ACCEDI AL Il Messaggero.it


oppure usa i dati del tuo account

Roma, De Rossi: «Passare il turno per affermarci in Europa. Spalletti? A Roma qualche casino l'ha fatto»

Foto Gino Mancini

L’episodio di Genoa-Roma. «Ho parlato per primo, ho chiesto scusa. Di più non posso fare, se non concentrarmi sulle prossime partite. La prossima è davvero molto importante, pensare a quello che è successo a Genova non mi aiuterà». 
 



Lo striscione in Curva Sud. «Quando sono stato in difficoltà, loro si sono schierati dalla mia parte. Ero a casa quando lo hanno esposto perché squalificato e non potevo entrare negli spogliatoi, ma sono stato felice. Mi ha fatto molto piacere. Promesse? Meglio non farne, ma domani sera dipenderà tutto da noi».
 
Il Qarabag. «Sarà come tutte le partite importanti che giochi, come un derby. Sono partite importanti, da vincere, da aggredire. Abbiamo un modo di affrontare le partite sempre molto simile che ci ha dato grande convinzione. Bene o male siamo quelli, è uno dei nostri punti di forza».
 
La Champions. «Mi ha regalato grandi serate di gioia, ma anche grosse e cocenti delusioni. Ma sempre in linea con la nostra realtà, che non ti permette di fare troppi sogni su questa competizione. Il passaggio di domani è un passaggio fondamentale per la nostra dimensione europea. Non mi ricordo un girone così, sarebbe una bella immagine da esportare in Europa». 
 
Complicato sostituire Spalletti. «Avevo ragione, era complicato non impossibile. In quei giorni si parlava di quell’allenatore, che passava come uno sprovveduto. Qualche casino l’ha fatto, sapete cosa è successo, del clima con Francesco. Ne abbiamo risentito un po’ tutti. Ho detto difficile, non impossibile. Ora facciamo gli scongiuri per domani, ma credo che i 6 mesi del mister siano i migliori di un allenatore all’inizio con la Roma. Se fossimo partiti così l’anno scorso forse avremmo vissuto lo stesso».
 
Lo stadio della Roma. «È molto importante per la Roma, ma non è la nostra priorità ora. Nel 2021 avrò 38 anni, mi sembra un po’ difficile. Anche se mentalmente e fisicamente sto bene, però poi ci sono altre problematiche e di qualità che devi avere per giocare fino a 38 anni. L’importante è giocare gli ottavi di finale».
 
Le squalifiche. «Un giocatore che gioca 16 anni e prende due giornate di squalifica all’anno. La matematica è evidente. Non ho saltato un anno della mia carriera. Ho fatto cose che hanno fatto sembrare più grandi gli errori. Non ho saltato un anno, avete scritto male. Ho anche pagato quando ho sbagliato. Domani sarò presente in campo, o comunque nello spogliatoio».
 
I calciatori. «È risaputo che il calcio che viviamo noi sia diverso da quello che conoscete voi. Ci sono giocatori eroici che poi nello spogliatoio se la fanno sotto. Noi sappiamo veramente quello che succede. Chi mi conosce mi considera un buon compagno, ma non ho jolly da giocarmi. Ho pagato e pagherò. Ho la sensazione che i miei compagni mi ritengano una persona perbene, uno che non gli volterebbe le spalle se succedesse a loro. Mi schiero sempre dalla parte dei miei compagni».
 
L’obiettivo prima di finire la carriera. «Non so se sarebbe realistico. Ho sempre detto che vorrei smettere prima di non farcela più. Se fai più fatica e fai male a 34/35 anni, dal mio punto di vista, non sarei mai legato a questo lavoro a tal punto da farlo stando male. Quest’anno mi diverto. Dire ‘non smetto finché non vinciamo lo scudetto’ sarebbe da folli. Mi auguro di vincerlo il prima possibile. Se fosse impossibile, forse avrei già smesso. Secondo me non è impossibile che succeda».
 

De Rossi a Mediaset

Le è dispiaciuto leggere che qualcuno pensava di toglierle la fascia?
«Non ho letto niente, è una tattica che funziona. Immagino ciò che è stato scritto, sulla fascia dipende dai singoli allenatori. Di Francesco mi ha voluto in conferenza ed è stato un attestato di fiducia, spero di ripagarlo».

La Roma ha cambiato il proprio DNA cercando di proporsi sempre calcio.
«Mi piace l’atmosfera nello spogliatoio tra noi e lo staff del mister, non è scontato quando arriva un allenatore nuovo. Abbiamo visto un cambio netto tra quello che riuscivamo a capire prima e ciò che capiamo adesso».

