ACCEDI AL Il Messaggero.it


oppure usa i dati del tuo account

Roma, fumo di Londra: il mercato è bloccato

Roma, fumo di Londra: il mercato è bloccato

Il pressing londinese di Monchi rischia di essere eluso. Pallotta non cambia linea. «Uno esce, uno entra» rimane la filosofia del presidente che non appare intenzionato in questa sessione di mercato a intervenire nuovamente sulla squadra. La frenata in campionato e l’eliminazione in Coppa Italia sono considerate dall’imprenditore statunitense fastidiosi incidenti di percorso. Tradotto: nella sua ottica, la rosa attuale è sufficiente per competere con Napoli e Juventus. Figuriamoci per strappare un posto nella prossima Champions. 

Paradossalmente nulla di nuovo, considerando le parole di Monchi (rientrato ieri insieme a Baldissoni dalla City) nel post-gara con l’Atalanta: «Per fare mercato c’è bisogno di soldi e conoscete lo status finanziario del club». Si riparte dunque dal via, in un gioco dell’oca che a 12 mesi di distanza vede cambiare soltanto gli interpreti. Una volta c’era Sabatini, sostituito ora dal ds spagnolo. Prima era il turno di Spalletti e adesso tocca a Di Francesco. Un anno fa, la Roma rincorse invano un esterno offensivo (Feghouli, Deulofeu, Defrel, Jesé e Musonda) per poi accontentarsi del prestito di Grenier, quasi mai utilizzato da Lucio. Stavolta ci si augura che il finale possa essere diverso. Dipenderà soprattutto dall’abilità di Monchi, chiamato a riscattarsi dopo un mercato estivo caratterizzato, almeno sinora, più da ombre che da luci. 

La priorità per Eusebio è sempre l’esterno offensivo mancino da piazzare a destra. Considerando però che in rosa ci sono già Under, Defrel, Schick, Dzeko, El Shaarawy e Perotti (i primi tre arrivati in estate), l’attacco è a dir poco completo. Ci vorrebbe un’occasione, da prendere al volo grazie ad un prestito oppure con uno scambio di giocatori. Da qualche giorno alcuni intermediari stanno offrendo in Italia Vazquez, ex Palermo, che non rientra nei piani di Montella. Sebbene sia mancino, l’argentino è però più un trequartista da 4-2-3-1 che un esterno da 4-3-3. Profilo, dunque, apparentemente da accantonare. E’ tornato a circolare anche il nome di Zyech: pista tuttavia improponibile se non venisse ceduto almeno un big. Ipotesi non esclusa a Trigoria ma che al momento non trova né conferme tantomeno riscontri nelle richieste di altri club. A tal proposito, nonostante i primi sondaggi del Liverpool e del Psg su Alisson per giugno, non viene considerata una priorità, almeno adesso, ridiscutere il rinnovo del brasiliano. Tornando alle mosse in entrata, la via più semplice rimane quella individuata ormai da qualche giorno. Prendere un terzino destro che permetta a Florenzi di essere impiegato nel tridente offensivo: Darmian è la prima scelta, Juanfran l’alternativa. Più defilati Bereszynski e Manea. Arrivo comunque legato alla cessione di Peres. Il brasiliano, corteggiato dal Benfica (un emissario da ieri è a Lisbona) e dal Galatasaray, prima di dare l’ok al trasferimento vuole capire se c’è la possibilità di accasarsi in Premier (Brighton e Watford). Skorupsky ha diverse offerte (tra cui il Crystal Palace). Come vice Alisson, piace Mirante. 
 


© RIPRODUZIONE RISERVATA



Arbitro Chapron perde la testa
Video

Arbitro Chapron perde la testa

  • Intervista a Paolo Barelli di Massimo Caputi

    Intervista a Paolo Barelli di Massimo Caputi

  • Con gli occhi di una campionessa: Sofia Goggia si racconta in 90 secondi

    Con gli occhi di una campionessa: Sofia...

  • Monchi e Baldissoni rientrano a Roma dopo il meeting a Londra

    Monchi e Baldissoni rientrano a Roma dopo il...

  • Andrea Petkovic, show in campo

    Andrea Petkovic, show in campo

  • Machach a Villa Stuart per le visite mediche con il Napoli

    Machach a Villa Stuart per le visite mediche...

  • Roma, Castan a Villa Stuart per le visite mediche con il Cagliari

    Roma, Castan a Villa Stuart per le visite...

  • Panini, presentato il nuovo album dei calciatori

    Panini, presentato il nuovo album dei...

Prev
Next
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 16 commenti presenti
Nikita
2018-01-13 10:34:53
..quindi a gennaio non ci saranno acquisti? Beh, Pallotta dice che non occorrono rinforzi in quanto la squadra è già forte e completa. Ovviamente non è vero che è all'altezza di Juve e Napoli, ma concordo se la ritiene competitiva per il traguardo del quarto posto. E' una questione di obiettivi, bisogna però essere chiari.
ma de che....
2018-01-13 12:34:12
Meno che niente amico.
massimo ricci
2018-01-13 08:34:22
Eusebio chiede un terzino e un centrocampista,Monchi va a Londra parla con Pallotta e torna a Roma per piazzare qualche giocatore sul mercato di gennaio per accontentare Eusebio con nuovi acquisti.Pallotta non vuole sborsare altri soldi se non gli danno la licenza per edificare uno stadio tutto suo che affittera alla AS Roma per anni trenta cosi i suoi eredi avranno proprieta immobiliari a Roma e anche una grossa torta di azioni della AS Roma pagata completamente dai tifosi.A pensarci bene e' un vero affare per il Pallotta!!!! ma i lupacchiotti cosa pensano del miliardario ammericano che quando arrivo a Roma la prima volta disse tricolore in tre anni ,champions entro 5 anni ma per il momento niente
peter rei
2018-01-13 08:35:58
Pallotta ha ragione. Paga 145 milioni di ingaggi per cui i suoi calciatori debbono correre a 100 all'ora. Sarebbe il caso che assumesse Tare così non spreca i suoi soldi.
dondiego
2018-01-13 12:28:46
Non ho capito quale sarebbe la strategia?

CALCIO

MOTORSPORT

TENNIS