Emergenza difesa, la Lazio va in pressing su Koné del Lione

immagine Emergenza difesa, la Lazio va in pressing su Koné del Lione
E' tempo d'agire. E di comprare. Il campionato sta per tornare, ma la difesa è ancora in emergenza. Basti pensare che per il Carpi oggi ci sono solo Mauricio e Hoedt a disposizione. Una situazione delicata, anche perché tre giorni dopo, il 9 gennaio, la Lazio andrà a Firenze. E' una corsa contro il tempo. Lotito e il diesse Tare stanno cercando di accelerare e chiudere a breve per il primo acquisto del reparto difensivo, ma la situazione non è semplice. Da Formello assicurano novità imminenti. Di contatti e incontri ce ne sono davvero tanti e nelle ultime ore sembra in netta ascesa l'opzione Bakary Koné dell'Olympique Lione. Ma andiamo con ordine. In ballo ci sono sempre le candidature di De Maio, Zapata ed Heurtaux in Italia, mentre in Europa ci sono alcune situazioni che vengono monitorate ogni giorno. Appare tramontata la pista che portava a Hubocan della Dinamo Mosca o Agger del Brondby, c'è attesa invece per Douglas (Dnipro e Besiktas ancora non hanno chiuso) e diverse riflessioni su Basa, Zouma e N'Koulou. Per quest'ultimo ieri è rimbalzata una notizia dalla Francia, nella quale si sostiene con estrema certezza che il centrale del Marsiglia, in scadenza di contratto con il suo club, abbia trovato un accordo con i biancocelesti per giugno. Anche qui però non arrivano conferme da parte della società. La cosa particolare della Lazio è che, al momento, ci sarebbero due canali di trattative, con Lotito che sembra occuparsi più della zona italiana, vedi i continui colloqui con Galliani, Preziosi e Pozzo, mentre Tare è molto concentrato sulla strada che porta all'estero.

FRANCIA MON AMOUR
Al di là delle Alpi, infatti, per il primo centrale da ingaggiare a breve, pare si stia concentrando il maggiore interesse del diesse albanese. Dopo il parere negativo su Marko Basa del Lille, i biancocelesti stanno tentando di approfondire il discorso per Bakary Koné dell'Olympique Lione, un giocatore accostato alla Lazio già diverse volte, almeno un paio negli ultimi due anni. E' un centrale difensivo, classe '88, con personalità, alto 188 centimetri e piuttosto rapido. Anche lui come N'Koulou è in scadenza di contratto e non sta attraversando un gran momento dal punto di vista ambientale. Vorrebbe cambiare aria e potrebbe rivelarsi un affare dal punto di vista economico, considerato che con 2/3 milioni di euro la Lazio potrebbe convincere il Lione a lasciarlo partire.

OCCHIO A KEITA
La Lazio sta lavorando solo sulle entrate, ma potrebbero esserci scossoni imprevisti pure in uscita. Soldi che servirebbero anche per alzare l'asticella e acquistare un altro difensore e di livello. I maggiori indiziati sono Onazi e Keita. Per il primo c'è interesse in Turchia e Germania, ma il movimento maggiore è sul giovane senegalese del '95. Il Monaco ha deciso di tagliare El Sharaawy e come sostituto sta seriamente pensando di puntare su Keita. Il problema è che Lotito valuta il suo gioiello tra i 20/25 milioni di euro. Troppi anche per una società ricca come quella del Principato. Negli ultimi due giorni però si è intensificato il traffico tra procuratori del calciatore e società monegasca. E a quanto si apprende da Montecarlo sarebbero disposti ad arrivare a circa 18 milioni di euro più bonus, un totale di quasi venti milioni. Davanti a una somma di questo genere, il patron laziale potrebbe decidere di trattare e trovare una soluzione. Sarà decisiva in questo senso la prima settimana del nuovo anno. O si fa sul serio o tutto verrà rimandato a giugno. L'ex Ledesma andrà al Frosinone.

Se sei già registrato inserisci username e password oppure registrati ora al Il Messaggero.it.

HAI UN ACCOUNT SU UN SOCIAL NETWORK?

Accedi con quello che preferisci

Se non ricordi lo Username o la Password clicca qui