolo Mazza ha completato ai play out un’incredibile rincorsa: l’1-1 di domenica contro il Borgo Podgora al termine di 120’ durissimi è valso la salvezza per la squadra capitolina. «Una partita resa ancor più complicata dal gran caldo – spiega l’ex allenatore dell’Unipomezia – I ragazzi erano stanchissimi e hanno tirato fuori tutto quello che era loro rimasto. Siamo andati sotto a fine primo tempo e poi all’inizio del secondo abbiamo rischiato di subire il raddoppio, ma la squadra non ha mai mollato e ha cambiato passo colpendo due pali e pareggiando i conti con Orsini, un ragazzo classe 1997 alla prima da titolare con me dopo che alcuni problemi fisici lo avevano un po’ limitato. Ai supplementari abbiamo avuto qualche altra opportunità e nel finale abbiamo stretto i denti: è stata una salvezza fortemente voluta da tutto l’ambiente, dalla società ai ragazzi passando per i tifosi e per lo staff tecnico».
 
Un’impresa autentica se si pensa che l’Atletico Torrenova aveva concluso il girone d’andata ad appena 11 punti. «In questo club ho ritrovato tanti amici a cominciare dal direttore sportivo Paolo Michesi che mi aveva già chiesto la disponibilità in precedenza – sottolinea Mazza -. Quando è “tornato alla carica” non potevo dire di no, anche se avevo avvertito tutti che sarebbe stato un compito davvero arduo. E invece ce l’abbiamo fatta e addirittura ci saremmo potuti salvare direttamente se ci avessero concesso un rigore solare in un match infrasettimanale sul campo della Pro Roma».
 
Un capolavoro che Mazza accosta a un’altra sua grande “perla”. «Questa salvezza la considero come la vittoria di un campionato. E’ simile ai play off di Eccellenza raggiunti e poi vinti col Guidonia, nell’anno della penalizzazione. Un mezzo miracolo». Ora qualche giorno di riposo, poi sarà tempo di parlare di futuro… «Cerco progetti seri e qui potrebbero esserci basi interessanti, quindi l’ipotesi che si possa proseguire assieme esiste assolutamente. Ho trovato un club appassionato e lungimirante, tra non molto ci metteremo ad un tavolo e ne parleremo».


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoledì 17 Maggio 2017 - Ultimo aggiornamento: 15:38

Roma, le visite mediche per Defrel: «Sono pronto. Il mio ruolo? Punta»
Video

Roma, le visite mediche per Defrel: «Sono pronto. Il mio ruolo? Punta»

  • Roma, Defrel a Trigoria: «Non vedo l'ora di iniziare»

    Roma, Defrel a Trigoria: «Non vedo...

  • Calcio: Napoli, 4-1 al Carpi in amichevole

    Calcio: Napoli, 4-1 al Carpi in amichevole

  • Manolas e De Rossi, stop precauzionale e autografi

    Manolas e De Rossi, stop precauzionale e...

  • Di Francesco: "Mahrez ha la caratteristiche del calciatore che ci serve"

    Di Francesco: "Mahrez ha la...

  • Lazio, Lucas Leiva arriva ad Auronzo di Cadore

    Lazio, Lucas Leiva arriva ad Auronzo di...

  • Cassano ci ripensa: «Volevo smettere ma continuo»

    Cassano ci ripensa: «Volevo smettere...

  • Manolas, Dzeko e De Rossi firmano autografi a Detroit

    Manolas, Dzeko e De Rossi firmano autografi...

Prev
Next
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

CALCIO

MOTORSPORT

TENNIS