ACCEDI AL Il Messaggero.it


oppure usa i dati del tuo account

Marchionne: «La stagione in Formula 1 non è persa. In Giappone traditi da un componente da 59 euro»

Marchionne: «La stagione in Formula 1 non è persa. In Giappone traditi da un componente da 59 euro»

«Non parlo di sfortuna perché non ci credo, sono cose che succedono a tutti specialmente in gara. La cosa importante è non perdere la fiducia che ci ha portato fin qui». Lo dice il presidente della Ferrari, Sergio Marchionne, ai microfoni di Class Cnbc all'indomani del ritiro di Sebastian Vettel nel Gp del Giappone poi vinto da Lewis Hamilton, ora a un passo dal titolo iridato. Marchionne non si dà per vinto, anche se a questo punto una rimonta di Vettel appare altamente improbabile: «Ci sono ancora quattro gare, non è persa, l'impegno continua», dice il boss del team di Maranello. «Come si guarda al futuro? La stagione non è persa e, con tutta la modestia che abbiamo in Ferrari, la macchina ha fatto passi avanti enormi. Senza fare l'arrogante credo sia sullo stesso livello, se non superiore, alla Mercedes. Sono sicuro che senza i problemi delle ultime tre gare avremmo fatto un discorso diverso stamattina».

Marchionne ricorda che «l'anno scorso non avrebbe scommesso nessuno che la Ferrari si sarebbe trovata in queste condizioni» e si dice «contentissimo di quanto fatto dalla squadra». «Ho una fiducia immensa nel fatto che nelle prossime quattro gare perlomeno una gran parte del divario con la Mercedes riusciremo a colmarlo». In Giappone la gara di Vettel è finita nei primi giri a causa di una candela: «Dà veramente fastidio quando è un componente che costa 59 euro che fa saltare la gara, con macchine che costano milioni. Una sciocchezza tecnica che ormai non viene considerata più nemmeno importante. Detto questo il problema è nato e bisogna gestirlo, dobbiamo rinnovare l'impegno nella qualità della componentistica in F1. È un problema che probabilmente abbiamo ignorato nel tempo, ma adesso abbiamo avuto almeno tre occasioni in cui si è visto l'impatto devastante sulla performance della scuderia e l'aggiusteremo».


© RIPRODUZIONE RISERVATA



Monchi e Baldissoni rientrano a Roma dopo il meeting a Londra
Video

Monchi e Baldissoni rientrano a Roma dopo il meeting a Londra

  • Andrea Petkovic, show in campo

    Andrea Petkovic, show in campo

  • Machach a Villa Stuart per le visite mediche con il Napoli

    Machach a Villa Stuart per le visite mediche...

  • Roma, Castan a Villa Stuart per le visite mediche con il Cagliari

    Roma, Castan a Villa Stuart per le visite...

  • Panini, presentato il nuovo album dei calciatori

    Panini, presentato il nuovo album dei...

  • Lazio, Lotito: “Investiamo sulla storia. Siamo un esempio”

    Lazio, Lotito: “Investiamo sulla...

  • La Lazio vola mentre la Roma è in crisi. Napoli e Juventus prendono il largo
Il videocommento di Massimo Caputi

    La Lazio vola mentre la Roma è in...

  • Roma-Atalanta 1-2: il videocommento di Ugo Trani

    Roma-Atalanta 1-2: il videocommento di Ugo...

Prev
Next
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 5 commenti presenti
coso
2017-10-09 23:32:46
Peccato che i mondiali non si vincono con i se, ma si perdono.
Robin Hood
2017-10-09 18:42:27
tanti milioni e si perde per una miseria
GianH
2017-10-09 18:41:57
Marchionne se vuole che la Ferrari arrivi bene, deve licenziare Arrivabene.
sognatore romanista
2017-10-09 18:14:58
Se quel componente costava 159 euro, e non 59, caro marchionne che fa rima con aronne, e questo spiega tutto, forse non si rompeva! Non potete competere con la tecnologia tedesca, e' questa la nuda e cruda verita'...e siccome la grande famiglia di speculatori che controlla la Ferrari, in fondo, sa che le macchinine rosse si venderanno anche se non vincono il mondiale di F1, puoiscordarti grandi investimenti sulla componentistica...compreranno sempre il made in China. ridicoli
Scioccolade
2017-10-09 16:43:42
si', come no, e la Fiat Duna e' mejo della Mercedes SLK

CALCIO

MOTORSPORT

TENNIS