ACCEDI AL Il Messaggero.it


oppure usa i dati del tuo account

Manchester, rissa dopo il derby: colpito anche Mourinho. Aperta un'inchiesta

Manchester, rissa dopo il derby: colpito anche Mourinho. Aperta un'inchiesta

Finale di derby burrascoso all'Old Trafford, ieri pomeriggio, subito dopo la vittoria del Manchester City sullo United: a farne le spese José Mourinho, innaffiato di latte e colpito alla testa da una bottiglia d'acqua. La maxi-rissa, che ha coinvolto almeno 20 persone tra giocatori e tecnici delle due squadre, è iniziata quando Mourinho è entrato nello spogliatoio del City per chiedere di abbassare la musica dei festeggiamenti. Un modo per dimostrare «maggiore rispetto» verso la sua squadra. Il manager portoghese è stato subito affrontato a malo modo dal portiere dei Citizens, Ederson, con il quale è scoppiato un acceso confronto dialettico. Degenerato nel giro di qualche secondo, quando Mourinho è stato raggiunto da alcuni 'suoì giocatori, accorsi in aiuto.

Ne è nata una maxi-rissa sotto gli occhi esterrefatti degli inservienti e degli agenti di polizia presenti nei corridoi dello stadio. Secondo i media inglesi nel parapiglia Mourinho è stato colpito da una battaglia (vuota) d'acqua, e bagnato con schizzi d'acqua e latte. Tra i Citizens è stato Mikel Arteta, uno degli assistenti di Pep Guardiola, a subire le conseguenze peggiori: per lui una profonda ferita alla testa che ha richiesto l'intervento dei sanitari. Bocche cucite dei protagonisti davanti a telecamere e taccuini, ma non sono mancate le indiscrezioni off-record. Il City accusa Mourinho di avere innescato la zuffa, violando la sacralità dello spogliatoio avversario, mentre secondo lo United l'eccessiva esultanza dei giocatori ospiti è risultata un'esplicita provocazione. La partita era finita 2-1 per gli ospiti.

La Federcalcio inglese (FA) ha aperto un'indagine sugli incidenti avvenuti domenica nello spogliatoio dell'Old Trafford dopo il trionfo del Manchester City per 2-1 sul Manchester United. Secondo i media britannici, gli incidenti sarebbero iniziati dopo che Josè Mourinho, allenatore dello United, si era lamentato con i giocatori della City per l'eccessiva e rumorosa esultanza dei 'citizens' per celebrare la vittoria. Dopo quello che è successo, la FA ha chiesto ad entrambi i club una spiegazione. United e City hanno tempo fino a mercoledì per rispondere alla federazione. La vittoria del City ha portato la squadra di Guardiola ad avere 11 punti di vantaggio sullo United in Premier League.


© RIPRODUZIONE RISERVATA



Monchi: "La Roma non sta smobilitando, ma ascolto le offerte"
Video

Monchi: "La Roma non sta smobilitando, ma ascolto le offerte"

  • Karsdorp: controlli medici a Villa Stuart

    Karsdorp: controlli medici a Villa Stuart

  • Di Francesco: “Pressioni e mercato possono condizionare i giocatori”

    Di Francesco: “Pressioni e mercato...

  • Costacurta: «Vorrei che negli stadi si...

  • Di Francesco al convegno “Il calcio e chi lo racconta”

    Di Francesco al convegno “Il calcio e...

  • Torino, Damascan il nuovo granata

    Torino, Damascan il nuovo granata

  • Golf for Autism

    Golf for Autism

  • Inzaghi sul Var

    Inzaghi sul Var

Prev
Next
COMMENTA LA NOTIZIA
3 di 3 commenti presenti
andreasurro
2017-12-11 22:01:58
Chiedere maggiore rispetto, che ridicolo. Guadagnano milioni, giocano a calcio per quello, la sera anche se perdono vanno a divertirsi in discoteca o al ristorante accompagnati da chissàchi. Se gli arriva un'offerta con più soldi levano le tende in un nanosecondo, infischiandone del rispetto nei confronti del tifoso, l'unico rispetto che dovrebbe essere veramente sacro.
oizal al ibni
2017-12-11 17:23:06
So' regazzi.... :-)
romana
2017-12-11 12:35:42
Come al solito...un provocatore..

CALCIO

MOTORSPORT

TENNIS