ACCEDI AL Il Messaggero.it


oppure usa i dati del tuo account

Russia 2018, Dalic e la rivincita con la Francia: «Fiero della mia Croazia, ma non cerchiamo la vendetta»

Dalic

La semifinale di 20 anni da cancellare nella finale di domenica a Mosca. «Nel 1998 ero in Francia, da tifoso ho assistito alle prime tre partite. Tutti in Croazia ricordano quella con la Francia, quando Thuram ha segnato e abbiamo perso 2-1. Questo è stato l'argomento di discussione negli ultimi 20 anni. Ricordo quando abbiamo festeggiato il gol di Suker, ma non appena ci siamo seduti, loro avevano già pareggiato». Zlatko Dalic, approdato alla finale del Mondiale in Russia, ha rievocato il ko in semifinale contro la Francia che sarebbe poi diventata campione del mondo a Parigi battendo il Brasile. «Entrambe le squadre hanno dimostrato le loro qualità, noi non cerchiamo la vendetta - ha aggiunto il ct della Croazia - Questo è il calcio, questo è lo sport. Ora quello che dobbiamo fare è concentrarci sulla preparazione per giocare in finale la nostra migliore partita del torneo». Dalic ha poi elogiato i propri ragazzi per la tenacia con la quale hanno ribaltato l'iniziale svantaggio contro l'Inghilterra: «Ciò che i nostri giocatori hanno fatto in questa semifinale, la forza che hanno dimostrato, la resistenza, i livelli di energia... volevo sostituirne qualcuno, ma nessuno voleva abbandonare il campo, tutti continuavano a dire 'ce la faccio, posso correre'. Nessuno voleva arrendersi, nessuno voleva dire di non essere pronto per i tempi supplementari, nessuno voleva uscire. Questa dimostrazione di carattere mi rende orgoglioso».


© RIPRODUZIONE RISERVATA



Il campo d'allenamento e l'hotel della Roma a San Diego
Video

Il campo d'allenamento e l'hotel della Roma a San Diego

  • De Laurentiis: «Finché vivrò il Napoli sarà con me»

    De Laurentiis: «Finché...

  • Roma in partenza per gli Usa. I tifosi a Schick: “È il tuo anno”

    Roma in partenza per gli Usa. I tifosi a...

  • La Curva Sud festeggia al Pantheon i 91 anni della Roma

    La Curva Sud festeggia al Pantheon i 91 anni...

  • Milan, Gattuso: «Bonucci? Rispetto le sue scelte...»

    Milan, Gattuso: «Bonucci? Rispetto le...

  • Amichevoli: il Milan parte bene, 2-0 al Novara

    Amichevoli: il Milan parte bene, 2-0 al...

  • Roma-Avellino, Di Francesco: «Campo indecente. Alisson? Spero di batterlo»

    Roma-Avellino, Di Francesco: «Campo...

  • Roma-Avellino 1-1: gli highlights della gara

    Roma-Avellino 1-1: gli highlights della gara

Prev
Next
COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
marvel125
2018-07-12 07:57:20
E' definitivamente morto il metodo di gioco inventato dagli spagnoli ossi passaggi e passaggetti all'infinito in attesa che un attaccante si liberasse della marcatura. Le quattro squadre che si sono giocate la finale sono squadre che hanno una difesa forte e quando si riparte si va a mille: è un gioco dove si spendono tante energie e pertanto ci vuole ottima preparazione fisica. Io tiferò per la Croazia, anche se la Francia obiettivamente mi sembra più completa, perchè è una squadra con gente più "ruspante" ed anche perchè i francesi in genere mi sono stati sempre un pò antipatici.

CALCIO

MOTORSPORT

TENNIS