ACCEDI AL Il Messaggero.it


oppure usa i dati del tuo account

Inter, c'è da curare il malessere di Spalletti. Il futuro può essere lontano da Milano

Inter, c'è da curare il malessere di Spalletti. Il futuro può essere lontano da Milano

Come può un pareggio contro il Napoli destabilizzare un ambiente? Bisognerebbe chiederlo a Luciano Spalletti, che forse inizia a sentire la pressione del quarto posto. Il malessere del tecnico di Certaldo inizia qui. Non raggiungere l’obiettivo della Champions significherebbe anche avere meno soldi da investire sul mercato e quindi meno rinforzi. Sarebbe visto come un fallimento e Spalletti, visto l’organico a disposizione, non ci sta. Si sente attaccato nel suo lavoro, a ogni vittoria mancata. Ma il pari di San Siro col Napoli è un risultato da conservare, dal quale ripartire. Conferma, tra l’altro, la predisposizione dell’Inter di affrontare gli scontri diretti: contando anche Sampdoria e Milan dietro in classifica, i nerazzurri hanno conquistato tre vittorie e cinque pareggi. Spalletti considera severi i giudizi nei suoi confronti: «Cosa manca? La qualità, la qualità, la qualità». Con tanto di risposta a Candreva: «Antonio dice che l’ho detto per stimolare la squadra? Può dire quello che vuole. Questo è il suo pensiero, il mio l’ho detto».
ASPETTI DA MIGLIORARE
C’è qualcosa di più profondo dietro le frasi di Spalletti. È un chiaro messaggio a Suning e a Piero Ausilio. L’allenatore nerazzurro sa di essere andato al di là delle aspettative: a dicembre era primo in classifica grazie al successo contro il Chievo (5-0, il 3 dicembre). Adesso, dopo un periodo tormentato, i nerazzurri sono quinti a un punto dalla Lazio, ma con il derby da recuperare. Insomma, c’è tutto il tempo per qualificarsi alla Champions. Tutti, però, devono viaggiare nella stessa direzione, serve dare continuità al progetto, anche senza quarto posto. Spalletti vuole colmare il gap con le avversarie, non vuole restare indietro. In caso contrario, senza più gli stessi obiettivi, l’allenatore nerazzurro è pronto a lasciare già dopo un anno. Un retroscena impensabile fino a qualche mese fa, ma nel calcio le cose cambiano in fretta e i giudizi anche. Intanto c’è una Champions da rincorrere già da domenica in casa della Sampdoria. L’unica cosa che metterebbe tutti d’accordo. Senza rancori.


© RIPRODUZIONE RISERVATA



Cristiano Ronaldo si è già preso il Mondiale, ora tocca a Messi. Il videocommento di Massimo Caputi
Video

Cristiano Ronaldo si è già preso il Mondiale, ora tocca a Messi. Il videocommento di Massimo Caputi

  • Nainggolan si riprende in bagno e canta l'inno belga

    Nainggolan si riprende in bagno e canta...

  • Filippo Tortu, atleta delle Fiamme Gialle: «Il mio modello è Mennea»

    Filippo Tortu, atleta delle Fiamme Gialle:...

  • Roberto Mancini, la confessione: «Non ho giocato un minuto ai Mondiali»

    Roberto Mancini, la confessione: «Non...

  • Dai messicani agli arabi, a Mosca già inizia la festa dei tifosi

    Dai messicani agli arabi, a Mosca già...

  • Pallotta: «Con stop iter stadio mi verrete a trovare a Boston»

    Pallotta: «Con stop iter stadio mi...

  • Surf, ecco le onde artificiali nelle piscine

    Surf, ecco le onde artificiali nelle piscine

  • Max Biaggi e il dolore per la morte di Perez: il post commovente su Instagram

    Max Biaggi e il dolore per la morte di...

Prev
Next
COMMENTA LA NOTIZIA
3 di 3 commenti presenti
franconegiallorosso
2018-03-12 16:33:05
Un perdente di successo... Era scappato a Milano convinto di trovare una società con un sacco di soldi e si è ritrovato con una squadra di mezzi brocchi... a dire il vero ha fatto un mezzo miracolo, per come gioca l'Inter dovrebbe essere decima...
ghirifalco
2018-03-12 16:00:28
Aridatecelo! Perlomeno vedemo la Roma che gioca... non i passaggi indietro...
papa max roma
2018-03-12 14:18:05
Gia' lo scrissi ai tempi della Roma .. Spalletti e' un ottimo allenatore ma fragile di nervetti .. e poi la linguetta sempre attiva .. un po' di pace .. e invece sempre a cercare e ad evocare quell' ipotetico nemico che non ti permette di vincere campionati e champions .. una volta la qualita' dei giocatori (e magari e' pure vero .) un' altra la penna avvelenata di certo giornalismo ( e magari puo' essere vera anche questa ipotesi ..) .. fai pace con te stesso, caro Spalletti e ricorda che, come ci hai sottolineato tu stesso e anche piu' volte, tu fai un lavoro doro, in un mondo dorato e guadagni stipendi dorati e puoi toglierti soddisfazioni dorate .. tutti noi, impiegati operai e giornalisti inclusi, forse siamo proprio degli sfigati .. immaginate io che so' pensionato .. eppure continuo a pensare e a dire che sei un ottimo allenatore ..

CALCIO

MOTORSPORT

TENNIS