ACCEDI AL Il Messaggero.it


oppure usa i dati del tuo account

Conte fa festa: il Chelsea batte 0-1 il West Bromwich e vince la Premier League

Conte fa festa: il Chelsea batte 0-1 il West Bromwich e vince la Premier League

Il Chelsea è campione d'Inghilterra per la sesta volta nella sua storia. La squadra allenata da Antonio Conte, che nell'albo d'oro dei tecnici vincitori della Premier League succede a Claudio Ranieri che trionfò l'anno scorso con il Leicester, ha ottenuto la certezza matematica del titolo vincendo per 1-0 sul campo del West Bromwich, con gol di Batshuayi (entrato poco prima al posto di Hazard) al 39' st. A 2' dalla fine il match è stato anche sospeso per invasione di campo, poi è ripreso fino al termine.
 

 

Con il successo in trasferta di questa sera, il Chelsea ha raggiunto quota 87 punti in classifica, e quindi non può più essere raggiunto o superato dal Tottenham, secondo, che di punti ne ha 77 e deve giocare ancora tre partite. La certezza del titolo è quindi matematica per i 'Blues'. Prima di Conte e Ranieri, altri due allenatori italiani avevano vinto la Premier League: Carlo Ancelotti con il Chelsea e Roberto Mancini con il Manchester City.

Dunque ecco le mani di Antonio Conte sulla Premier League: grazie alla vittoria allo scadere sul campo del West Bromwich il Chelsea è campione d'Inghilterra. Un epilogo sofferto e combattuto, ma pienamente meritato. Ha dovuto attendere più di un'ora Antonio Conte per dare sfogo a tutte le sue emozioni. ma ne è valsa la pena. Un mix di felicità e sollievo, perché più passavano i minuti a più pareva che a The Hawthorns il punteggio non si sarebbe mai sbloccato. Posticipando l'aritmetica certezza del titolo del Chelsea.

Come detto, il colpo che ha messo ko il West Bromwich è arrivato a pochi minuti dalla fine, grazie ad un'intuizione del tecnico italiano che pochi minuti prima aveva rinunciato al suo giocatore di maggior talento, Eden Hazard, oggi poco lucido, per Michy Batshuayi, l'unica delusione di questa stagione altrimenti trionfale. Strapagato la scorsa estate, ma confinato in panchina per tutta la stagione. La sua firma sul trionfo dei Blues è la conferma della qualità del lavoro di Conte che ha saputo costruire un gruppo di stagno, unito tra titolari e « panchinari». L'arma in più di questo Chelsea, sulla carta meno forte di altre avversarie (Manchester City in primis), ma più squadra, con un'identità più definita.

Personalità e voglia di riscatto. Posseduta da quel «fighting spirit» tipicamente inglese ma anche così 'contianò. Una caratteristica che ha consentito che una stagione già positiva si trasformasse in epica. È una vittoria ancor più importante perché giunta dopo il decimo posto dell'anno scorso, il punto più basso nella storia recente dei Blues. Da lì Conte è ripartito. Superati gli impatti iniziali, scongiurato quello che a fine settembre pareva un inevitabile esonero, la cavalcata successiva è stata semplicemente irresistibile.

Ecco perché ora Abramovich è disposto a tutto pur di trattenere l'artefice del sesto titolo nazionale dei Blues. Ha intenzione di accontentare le sue richieste, pur di trattenerlo a Londra, e respingere così le interferenze dell'Inter. Finora Conte ha preferito traccheggiare in attesa della proposta ufficiale dei Blues. Ma la sua intenzione di restare allo Stamford Bridge e giocarsi da protagonista la Champions League è scontata. Pretende solo di rivedere termini e condizioni, per poi lasciare che l'Inter trovi altrove la sua nuova guida tecnica. Che non sarà certamente Diego Simeone, dopo le dichiarazioni di ieri, la sua promessa di rimanere sulla panchina dell'Atletico Madrid.


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Venerdì 12 Maggio 2017 - Ultimo aggiornamento: 13-05-2017 11:15

De Rossi: "Totti mi manca, ma adesso andrà avanti"
Video

De Rossi: "Totti mi manca, ma adesso andrà avanti"

  • ESCLUSIVA - Rick Karsdorp al Messaggero: Sono alla Roma grazie a mio padre"

    ESCLUSIVA - Rick Karsdorp al Messaggero:...

  • Lazio, 2-0 contro la Spal: il commento di Emiliano Bernardini

    Lazio, 2-0 contro la Spal: il commento di...

  • Lazio-Spal, il gol di Immobile

    Lazio-Spal, il gol di Immobile

  • Juan Jesus: "Kolarov sarà importante per la Roma"

    Juan Jesus: "Kolarov sarà...

  • Nainggolan e Pallotta a colloquio a Boston

    Nainggolan e Pallotta a colloquio a Boston

  • Aleksandar Kolarov arriva a Boston e raggiunge la Roma

    Aleksandar Kolarov arriva a Boston e...

  • I tifosi festeggiano i 90 anni della Roma tra le strade della città

    I tifosi festeggiano i 90 anni della Roma...

Prev
Next
COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
James1
2017-05-13 00:38:03
L'anno scorso Conte era aperto a venire alla Roma... ma bisognava pagarlo... Pallotta non ha voluto tirare fuori i soldi... Abamovic sii... e Conte e' andato al Chelsea... Immaginatevi... Domenica sera Conte e la "sua" Roma avrebbe affrontato la juventus all'olimpico... avrebbe vinto la partita e assicurato matematicamente lo scudetto... Tutte le partite della Roma sarebbero state giocate con lo stadio pieno... la Roma sarebbe una favorita per la Championjs dell'anno prossimo... invece ci siamo tenuti il "perdente toscano", l'abbiamo pagato 2 o 3 milioni meno di Conte... e molto probabilmente arriveremo terzi... oltre a che la juve potrebbe celebrare lo scudento in casa nostra... Ma vi rendente conto che se avessero speso solo 3 milioni piu per l'allenatore oggi la Roma sarebbe in procinto di vincere il camionato oltre ai 50 milioni assicurati dalla Champions dell'anno prossimo??? Purtroppo non c'e' un altro Conte in giro... Chissa' chi prenderanno l'americani per ri-cominciare daccapo... Che tristezza... hanno ammazzato la Roma nei nostri cuori!

CALCIO

MOTORSPORT

TENNIS