ACCEDI AL Il Messaggero.it


oppure usa i dati del tuo account

Roma, Di Francesco: «Dopo la sconfitta con il Napoli c'è stata la svolta. Non accontentiamoci»

Roma, Di Francesco: «Dopo la sconfitta con il Napoli c'è stata la svolta. Non accontentiamoci»

Quali sono i segreti di Eusebio Di Francesco? Il nuovo tecnico della Roma è riuscito in tre mesi a dare un’identità alla squadra, nonostante il mercato di Monchi non abbia portato i frutti sperati. Karsdorp e Schick, i due fiori all’occhiello del direttore sportivo, non hanno ancora giocato con continuità: il primo si è infortunato al legamento crociato e starà fuori fino a primavera, il secondo sta provando a riemergere dai problemi muscolari. Nonostante questo, Eusebio ha portato la Roma agli ottavi di Champions come prima del girone e in campionato se la batte con le prime della classe: «Cerco di essere sempre me stesso nel rapporto con le persone. Porto il mio metodo e le mie idee senza, ma stravolgere. La fortuna è che certe idee e certi pensieri sono entrati prima nella testa dei calciatori e dell’ambiente capendo che persona sono, perché cerco di costruire e non distruggere», ha detto l’allenatore a Roma Radio.

Un percorso fatto di ostacoli, dove la Roma è incappata anche in qualche sconfitta: «Possono essere salutari. Mi auguro di averne sempre meno o zero, ma in certi contesti possono far svoltare come ci è successo col Napoli. Nel secondo tempo potevamo pareggiare ma dal punto di vista mentale ci ha dato qualcosa. Non dobbiamo accontentarci, Roma è questa, con i suoi pregi e i suoi difetti, ma spesso si va oltre il momento. Ci si esalta con troppa facilità».

Uno dei segreti di Eusebio è stato il turnover che responsabilizzato l’intera squadra: «Un allenatore sa qual è la formazione tipo quando arriva, ma in ogni calciatore c’è un percorso di crescita che va oltre le aspettative e supera i titolari iniziali. Quello che hanno capito i ragazzi non è tanto il turnover, che è importante, ma che conta più il gruppo e il risultato di squadra più del singolo. Nel turnover non ne metto tanti nuovi insieme, ma cerco di mischiare perché ci sono caratteristiche, ma anche i caratteri e la personalità oltre alla tecnica, che in campo contano».
Ma c’è ancora qualcosa da migliorare: «Nella ricerca della verticalità, la squadra è già cresciuta tanto. Certe giocate vanno forzate, perché chi non fa non sbaglia e magari si può sbagliare di più ma facendo male di più agli avversari. Una squadra che crea 60 palle gol in due partite deve fare più reti, è una cosa che abbiamo nelle corde».
Con i calciatori, il tecnico ha instaurato un rapporto schietto che gli permette di valutare realmente le condizioni atletiche: «Spesso faccio la formazione e la gente pensa ‘ma perché quello non sta giocando?’ A a volte sono loro a dirmi che non sono ‘puliti’ totalmente ed è questa la miscela giusta. Mi danno un feedback per me importante. A volte anche se un giocatore sta un po’ così, lo scelgo ugualmente perché penso sia indispensabile per la squadra. Capire le sensazioni è importante».


© RIPRODUZIONE RISERVATA



Roma, Manolas gioca a biliardino con i tifosi
Video

Roma, Manolas gioca a biliardino con i tifosi

  • Nainggolan: «Con Di Francesco tutta la squadra si sente coinvolta»

    Nainggolan: «Con Di Francesco tutta la...

  • Monchi: «Il mercato? Aspettiamo Schick e Emerson»

    Monchi: «Il mercato? Aspettiamo Schick...

  • Roma-Qarabag 1-0, giallorossi agli ottavi: il videocommento di Ugo Trani

    Roma-Qarabag 1-0, giallorossi agli ottavi:...

  • Mattarella incontra i campioni della scherma paralimpica

    Mattarella incontra i campioni della scherma...

  • Juventus, Barzagli: «Con l'Olympiacos gara fondamentale»

    Juventus, Barzagli: «Con...

  • Lazio, Inzaghi parla del Var

    Lazio, Inzaghi parla del Var

  • La Roma si allena alla vigilia del Qarabag

    La Roma si allena alla vigilia del Qarabag

Prev
Next
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 14 commenti presenti
AnvediQuesti
2017-12-07 15:50:27
Quest'anno e' triplete!
romana
2017-12-07 16:39:34
Triplete?..nooo...quello è vostro..non solo..st'anno è la volta bona che vincete pure l'Olimpiade invernale... il giro d'Italia..il tour de France..Wimbledon..Roland Garros..e visto che l'Italia non parteciperà ai mondiali..c'annate voi e diventate campioni del mondo..
Santor
2017-12-07 15:46:18
Secondo me ha perfattamente ragione chi sostiene che son queste le squadre dove prender punti, se si vuole puntare in alto. (Senza dimenticare che abbiamo ancora una partita da' recuperare) E poi come se dice: "L'appetito vien mangiando". Ar derby ce davan per spacciati e avemo visto come e' andata. In Champions: C'era chi sosteneva che addirittura avremmo perso tutti gl'incontri e semo arrivati primi nel Girone. Ando' stamo In Classifica Campionato? Daglie lupacchiotti fateme sogna' ancora. Di France' supera pure er prossimo scoglio. Cosi' almeno imbavagliamo ancor di piu': Miscredenti, Iettatori & Affini. Va be'. Tanto se sa'. Che er motivo per piagne e lamentarse o troveranno sempre. Nun c'e' niente da' fa' Tiramo fori: Quadrifogli, Ferri De Cavallo, Cornetti e Zampe de Coniglio che e' Meglio. Mmmmmm Basteranno? Scherzo ovviamente :))))
ernonnetto
2017-12-07 15:29:40
Ma il segreto e' che questa e' la stessa squadra che e' arrivata seconda con Kolarov in piu' e due centrocampisti di ricambio ( Pellegrini e Goolanons che hanno giocato pochissimo) per dare respiro a i tre dell'anno scorso! Solo che non c'e' il casino Totti/Spalletti- Quindi alla fine .... diFrancesco e' stato bravo a capitalizzare e continuare il lavoro di Spalletti magari essndo piu' affabile e ben voluto da alcuni giocatori !
tommy
2017-12-07 16:28:38
Giusto il punto, e la squadra ha superato senza intoppi sia il ritiro di Totti calciatore (pensavo piu` complicato), che i nuovi moduli del nuovo allenatore, che e` stato presentato come un oltranzista, ma ha cambiato alcune sue idee, proprio per questo, il tifoso ha messo meno pressione sulla squadra. Per la squadra e` molto importante la posizione di Monchi come DS, la campagna acquisti e` stata cosi` cosi`, piu` per motivi fisici che altro, ma e` riuscito ad isolare la squadra, almeno per ora non ci sono molti spifferi, forse ha trovato il giusto modo di chiudere la finestra. A presto

CALCIO

MOTORSPORT

TENNIS