ACCEDI AL Il Messaggero.it


oppure usa i dati del tuo account

Roma, Monchi: «Ai tifosi chiedo fiducia. Pallotta vuole un club campione, alla fine ce la farà»

Roma, Monchi: «Ai tifosi chiedo fiducia. Pallotta vuole un club campione, alla fine ce la farà»

La pressione a Trigoria aumenta giorno dopo giorno: manca un titolo da nove anni, il club non sta lottando per campionato e Coppa Italia e in ogni sessione di calciomercato c’è la possibilità che qualche top player possa lasciare la Capitale (vedi Salah che oggi ha segnato il 30esimo gol con il Liverpool). La Roma, dalla scorsa estate, ha dato in mano le redini della direzione sportiva a Ramon Monchi, il dirigente arrivato dal Siviglia ha avuto poco tempo integrarsi nel calcio italiano e pronti via gli è stato chiesto di costruire la squadra per la stagione in corso: «I numeri sono importanti per la società e abbiamo bisogno di gestire bene l’azienda, ma per i tifosi sono importanti i trofei e le vittorie e vorrei portarli anche io, perché a Roma mancano da tanto. Capisco i tifosi, ma prima dobbiamo gestire la società per vincere con continuità. Loro non vogliono sentire ragioni, ma gli chiedo fiducia. Io adesso conosco il calcio italiano, la Roma e la società, quando sono arrivato non era così. Pallotta? Dobbiamo essere più giusti con la sua figura. Lui è preoccupato constantemente per la società. Nella sua testa pensa ad una Roma campione e che vinca. E alla fine lo farà.», ha detto Monchi a Sky Sport. Lunedì i giallorossi voleranno in Ucraina dove mercoledì affronteranno lo Shakhtar, l’obiettivo è mettere l’ipoteca sui quarti di finale di Champions League: «È la competizione più importante al mondo, per noi diventa una possibilità per fare cose importanti, anche per i tifosi. Io dopo tanti anni non sono mai arrivato al quarto di finale e sarebbe una bellissima occasione per farlo». Sul possibile rinnovo di Florenzi (scadenza 2019): «Vorrei rimanesse a vita, saremmo contenti. Anche lui è romanista di cuore e da tanti anni». 

RIMPIANTO SALAH 
Come detto, Salah ha segnato il 30esimo gol stagionale lasciando molti rimpianti tra i tifosi della Roma: «Alla fine abbiamo ricavato 50 milioni compresi i bonus. In quel momento avevamo bisogno di vendere il calciatore ed era un’occasione importante. Quello che è successo poi con Mbappe, Neymar e Coutinho ha fatto saltare un po’ il mercato, ma in quel momento andava fatta la vendita. Adesso anche io penso che il prezzo non era il migliore possibile, ma in quel momento non si poteva fare di più. Lui, prima che io arrivassi a Roma, aveva già un’offerta del Liverpool di 22 milioni più 3 di bonus, se un giocatore vuole andare via non si può fare altro. Se avessi venduto Totti per 200 milioni? Non lo so. Io credo che lui abbia tanti valori anche al di là del calcio. Adesso sarebbe al livello di Messi e Ronaldo».

AFFARE DZEKO 
Il direttore sportivo torna sulla trattativa Dzeko che ha infiammato il mercato invernale. Il bosniaco era vicino al Chelsea, ma a pochi giorni dalla conclusione del mercato l’affare è sfumato: «Noi abbiamo cominciato a parlare con il Chelsea per Emerson, poi loro hanno parlato anche di Edin, ho chiesto di fare un’offerta che noi l’avremmo valutata. Loro hanno fatto l’offerta e noi abbiamo fatto la nostra richiesta, ma non ci hanno accontentato. Se Dzeko lo avessimo voluto vendere lo avremmo fatto. Nessun club quando vende è felice, ma se lo fa è perché è un’operazione economica corretta. Se lo avessimo venduto avremmo preso un altro calciatore. Se lui fosse andato via, l’attaccante non sarebbe stato Monchi. Giroud era un'opzione». E su Schick: «La fiducia che abbiamo in lui e Defrel è tanta. Fino ad oggi per Schick abbiamo dato 6 milioni e 5 per Defrel. Il pagamento di Schick è in cinque anni e non sappiamo ancora quanto sarà, il suo ruolo è di attaccante e può giocare anche esterno».  


© RIPRODUZIONE RISERVATA



Italia-Arabia Saudita, le ultime da Coverciano: il videocommento di Ugo Trani
Video

Italia-Arabia Saudita, le ultime da Coverciano: il videocommento di Ugo Trani

  • Gli ostacoli dolci di Piazza di Siena

    Gli ostacoli dolci di Piazza di Siena

  • Assalto hooligan a Kiev

    Assalto hooligan a Kiev

  • Italia, allenamenti in vista dell'Arabia Saudita: il videocommento di Ugo Trani

    Italia, allenamenti in vista dell'Arabia...

  • Piazza di Siena, intervista all'event director Diego Nepi

    Piazza di Siena, intervista all'event...

  • Ippica, a Summer Festival il 135° Derby delle Capannelle

    Ippica, a Summer Festival il 135° Derby...

  • Equitazione, intervista al presidente della Fise Marco Di Paola

    Equitazione, intervista al presidente della...

  • Matrimonio Pellegrini a due passi del Colosseo. Presenti De Rossi e Florenzi

    Matrimonio Pellegrini a due passi del...

Prev
Next
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 27 commenti presenti
Riky 1938
2018-02-16 18:51:48
Che fiducia si può avere quando si parla già di vendere Alison?
Nikita
2018-02-15 17:13:22
Il "proggetto" iniziale era quello di puntare sui giovani e ricordiamo tutti come andò con l'Hombre Vertical e il suo mix di giocatori vecchi/giovani/sconosciuti/scarsissimi spesso messi in campo fuori ruolo. Abbandonato questo progetto ritenuto (a ragione) non vincente, si è deciso di tirare a campare con il trading dei giocatori, che dovrebbe consentire una maggiore competitività della squadra e garantire (se possibile..) un posto in scempions. Effettivamente ora le cose vanno meglio se pensiamo ai piazzamenti in campionato, ma il continuo fare e disfare la squadra non ha prodotto nessuna crescita e coesione nel gruppo e conferma purtroppo che non esiste un progetto sportivo che dovrebbe essere la priorità trattandosi di una società di calcio. Non credo infatti sia stato un gran segnale tentare la vendita dell'unico centravanti presente in rosa a gennaio , in piena corsa campionato e Coppa Campioni, con Defrel e Schick allora ancora infortunati. Monchi ci dice che prima di parlare di vittorie e trofei bisogna portare la squadra a vincere con continuità...allora bisogna comprare, se non campioni, almeno giocatori in grado di giocare. La campagna estiva è stata finora fallimentare, assodato che il progetto è basato sul trading, allora bisogna iniziare a non sbagliare gli acquisti . Per me finora male male male...
papa max roma
2018-02-15 20:38:40
brava Nikita .. brava davvero ..
Nikita
2018-02-16 15:05:27
grazie...
ghirifalco
2018-02-15 15:16:02
Prima vincete,prima fate squadra grande ..poi io compro il biglietto della partita. No squadra grande? No biglietto!!! Semplice no?

CALCIO

MOTORSPORT

TENNIS