ACCEDI AL Il Messaggero.it


oppure usa i dati del tuo account

Roma, Di Francesco: «Vogliamo Kiev. Sarà fondamentale essere più squadra del Liverpool»

Roma, Di Francesco: «Vogliamo Kiev, fondamentale essere squadra»

Il grande giorno sta arrivando. Mancano 24 ore a Liverpool-Roma ed Eusebio Di Francesco prova a raggruppare le idee per affrontare la partita più importante del club in campo internazionale da 34 anni a oggi. Nessuna indicazione di formazione, ma tante certezza sull’atteggiamento da mettere in campo: «È fondamentale domani essere più squadra, affrontiamo una formazione differente dal Barcellona per ritmo e intensità e dovremo essere al loro pari per intensità». Ecco le parole del tecnico della Roma alla vigilia della prima semifinale di Champions. 
 
L’Anfield. «Già immagini l’atmosfera, noi non siamo abituati ad avere il tifoso a ridosso del campo. È un aspetto bellissimo del calcio inglese».
 
Di cosa ha bisogno la Roma. «Il Liverpool hai suoi tifosi ma li avremo anche noi. È fondamentale domani essere più squadra, affrontiamo una formazione differente dal Barcellona per ritmo e intensità e dovremo essere al loro pari per intensità».
 
La tattica
. «Affrontiamo un avversario diverso dalla Spal. Loro hanno una grande qualità, è la squadra che ha più capacità di verticalizzate. Un palleggio esasperato può favorire la loro pressione. Vogliamo giocare il nostro calcio e imporre la nostra idea, sfruttare le loro lacune senza cadere nel tranello di quello che vorranno loro. I concetti di Ferrara nascono da tempo, abbiamo acquisito maggiore forza e questo aiuta, mi auguro di vederla anche domani».
 
Difesa a tre e ballottaggio Schick-Under. «Non parlo di formazione. Schick e Under hanno entrambi il 50% di giocare. La squadra ha assimilato sia la difesa a 3 che a 4 e io devo scegliere di volta in volta a seconda dell’avversario. Non darò indicazioni a voi né agli avversari, ma la cosa importante è che non deve cambiare la filosofia, l’idea. La differenza la farà il rimanere corti in entrambe le fasi di gioco contro una squadra che ha grande verticalità».
 
Klopp. «È stato molto simpatico in conferenza, dicendo che siamo simili perché portiamo barba e cappelli. La sua filosofia di calcio mi piace tanto, lo ha dimostrato anche al Borussia. Sono contento e preoccupato di affrontarlo, ma anche lui troverà un allenatore che si avvicina alla sua idea di calcio. Lui ha dimostrato più di me, io ancora devo fare tanto. Contento di giocarcela, convinti di poter arrivare in finale. Sarà un bello scontro».
 
Alisson. «Non possiamo basarci solo su un calciatore, così come non c’è solo Salah. Alisson è un portiere importante ed è prontissimo per questa sfida come lo sono i 22 convocati di questa gara».
 
Abbassarsi. «Dovranno essere bravi loro ad abbassarci, questo è il concetto: la capacità di rimanere corti. La palla determina tutto».
 
Fermare Salah. «Non abbiamo mai preparato una partita su Salah, ma sul Liverpool. Lui voleva tornare in Premier, io sono contento di avere giocatori di grandi prospettive, come Under. Non ci ho mai pensato, guardiamo solo avanti, l’ho sempre detto. Non pensiamo solo a un giocatore, avremo un’attenzione particolare sui più forti come era Messi. Gli altri non sono da meno».
 
Allenare in Premier. «In questo momento il mio pensiero principale è tenermi stretta la Roma. Poi un domani mai dire mai, è entusiasmante giocare e allenare in uno stadio inglese, ma non è una mia priorità. Io in inglese so dire solo hamburger, come Klopp ha detto di saper dire solo spaghetti in italiano».


© RIPRODUZIONE RISERVATA



Lazio-Inter, il videocommento di E. Bernardini
Video

Lazio-Inter, il videocommento di E. Bernardini

  • Bonolis: «De Vrij? Speriamo pensi al futuro»

    Bonolis: «De Vrij? Speriamo pensi al...

  • Ibi18, folla di vip al Foro per Tennis&Friends: tra sport e solidarietà

    Ibi18, folla di vip al Foro per...

  • Ibi18, salute e prevenzione a Tennis&Friends: check-up gratuiti al Foro

    Ibi18, salute e prevenzione a...

  • Roma in partenza per Reggio Emilia: c’è anche Defrel

    Roma in partenza per Reggio Emilia:...

  • Di Francesco: "La società mi ha assicurato che Alisson resterà alla Roma"

    Di Francesco: "La società mi ha...

  • Funerali Anzalone, il saluto della Roma e del Cucs

    Funerali Anzalone, il saluto della Roma e...

  • Internazionali, il saluto di Roberta Vinci ai tifosi

    Internazionali, il saluto di Roberta Vinci...

Prev
Next
COMMENTA LA NOTIZIA
2 di 2 commenti presenti
ubrr
2018-04-24 09:49:11
Appunto perché è una squadra che sa verticalizzare benissimo, non si può affrontare in campo aperto con il solito 433. Bisogna fare densità a centrocampo e cercare di non farli mai ripartire, 352 con Dzeko e Scick davanti. Pronti a pungere.
massimo ricci
2018-04-24 06:28:16
La AS Roma ha gia raggiunto un traguardo inimaginabile e credo che la Buona Stella la portera' in finale . La grossa massa nera della sfiga e' ormai un lontano ricordo che aveva coinvolto il popolo giallorosso facendolo diventare succube.Ora e' nel limbo e non conta piu' niente vive solo di ricordi e in questo momento e' invidioso ma non puo' piu' nuocere. Il sorgere del sole in alta montagna con un cielo celeste e' un buono augurio i baldi giovani giallorossi sono sotto il fato.

CALCIO

MOTORSPORT

TENNIS