La Roma può guardare l’Inter?
«Noi dobbiamo recuperare la partita il 24 gennaio, se dovessimo vincere saremmo a due punti dall’Inter: sarebbe assurdo dire che non possiamo competere. Nello scontro diretto avremmo meritato di vincere, ma anche loro adesso avranno capito di più cosa vorrà Spalletti da loro. La capolista spesso dipende dagli episodi, come successo in quella partita di agosto».

Ora che qualche giorno è passato dalla delusione in Nazionale, che pensieri ritornano?
«Faccio come con i giornali, non ho guardato il sorteggio e probabilmente non guarderò i Mondiali quest’estate. È una delusione che si accantona perché ci sono partite importantissime con la Roma, ma quando si riprenderà a parlare delle Nazionali sarà una delusione che tornerà fuori e farà male come quella sera lì».
 
 


© RIPRODUZIONE RISERVATA



Di Francesco: "Cinque partite fondamentali per la lotta Champions"
Video

Di Francesco: "Cinque partite fondamentali per la lotta Champions"

  • Totti: stadio Flaminio, ridiamogli decoro e dignità

    Totti: stadio Flaminio, ridiamogli decoro e...

  • Fiorentina-Lazio 3-4, «Partita condizionata dall'arbitro»: il videocommento di E. Bernardini

    Fiorentina-Lazio 3-4, «Partita...

  • Per scudetto e Champions tutto è in gioco. Il videocommento di Massimo Caputi

    Per scudetto e Champions tutto è in...

  • Roma-Genoa 2-1, «Risultato sofferto e striminzito»: il videocommento di Ugo Trani

    Roma-Genoa 2-1, «Risultato sofferto e...

  • Verdone, Enzo Salvi e «'sto Liverpool malefico»: il videomessaggio romanista

    Verdone, Enzo Salvi e «'sto...

  • Nonna Rossella compra il biglietto per Roma-Liverpool e piange di felicità

    Nonna Rossella compra il biglietto per...

  • Folla davanti ai Roma Store: più di 1000 tifosi per i biglietti di Roma-Liverpool

    Folla davanti ai Roma Store: più di...

Prev
Next
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 21 commenti presenti
Clamer
2017-12-05 15:45:35
De Rossi? Fallo giocare ogni 3 giorni e questi sono i risultati. Il campionato? Lo deciderà il mercato di gennaio, dove 3 squadre Juve Napoli e Lazio hanno piena disponibilità finanziaria, una, l'inter gli basta vendere Kongdobia al Valencia che già è là, l'altra, la Roma, non ha da vendere un fico secco giacchè non può più permetterselo. Fatevi un pò due conti, per noi romanisti altri due anni di 'purgatorio finanziario'?
Pum Pum
2017-12-05 12:07:56
De Rossi che parla di casini fatti da Spalletti , dopo quello che ha combinato è qualcosa che va oltre l'inopportunità. Aridamme due punti
urberomana1973
2017-12-05 10:35:27
Io mi schiero con la Sud nel considerare sempre Daniele un vanto di Roma e della Roma, come nello striscione dei grandi Capitani in cui fu inserito anche lui nonostante ancora in attività Totti. Il suo carattere lo conosciamo ma oltre al gesto di Genova e altri simili lo abbiamo visto capace di mille altri gesti verso i tifosi, i compagni, gli avversari di cui ne siamo andati fieri. Poi il discorso tecnico è un altro paio di maniche, l'anno prossimo avrà 35 anni, non può giocare ogni tre giorni, un acquisto futuribile magari già a gennaio dovrebbe porselo la Società! Comunque a me Strootman quei venti minuti finali in quel ruolo mi è piaciuto moltissimo, visto che non ha più dopo le tre operazioni lo spunto dello Strootman conosciuto con Garcia e che Gonalons ancora è un rebus vedrei meglio in alternativa a De Rossi un centrocampo con Pellegrini a sinistra, Nainngolan a destra e Strootman al centro. Di certo non sarà più un fulmine ma carisma e presa sui compagni non gli mancano di certo!
James1
2017-12-05 07:12:56
Non ti preoccupare Daniele... i pochi pusillanimi che ti criticano dovranno rimangiarsi tutto il veleno che sputano. DDR, Florenzi, Pellegrini... Romani e Romanisti per sempre come la maggior parte di noi che ti supporta... no' come certi burinozzi che vonno una Roma piena de stranieri e senza l'identia' romana.
lucteodo
2017-12-04 19:18:10
grande danielino un giorno quelli che ti criticano capiranno che uomo sei e anche che tifoso sei come del resto per francesco e spero per alessandro ROMANI E ROMANISTI

CALCIO

MOTORSPORT

TENNIS