ACCEDI AL Il Messaggero.it


oppure usa i dati del tuo account

Il Leicester ritrova la memoria: gli ammutinati di Ranieri non smettono di vincere

Il Leicester ritrova la memoria: gli ammutinati di Ranieri non smettono di vincere

D'improvviso, forse per un caso, più probabilmente per ragioni esatte, il cielo del Leicestershire, nelle East Midlands, è tornato sereno. In una manciata di settimane i nuvoloni lividi e carichi di pioggia sono volati nelle terre dei ricordi, e il sorriso è affiorato di nuovo perfino sulla faccia dei sassi. Il mondo ora ride, l'inverno non fa più paura, addirittura il gelo è divenuto più clemente. Ma, soprattutto, il Leicester City campione d'Inghilterra in carica ha ripreso a sfrecciare. Era precipitato nell'abisso più profondo della Premier League, frequentava ormai l'idea (umiliante, va detto) di retrocedere con la corona ancora adagiata sulla testa e viaggiava in un capriccio del destino. Poi, d'improvviso, forse per un caso, più probabilmente per ragioni esatte, l'andare della stagione ha compiuto una virata tanto inaspettata quanto attesa. Dev'essere stato un colpo di vento, a sciacquar via quei temporali pazzeschi. E, a voler essere precisi, quel vento ha un nome e un cognome: Craig, Craig Shakespeare. Non è James Bond in Missione Goldfinger: al più somiglia al signor Wolf di Pulp Fiction, quello che risolveva problemi. Di sicuro, nel respiro corto di quattro-partite-quattro, Shakespeare ha restituito un presente e un futuro alle Foxes, sfruttando anche la benedizione dell'uomo dal cognome più impronunciabile del Regno, il presidente Vichai Srivaddhanaprabha.

 
IL ROMANZO
Al grande romanzo del Leicester, si sarà intuito, finora è mancato un personaggio, e certo non un attore di secondo piano. Convitato di pietra dell'opera di...Shakespeare è d'altronde Claudio Ranieri. Vale la pena di ricordare che Ranieri è stato esonerato lo scorso 23 febbraio in coda alla sfida di Champions persa contro il Siviglia. Ai giocatori delle Foxes, del resto, sembrava non riuscire naturale neppure il semplice allacciarsi gli scarpini, tanto per capirsi. Infilavano sconfitte come fossero perle di una collana: solo che la collana subito si rivelava fatta di pasta, non certo di madreperla. E, non fosse sufficiente, i giocatori tutti avevano smesso di segnare in campionato. Una «non squadra». Così, come si diceva, i dirigenti del club per qualche giorno si sono attardati a fingere di venerare Ranieri e infine hanno imboccato la via più larga: la strada dell'esonero. Licenziato Claudio, che pure non è mai stato padrone di una visione tattica geniale, il Leicester ha spiccato il volo. Un volo lieve, livellato, morbido? Figurarsi. Quattro vittorie consecutive, undici gol segnati, appena quattro subìti, una qualificazione ai quarti di finale della Champions raggiunta in rimonta contro il Siviglia. Allora la domanda che balla sull'orizzonte dell'Europa è una e una soltanto: ma è possibile? È mai possibile che una squadra che non segnava neanche a specchio aperto riesca a calare un poker di successi convincenti, a convertire i dubbiosi di ogni categoria e a regalare a sé e ai tifosi una manovra smerigliata nell'arco di tre settimane? Evidentemente è non soltanto possibile, ma reale. Dai fondali della Premier, però, risalgono in superficie dicerie e pensieri; e dagli spogliatoi, fiumi di sussurri. È logico che per la rapidità e per l'esagerazione la grande trasformazione del Leicester abbia suscitato un mare di sospetti. Troppo smaccata, la metamorfosi. E ogni indizio oggi conduce ai giocatori delle Foxes e, in particolare, al deterioramento dei rapporti tra la rosa e Ranieri. Lo hanno voluto esonerare i calciatori, ecco il fuoco che crepita sotto la cenere delle belle parole. Gli hanno teso una trappola, peccando di irriconoscenza e, di fatto, di tradimento nei confronti di chi li avevi accompagnati al trionfo. Perfino Cesare Prandelli si è insospettito, da lontano. «Con il Leicester c'è stato un approccio, ma ho subito detto di no. Non si va in un posto del genere dopo aver visto come è stato trattato Ranieri». Non appare un caso dunque che d'improvviso il cielo del Leicestershire, nelle East Midlands, sia tornato sereno.
 


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lunedì 20 Marzo 2017 - Ultimo aggiornamento: 16:58

Pallotta lascia Roma e riparte per Londra
Video

Pallotta lascia Roma e riparte per Londra

  • Totti, basta bufale!

    Totti, basta bufale!

  • Pallotta e Spalletti a cena insieme

    Pallotta e Spalletti a cena insieme

  • ESCLUSIVO – Franco Baldini a cena con Jim Pallotta e Luciano Spalletti

    ESCLUSIVO – Franco Baldini a cena con...

  • Baldissoni: «A giorni rimozione delle barriere». Malagò: «Coni preallertato»

    Baldissoni: «A giorni rimozione delle...

  • Serie A, l’imbarazzo di Beretta: «Chi andrà in Consiglio Federale? Ora non lo so…»

    Serie A, l’imbarazzo di Beretta:...

  • Lega di Serie A sempre più nel caos
Di Massimo Caputi

    Lega di Serie A sempre più nel...

  • Lega Serie A, le big lasciano l’assemblea: «Situazione insanabile»

    Lega Serie A, le big lasciano...

Prev
Next
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 8 commenti presenti
picchiodoro2000
2017-03-21 10:20:57
Solo perche' I giocatori sono il patrimonio della Societa' Calcistica altrimenti se fossi stato il Proprietario li avrei mandati tutti a coltivare patate. Ranieri si e' autocelebrato? Chi non lo avrebbe fatto vira veniva per la prima volta in Primer League ed ha vinto nel primo anno della sua in Primer League il Campionato e sta' comportandosi molto bene Coppa dei Campioni! Ma anche cambiando il Tecnico mentre si e' al quart'ultimo posto non si possono vincere quattro partite di seguito, con gli stessi giocatori ed il Vice allenatore di Ranieri. Ranieri non sara' una cima , pero' ha fatto un gran lavoro con calciatori non eccelsi. E' stato un vero e proprio ammutinamento e la Societa' dovrebbe prenderne atto.
franconegiallorosso
2017-03-20 20:20:10
Parlano i fatti...
Scioccolade
2017-03-20 16:14:47
nulla dura davvero nel calcio. Infatti celebriamo i rapporti ultraventennali come quello fra Ferguson e il Man U come le vere assolute eccezioni
cavalcalatigre
2017-03-20 15:19:33
Ranieri si e autocelebrato troppo ,dimenticandosi i giocatori .
maeres
2017-03-21 10:05:54
E già, adesso la colpa di Ranieri è quella di aver vinto il campionato...

CALCIO

MOTORSPORT

TENNIS