ACCEDI AL Il Messaggero.it


oppure usa i dati del tuo account

Sharapova verso il rientro: scoppia la polemica delle wild card

Sharapova verso il rientro: scoppia la polemica delle wild card

Maria Sharapova sarà anche la più bella del reame (tennistico), ma sicuramente non è la più simpatica o amata. Anzi. La trentenne russa, a poco più di un mese dal rientro, si è detta pronta a ricevere qualsiasi tipo di accoglienza e in un’intervista al magazine Vogue ha ammesso che probabilmente sarà ancora oggetto di sospetti e mugugni, a cominciare da colleghi e colleghe. Sicuramente le interessa relativamente: «Nello spogliatoio passo poco tempo, io ho la famiglia, gli amici. I miei interessi sono altrove», ha detto. La storia è nota: Masha ha assunto per 10 anni il Meldonium come farmaco sotto controllo medico. Cura il diabete, aumenta la fluidità del sangue, ma in quantità rilevanti aiuta il recupero dopo uno sforzo. Poi la sostanza è diventata vietata dal primo gennaio 2016 e lei, a suo dire ignara, ha continuato a prenderla. La vicenda si è chiusa davanti al TAS di Losanna, che ha ridotto la squalifica della russa da due anni a 15 mesi. Nella sentenza è spiegato che non aveva intenzione di violare le norme antidoping: insomma hanno creduto alla sua buona fede. «Se avessi voluto nascondere qualcosa non avrei detto al mondo intero di aver preso quella sostanza per 10 anni - ha dichiarato sempre a Vogue - non sarebbe stata una mossa molto intelligente».

ATTESA AL VARCO
Certo è che il suo imminente ritorno sta sollevando molte polemiche. Soprattutto fanno discutere le tante wild card in arrivo che le consentiranno di poter svolgere una programmazione da top player: sarà a Stoccarda, Madrid e Roma, mentre per il Roland Garros sembra essersi aperto uno spiraglio. Dopo le dichiarazioni del nuovo presidente della federtennis francese Bernard Giudicelli, che si era detto contrario alla concessione di una wild card, c’è stato un incontro che sembra aver avvicinato le posizioni. Più netto il no di Andy Murray, che ha sollevato forti perplessità su una eventuale wild card a Wimbledon. Lo stesso spogliatoio WTA non sta vivendo con serenità la vicenda. La n.1 Angelique Kerber ha definito «molto strana» la decisione di assegnare la wild card alla russa a Stoccarda perché il torneo comincerà il 24 aprile, due giorni prima della fine della squalifica di Masha. Per permetterle di giocare gli organizzatori la faranno esordire mercoledì 26 aprile.
 

 


LE REGOLE SONO CON MASHA
Non vede l’ora la WTA, come più volte dichiarato dal CEO Steve Simon. Il circuito femminile fatica a trovare una degna rivale di Serena Williams, che veleggia ormai verso le 36 primavere. E comunque il regolamento è dalla parte della Sharapova. In realtà non si potrebbe ottenere più di sei wild card all’anno per i tornei WTA e gli Slam, di cui soltanto tre per i tabelloni principali. Tuttavia c’è un articolo dell’enorme Rulebook WTA di quasi 500 pagine che sottolinea come a una giocatrice in passato vincitrice di un Major o del Masters può essere concesso un numero illimitato di wild card: appunto il caso della russa. C’è chi discute l’aspetto etico, come ad esempio Murray: «Perché aiutare chi ha infranto le regole?», ha sottolineato lo scozzese. Una posizione che sa di falso moralismo e va contro il buon senso. Innanzitutto non esistono norme che vietano o limitano i possibili inviti per chi esce da una squalifica per doping. E poi molti sembrano dimenticare che la Sharapova non compare più nella classifica mondiale non raggiungendo la quota minima di tre tornei giocati nelle precedenti 52 settimane. Se nessuno le concedesse una wild card non potrebbe giocare neppure i tornei minori, compresi i 10mila dollari, ovvero il gradino più basso. Come potrebbe rientrare? Tanto valeva allora squalificarla a vita. Oppure darle l’ergastolo.


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lunedì 20 Marzo 2017 - Ultimo aggiornamento: 17:54

Laura Boldrini:
Video

Laura Boldrini: "Bravo Totti, un esempio anche fuori dal campo"

  • «Anche io sono Francesco»: la canzone di Marco Conidi dedicata a Totti

    «Anche io sono Francesco»: la...

  • Pallotta: "Spero che Totti da lunedì vada al mare"

    Pallotta: "Spero che Totti da...

  • Totti day, la maglia speciale della Roma per l'ultima del capitano

    Totti day, la maglia speciale della Roma per...

  • Spalletti incontra i tifosi fuori il centro tecnico

    Spalletti incontra i tifosi fuori il centro...

  • Napoli, Sarri: «Con la Samp non sarà una partita facile»

    Napoli, Sarri: «Con la Samp non...

  • Bagno di folla per Totti e lui scatta il selfie di gruppo

    Bagno di folla per Totti e lui scatta il...

  • A Trigoria 140 metri di striscione per Totti

    A Trigoria 140 metri di striscione per Totti

Prev
Next
COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
picchiodoro2000
2017-03-21 10:48:53
Andy Murray, uno del circuito calcistico deve penzsare ai quiz suoi. Ha ragione l'articolista. Se nessuno le da' piu' l'opportunita' di giocare ad un certo livello era meglio squalificarla a vita. Ma secondo me, proprio perche' non mi piace Murray, dovrebbe pensare a se stesso e come e' diventato numero uno e come ha ancora la possibilita' di esserlo visto che Djokovic e' uscito in uno degli ultimi tournament vinto sarebbe tornado immediatamente primo nel ranking. Combine? Perche' non parla della grande, nel senso voluminosa, Serena Williams che domina il WTA da una vita per la sua prestanza fisica piu' che per la classe? Maria ha specificatoella medicida da dieci anni oramai. Si e' drogata per tutti quegli anni? Bene allora lovuta radiare e non squalificare. Dear Brexit be silent and think about your business ( che poi e' anche scozzese se non Inglese, hahahaha)

CALCIO

MOTORSPORT

TENNIS