ACCEDI AL Il Messaggero.it


oppure usa i dati del tuo account

Giro d'Italia, protesta palestinese contro Israele alla partenza di Assisi

Giro d'Italia, protesta palestinese contro Israele alla partenza di Assisi

Assisi - I palestinesi non hanno mai accettato di buon grado che il Giro d'Italia abbia scelto Israele per la partenza dell'edizione 101. E, adesso che la rivolta di Gaza è stata repressa nel sangue dall'esercito di Tel Aviv, hanno scelto la corsa rosa per alzare forte la voce della protesta. Ad Assisi, prima del via della tappa, tanti palestinesi hanno manifestato con slogan, cartelli e tante bandiere. Tanti giovani, tutti preoccupati per la gravissima situazione che i connazionali stanno vivendo nei Territori della Striscia. <Stop al massacro da parte di Israele>. E anche un cartello polemico nei confronti della città di San Francesco. <Assisi, città della pace, sostiene occupazione israeliana...> I palestinesi chiedono proprio a quel Giro, che ha esaltato le giornate di sport in Terra Santa, un aiuto concreto per mettere fine alla pesantissima risposta dell'esercito che ha causato una sessantina di morti e migliaia di feriti. La protesta, senza incidenti, si è svolta sotto il controllo di Polizia e Carabinieri.


© RIPRODUZIONE RISERVATA



Nzonzi a Villa Stuart per le visite mediche
Video

Nzonzi a Villa Stuart per le visite mediche

  • Roma, Nzonzi arriva a Ciampino

    Roma, Nzonzi arriva a Ciampino

  • Europei, Italia d'oro nei tuffi sincro e nel fondo

    Europei, Italia d'oro nei tuffi sincro e...

  • Lazio, 12-0 al Victoria Clarholz: gli highlights

    Lazio, 12-0 al Victoria Clarholz: gli...

  • La Roma è rientrata dalla tournée negli Usa

    La Roma è rientrata dalla...

  • Roma, Olsen beffato: Florenzi fa il cucchiaio

    Roma, Olsen beffato: Florenzi fa il cucchiaio

  • Roma, De Rossi: "Decido io quando smettere, ma non mi trascinerò fino a 39 anni"

    Roma, De Rossi: "Decido io quando...

  • Roma, Di Francesco: "Il mercato è ancora aperto, abbiamo preso giocatori di prospettiva"

    Roma, Di Francesco: "Il mercato...

Prev
Next
COMMENTA LA NOTIZIA
3 di 3 commenti presenti
peppaccio
2018-05-16 15:06:29
La violenza non e' utile per nessuno. ma nemmeno la guerra con pietre contro mitraglie aiuta tanto.
Nohaybanda
2018-05-16 14:40:19
SABRA E SHATILA : Periferia di Beirut. Uomini delle le milizie cristiano-falangiste entrano nei campi profughi palestinesi di Sabra e Shatila per vendicare l' assassinio del loro neoeletto presidente Bashir Gemayel. E inizia un massacro della popolazione palestinese che durerà due giorni. Con gli israeliani, installati a 200 metri da Shatila, a creare una cinta intorno ai campi e a fornire i mezzi necessari all'operazione. Il bilancio, secondo stime difficilmente verificabili, sarà di circa 3.000 vittime.
ma de che....
2018-05-16 14:17:23
Ma che pal...pebre sti palestinesi. Tirassero meno sassi e la loro vita sarebbe estremamente piu` semplice.

CALCIO

MOTORSPORT

TENNIS