ACCEDI AL Il Messaggero.it


oppure usa i dati del tuo account

Inzaghi e Pellegrini ricevono il premio Beppe Viola. Il romanista: «La clausola? Non vuol dire che cambierò squadra»

Inzaghi e Pellegrini ricevono il premio Beppe Viola. Il romanista: «La clausola? Non vuol dire che cambierò squadra»

Hanno ricevuto presso il Salone d’onore del Coni il premio AICS di cultura sportiva “Beppe Viola”, Simone Inzaghi e Lorenzo Pellegrini. L’allenatore della Lazio e il centrocampista della Roma sono tra le personalità del mondo dello sport e dell’informazione che nel pomeriggio hanno ottenuto il riconoscimento, dedicato al famoso giornalista, giunto ormai alla sua trentacinquesima edizione. Insieme a loro sono stati premiati anche il presidente del Coni Giovanni Malagò, il presidente della Lega Nazionale Dilettanti, Cosimo Sibilia e i giornalisti Gianluca Di Marzio (Sky), Marco Lollobrigida (Rai) e Fabio Massimo Splendore (Corriere dello Sport).
 


«Avere una clausola non vuol dire per forza che un calciatore debba cambiare squadra ogni anno». Lorenzo Pellegrini ha le idee chiare sul suo futuro e non vuole rinunciare alla maglia giallorossa che ha conquistato con tanto sacrificio da nemmeno un anno. «Ci incontreremo con la società per fare il punto della situazione a fine stagione, ma ora dobbiamo raggiungere ancora il terzo posto». Un percorso, quello della Roma, che ha portato la squadra allenata da Di Francesco in semifinale di Champions League: «Il tecnico è stato molto importante in questi miei tre anni di crescita. Sia lui che io possiamo fare ancora meglio. Siamo due persone molto ambiziose, cerchiamo sempre di migliorarci e spero che lo faremo il prossimo anno. Partiremo con qualche consapevolezza in più rispetto allo scorso anno e cercheremo di fare ancora meglio sia in Champions - dove sarà sicuramente difficile ma bello, come è stato il nostro percorso di questa stagione - che in campionato». Il pareggio contro la Juventus di ieri ha permesso alla Roma di avvicinarsi ulteriormente al terzo posto: «La Roma voleva vincere. Sicuramente a loro interessava meno perché con un punto sarebbero stati automaticamente campioni d’Italia, una partita affrontata in due maniere differenti. La Roma vuole arrivare terza, quindi andremo a Sassuolo per vincere la partita».
 


© RIPRODUZIONE RISERVATA



Italia-Arabia Saudita, le ultime da Coverciano: il videocommento di Ugo Trani
Video

Italia-Arabia Saudita, le ultime da Coverciano: il videocommento di Ugo Trani

  • Gli ostacoli dolci di Piazza di Siena

    Gli ostacoli dolci di Piazza di Siena

  • Assalto hooligan a Kiev

    Assalto hooligan a Kiev

  • Italia, allenamenti in vista dell'Arabia Saudita: il videocommento di Ugo Trani

    Italia, allenamenti in vista dell'Arabia...

  • Piazza di Siena, intervista all'event director Diego Nepi

    Piazza di Siena, intervista all'event...

  • Ippica, a Summer Festival il 135° Derby delle Capannelle

    Ippica, a Summer Festival il 135° Derby...

  • Equitazione, intervista al presidente della Fise Marco Di Paola

    Equitazione, intervista al presidente della...

  • Matrimonio Pellegrini a due passi del Colosseo. Presenti De Rossi e Florenzi

    Matrimonio Pellegrini a due passi del...

Prev
Next
COMMENTA LA NOTIZIA
3 di 3 commenti presenti
ubrr
2018-05-14 21:57:44
Pellegrini sta crescendo molto, centrocampista interessante,ha qualità notevoli. La Roma farebbe bene a puntarci sopra.
papa max roma
2018-05-14 20:17:53
Allora .. diciamola in altro modo .. come tutti i tifosi veri, ci si affeziona a chi indossa la maglia .. quindi vorrei che Peres, Jesus, Pellegrini, Gonalons, Gerson , Shick, Defrel, diventassero improvvisamente bravi .. bravissimi .. e facessero fare il famoso salto di qualita' alla Roma .. ma capita ? succede ? non mi sembra possibile .. allora meglio pensare a venderli e a rimpiazzarli con giocatori veramente bravi e non scommesse da perdere ..
papa max roma
2018-05-15 13:51:04
PERSEEEE .. PERDUTEEEEEE .. PERSIANEEEEEE ..!!

CALCIO

MOTORSPORT

TENNIS