ACCEDI AL Il Messaggero.it


oppure usa i dati del tuo account

Italia, giocatori in lacrime sul prato dello stadio Meazza

Italia, giocatori in lacrime sul prato dello stadio Meazza

Giocatori azzurri in lacrime, da Belotti a Gabbiadini e Bonucci, sul terreno di San Siro, dove si è appena conclusa la partita di ritorno dei Play-off di qualificazione ai Mondiali in Russia. La delusione è tanta dopo lo 0-0 con la Svezia.
 

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA



Gandini: «La Lega di Serie A non è responsabile del fallimento Italia»
Video

Gandini: «La Lega di Serie A non è responsabile del fallimento Italia»

  • Highlights campionato calcio a 5

    Highlights campionato calcio a 5

  • Ministro Lotti: «Il calcio italiano va rifondato»

    Ministro Lotti: «Il calcio italiano va...

  • Malagò: «Fossi in Tavecchio mi dimetterei»

    Malagò: «Fossi in Tavecchio mi...

  • Barzagli: "Abbiamo dato una mazzata al calcio italiano"

    Barzagli: "Abbiamo dato una mazzata al...

  • Italia, la pagina più nera del pallone azzurro: il commento di Massimo Caputi

    Italia, la pagina più nera del...

  • Italia-Svezia 0-0, azzurri fuori dal Mondiale: il videocommento di Ugo Trani

    Italia-Svezia 0-0, azzurri fuori dal...

  • Italia-Svezia, l'entusiasmo dei tifosi Azzurri a San Siro

    Italia-Svezia, l'entusiasmo dei tifosi...

Prev
Next
COMMENTA LA NOTIZIA
3 di 3 commenti presenti
barkes
2017-11-14 13:07:20
Buffon in lacrime , saltate promozioni pubblicitarie per migliaia di euri !!!!
VINC-RM
2017-11-14 08:33:20
A lavorare con la zappa in mano. Troppi soldi
alberto.o
2017-11-13 23:22:02
Adesso se la prenderanno con i giocatori dicendo che sono scarsi, ma invece bisogna indignarsi contro Tavecchio e chi l'ha voluto, i degni compari Lotito e tutti i presidenti attaccati ad un'idea di calcio italiano ormai logora e superata. Servono nuovi stadi e incentivi per andarci (posti comodi, parcheggi, replay immediati, niente barriere e vetri alti tre metri, niente multe e soprattutto tifo e famiglie come avviene in Inghilterra), servono seconde squadre in B o C per far crescere i ragazzi per le squadre piu' importanti come avviene in Spagna, serieta' nei comportamenti di designatori e arbitri come avviene in Germania, ecc ecc. Ma soprattutto dirigenti meno piagnoni e meno lecconi nei riguardi delle istituzioni. Prese di posizioni piu' nette portano a raggiungere obiettivi, vero presidente del Coni? Ormai diventato un Console onorario e non il primo Dirigente dello sport italiano

CALCIO

MOTORSPORT

TENNIS