ACCEDI AL Il Messaggero.it


oppure usa i dati del tuo account

Roma-Atletico, Dzeko contro Griezmann, attacco all'Europa

Roma-Atletico, Dzeko contro Griezmann, attacco all'Europa

Era il 24 novembre del 2015, Camp Nou, la fastidiosa scoppola (6-1 con il Barça). Ma quella sera Edin Dzeko segna una rete, del tutto inutile, ma che fa statistica (come fa statistica il rigore sbagliato sempre quella sera con il Barcellona). E’ quella l’ultima sua rete in Champions League. Almeno considerando la fase a gironi (si conta come ultimo gol, l’autorete di Felipe in Porto-Roma, preliminare, lo scorso 17 agosto contro il Porto), è anche l’ultima della Roma.

PALLA E STATISTICA
E in quella stessa edizione, nel turno precedente (4 novembre), in casa contro il Bayer Leverkusen, Edin fa centro un’altra volta e la Roma vince (ultimo gol, quello del 3-2, è firmato da Pjanic su calcio di rigore: quello l’ultimo gol della Roma all’Olimpico, il primo lo mette dentro Salah). Quello, a proposito di statistiche, è anche l’ultimo successo in Champions della Roma, che ha chiuso col triste zero a zero con il Bate Borisov e lo zero a due contro il Real Madrid. Di Francesco stasera si appoggia a Dzeko, perché lui è tra gli uomini di maggiore esperienza, uno che in Europa ha sempre mostrato i muscoli nelle sue 71 partite, segnando 25 reti (9 in 37 di Champions). Stasera c’è il grande che sfida il giovane (26 anni), Antoine Griezmann che così cucciolo è già a quota 15 in 40 gare nella coppa dei campioni. Ma chissà se a fine carriera potrà contare lo stesso numero di reti nei massimi campionati come ha fatto Dzeko: Edin è a quota 214, Antoine a 135.

IL CONFRONTO
Lo scorso anno, in Europa League, dopo l’eliminazione con il Porto nei preliminari, ha chiuso (agli ottavi) con otto gol, da capocannoniere. Un tris, l’ultimo, addirittura contro una spagnola, il Villarreal (precedentemente un’altra tripletta con il Viktoria Plzen e due reti all’Austria Vienna), quando portò a casa il pallone per regalarlo alla piccola figlia Una. Cadendo nella retorica, concediamocelo, stasera il gol lo dedicherebbe al neo arrivato Dani, per lui è l’esordio in Champions da figlio di Dzeko. Il gol è la vita per uno che ha sempre vissuto con lo scopo di segnare. E lui ha sempre fatto tanti gol, tranne nella prima stagione a Roma, con Garcia. Il 2017 è l’anno della riscossa in giallorosso e della conferma da bomber con la maglia della sua nazionale: negli ultimi dodici mesi, settembre 2016/settembre 2017, nazionale compresa, ha messo dentro il pallone 46 volte in sessanta partite. Con la Bosnia è a quota 52 in 87 gare. Questo per lui è l’anno della conferma. A trentuno anni battezza il ritorno in Champions League. E la Roma ha bisogno di riscoprirsi bella in Europa e chiede aiuto al suo uomo più rappresentativo, quello con maggiore esperienza e senso del gol. Ecco, il senso del gol, che in questi casi è necessario. La Roma ha fame di successi in Champions, competizione dove sogna di contare più di quanto non abbia fatto negli ultimi anni. C’è bisogno della Roma di Lione o di quella cha ha schiantato il Chelsea o il Real Madrid un decennio fa. Servono i gol. Serve Dzeko, appunto.
 


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Martedì 12 Settembre 2017 - Ultimo aggiornamento: 18:16

Roma, Schick termina gli esami a Villa Stuart: «Mi sento bene»
Video

Roma, Schick termina gli esami a Villa Stuart: «Mi sento bene»

  • Valentino Rossi può correre ad Aragon

    Valentino Rossi può correre ad Aragon

  • Roma, Fazio incontra i tifosi all'evento Adidas

    Roma, Fazio incontra i tifosi all'evento...

  • Lazio sfortunata, il Napoli vola in testa con la Juventus. Il videocommento di Massimo Caputi

    Lazio sfortunata, il Napoli vola in testa...

  • Lazio-Napoli 1-4: il videocommento di Emiliano Bernardini

    Lazio-Napoli 1-4: il videocommento di...

  • Benevento-Roma 0-4: il videocommento di Ugo Trani

    Benevento-Roma 0-4: il videocommento di Ugo...

  • Di Francesco: "Non sono Zemaniano, chiamatemi Di Franceschiano"

    Di Francesco: "Non sono Zemaniano,...

  • Juventus, Allegri: "Siamo solo all'inizio"

    Juventus, Allegri: "Siamo solo...

Prev
Next
COMMENTA LA NOTIZIA
2 di 2 commenti presenti
sognatore romanista
2017-09-12 17:06:01
Lo strapippone se lo magnano e se lo ca.ano... gli spagnoli lo useranno come un birillo. Non abbiamo speranza, con uncentravanti come lui, che semplicemente NON SA giocare a calcio. E a dispetto della mole, e' un mollaccione che cade ad ogni contrasto. Se la societa' farlocca non ci compra un attaccante VERO, per la Roma non c'e' speranza neanche in campionato...anche quest' anno ZERO TITULI! E stasera ce ne fanno almeno tre, con i bamboccioni semoventi che abbiamo in difesa, e con il portiere da beach soccer brasileiro da copacabana....
ubrr
2017-09-12 18:35:54
L'anno scorso Dzeko ha fatto 40 gol, perché inserito in un sistema di gol che lo portava a segnare. Questo anno la vedo dura con Di Francesco che possa ripetersi. Non lo so, ma la Roma visto fino ad ora, da l'impressione di una squadra che fatica molto a segnare.

CALCIO

MOTORSPORT

TENNIS