ACCEDI AL Il Messaggero.it


oppure usa i dati del tuo account

Roma, Di Francesco guarda all'Atalanta: «Serve entusiasmo, dobbiamo vincere subito»

Roma, Di Francesco guarda all'Atalanta: «Serve entusiasmo, dobbiamo vincere subito»

#AskDiFra e DiFra risponde. Interviste moderne: il tifoso chiede, l'allenatore risponde. Tutto via social. Si va dal piatto preferito agli obiettivi di stagione. Domande e risposte. Eccole.

Da quanto tempo sperava di poter tornare nella tua squadra per provare a portarla il più in alto possibile?
Io credo di aver fatto il percorso giusto per poi ambire alla società che nel calcio mi ha dato di più. Sono orgoglioso di allenare la Roma perché mi ha dato grandi gioie e soddisfazioni e mi auguro di poterlo fare anche in questo nuovo ruolo.

Il percorso da giocatore ad allenatore
È cambiato tantissimo. Per primo il mio ruolo, totalmente differente e che mi permette di guardare tutto a 360°, mentre da calciatore si tende a guardare solo quello che è più vicino. È cambiato tanto dal punto di vista dell’organizzazione e nel modo di approcciare alle cose, ma ritengo sia tutto positivo.

La partita che ricorda con più affetto da calciatore?
Sicuramente il Derby del 3-3 del 1998-99. Venivamo da 4 sconfitte consecutive con loro e ci trovavamo sotto di due reti. Il mio gol è stato il principio di una grande rimonta completata dal gol di Totti. Da lì siamo stati bravi a risalire e a fare bene nei derby successivi. È un ricordo indelebile.

Su Florenzi
Lui ha la grande capacità di adattarsi a tutti i ruoli, io cercherò di sfruttarla al meglio. Al di là della disponibilità, i calciatori devono avere dei ruoli specifici, Alessandro è un giocatore diverso dagli altri. Valuterò nelle prossime settimane.

Qual è il suo ricordo più bello nella Roma?
Ho parlato del gol alla Lazio, ma ritengo che lo Scudetto vinto sia indimenticabile, anche se in quella stagione non fui protagonista per via di un lungo infortunio. È indelebile perché a Roma non ne abbiamo vinti tanti. Partecipare a una vittoria del genere da calciatore è indimenticabile.

Il campionato italiano: migliorato o peggiorato?
A sentire chi c’era prima di noi, il campionato è sempre peggiorato. Dieci anni fa e venti anni fa sentivo dire sempre la stessa cosa. Per me il calcio si è evoluto e noi dobbiamo seguirlo. Il calcio italiano ha perso qualche campione ma piano piano lo sta ritrovando. Una cosa che è migliorata per me è il valore che stiamo dando ai nostri giovani, una cosa positiva per il calcio italiano.

Quali sono i suoi primi obiettivi per la stagione?
Partire alla grande, dare un’identità alla squadra, cercare di vincere le partite, che è quello che conta, portando entusiasmo intorno alla squadra. Siamo noi a trascinare tutto il sistema.

Tecnologia VAR?
La novità mi piace ma è da valutare. Vedremo quale sarà il futuro. È giusto accettarlo, ma credo che difficoltà ed errori ci saranno comunque.

Cosa ne pensa di Gerson?
È un giocatore che seguivo quando ero al Sassuolo. Lo volevano Juventus e Barcellona ma lo ha preso la Roma. L’anno scorso non si è espresso al meglio ma ha grandi potenzialità. Mi auguro di valorizzarlo al meglio, è il mio compito.

Il piatto preferito?
Ora che sono a Roma, la gricia. Quando sto a Pescara gli arrosticini.

Che sensazioni ha in vista della stagione in Champions League?
Ottime, entusiasmanti. Per me è una novità, ho avuto la fortuna di poter giocare l’Europa League con una piccola società come il Sassuolo e per me sarà un grande salto ma sono sereno. Voglio che la mia squadra la affronti con determinazione, senza porsi obiettivi: viverla quotidianamente con grandissimo entusiasmo.
 


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sabato 12 Agosto 2017 - Ultimo aggiornamento: 18:54

Juventus-Lazio 1-2: il videocommento di E. Bernardini
Video

Juventus-Lazio 1-2: il videocommento di E. Bernardini

  • Campioni di beneficenza in campo a Casal Palocco

    Campioni di beneficenza in campo a Casal...

  • Inzaghi: «Juve quasi imbattibile ma ci proveremo»

    Inzaghi: «Juve quasi imbattibile ma ci...

  • Di Francesco: «Il Napoli? Resta la Juve la squadra da battere»

    Di Francesco: «Il Napoli? Resta la...

  • Di Francesco: «El Shaarawy gestito con poca attenzione dalla Nazionale»

    Di Francesco: «El Shaarawy gestito con...

  • Di Francesco: «Nessuna fretta per Schick, quando sarà in grado giocherà»

    Di Francesco: «Nessuna fretta per...

  • Koulibaly in ESCLUSIVA al Messaggero: «Sarri è un genio del calcio»

    Koulibaly in ESCLUSIVA al Messaggero:...

  • Koulibaly in ESCLUSIVA al Messaggero: «Battiamo Roma e Juve»

    Koulibaly in ESCLUSIVA al Messaggero:...

Prev
Next
COMMENTA LA NOTIZIA
4 di 4 commenti presenti
vincenzone
2017-08-13 10:12:16
Fra poco alle chiacchiere succedera' il campo. E tutti i palloni gonfiati si sgonfieranno. Oggi viene data voce ai tifosi in tutti i modi facendo loro credere che sono i protagonisti. Ma il vero protagonista resta il rettangolo di gioco. Per ora e' una difesa perforabilissima e questo e' un limite enorme.
minnamor
2017-08-12 19:33:51
L'Atalanta vista in Spagna è in una forma molto migliore della Roma. Partita pericolosissima.
lyon
2017-08-12 20:02:40
la prima partita di campionato e' sempre un terno al lotto, non solo in Italia, vedi il Chelsea oggi. basta che non perdano stupidamente come l'anno scorso dopo aver dominato il primo tempo. A me del bel gioco non interessa nulla, anzi un pareggio a Bergamo mi andrebbe benissimo.
papa max roma
2017-08-15 10:22:06
ci vorrebbe Scaratti all' ala sinistra .. je fece due pallini e fini' 2 a 2 ..

CALCIO

MOTORSPORT

TENNIS