ACCEDI AL Il Messaggero.it


oppure usa i dati del tuo account

Milan, una rinascita firmata Gattuso: solidità in difesa e un Cutrone letale

Milan, una rinascita firmata Gattuso: solidità in difesa e un Cutrone letale

Qualcosa è cambiato in casa Milan. La grinta di Rino Gattuso ha portato una ventata di entusiasmo a Milanello. I risultati utili consecutivi sono nove, coppe comprese. Un cammino incredibile che ha proiettato i rossoneri a tre punti dalla Sampdoria (prossima avversaria domenica a San Siro), in semifinale di Coppa Italia (ritorno il 28 febbraio all’Olimpico contro la Lazio) e ipotecato gli ottavi di Europa League. Mica male per una squadra che avrebbe dovuto fare tuoni e fulmini vista la campagna acquisti colossale da quasi 240 milioni di euro e che invece si è inceppata dopo solo un mese. Fino a sembrare in caduta libera e fuori da tutto.
LA RICOSTRUZIONE
Gattuso ha dovuto ricostruire una squadra fuori condizione, lenta, prevedibile, macchinosa, impacciata. Il Milan nella prima metà del mese di dicembre non ha smesso di fare pessime figure: il pari in casa del Benevento (2-2: il primo punto in A per i campani, con gol addirittura del portiere in pieno recupero) e la sconfitta al Bentegodi contro il Verona (3-0) sono stati mal digeriti da tutti, ma Gattuso è ripartito da lì. Il tecnico rossonero, che la maggior parte dei tifosi di Italia (e di noi addetti al lavoro) riteneva inadatto sulla panchina del Milan, ha poco alla volta recuperato alcuni giocatori chiave. In primis, Bonucci. Ridando così solidità difensiva grazie anche a Romagnoli, che sta disputando le sue migliori partite con la casacca rossonera. In mezzo al campo Kessie e Biglia stanno dando forza fisica e geometria alle manovre offensive; Bonaventura come mezz’ala è letale negli inserimenti e Calhanoglu nel tridente è un aiuto in più. Anzi un bell’aiuto.
UOMO GOL
Infine, Cutrone. Un giocatore devastante: un ragazzo con una fame da gol impressionante, che se resterà con i piedi per terra potrà scrivere pagine importanti del nostro calcio. Ci auguriamo anche con la maglia della Nazionale. Ha relegato André Silva e Kalinic, 63 milioni di euro in due, in panchina. Certo, il Milan deve migliorare in tante cose: i primi 20’ contro il Ludogorets sono stati bruttissimi. Con la Sampdoria ci vuole ben altro avvio. Ma ora, in generale, i rossoneri sembrano pronti per giocare gare insidiose. L’importante è restare uniti, come dice Rino. Anche quando arriverà una sconfitta.


© RIPRODUZIONE RISERVATA



Dal debutto di CR7 alle vittorie pesanti di Napoli e Roma: la notizia è la sconfitta dell'Inter. Il videocommento di Massimo Caputi
Video

Dal debutto di CR7 alle vittorie pesanti di Napoli e Roma: la notizia è la sconfitta dell'Inter. Il videocommento di Massimo Caputi

  • Torino-Roma 0-1: il videocommento di Ugo Trani

    Torino-Roma 0-1: il videocommento di Ugo...

  • Juventus, Allegri: «Alla prima giornata ci voleva una vittoria così»

    Juventus, Allegri: «Alla prima...

  • Lazio-Napoli 1-2:
il videocommento
di Emiliano Bernardini

    Lazio-Napoli 1-2: il videocommento di...

  • Di Francesco "Pastore e Cristante possono coesistere. Non cambio modulo"

    Di Francesco "Pastore e Cristante...

  • Di Francesco: "Squadra migliorata? Vedremo, ma dobbiamo sfoltire"

    Di Francesco: "Squadra migliorata?...

  • Torino, visite mediche per Zaza

    Torino, visite mediche per Zaza

  • Napoli, la squadra arriva a Roma per il match con la Lazio

    Napoli, la squadra arriva a Roma per il...

Prev
Next
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

CALCIO

MOTORSPORT

TENNIS