ACCEDI AL Il Messaggero.it


oppure usa i dati del tuo account

Roma, Monchi: «Alisson? Offerta fuori mercato. Ambizione è fare le cose con la testa»

Foto MANCINI

Ramon Monchi prende la parola in occasione della conferenza stampa di presentazione di Kluivert. Il ds giallorosso spiega la cessione di Alisson al Liverpool e le possibili trattative per il futuro. 

Arrivare a Kluivert. «È stata una trattativa complicata perché un giocatore così, con questa prospettiva futura è voluto da tutti. Quando si trova la volontà di venire qui tutto diventa più facile. La prima volta che ho avuto un appuntamento con Kluivert è stato importante fargli capire che il suo percorso nella Roma sarebbe stato ideale. La fiducia che abbiamo nel suo percorso è grande, ma bisogna lavorare tanto dato che viene da un altro calcio».
 
Il lavoro della squadra. «Sono molto soddisfatto, la scelta di lavorare a Trigoria è stata una bella decisione e anche l’atteggiamento dei calciatori è stato buono. È stato un bel ritiro. 
 
Alisson. «Non abbiamo chiuso nulla fino ad ora, la trattativa si chiude quando tutto è pronto. È vero che Alisson è a Liverpool, siamo in una trattativa avanzata, ma ancora non è chiuso. Se alla fine andrà tutto bene si chiuderà presto. Ho spiegato tante volte che il lavoro del direttore sportivo non è solo di comprare giocatori, ma anche capire cosa è meglio per la società per la società. Non è solo importante il risultato sportivo, ma anche quello economico. È arrivata un’offerta fuori mercato e molto importante per Alisson, abbiamo valutato i pro e i contro e alla fine abbiamo fatto una scelta e parlato con il Liverpool per trovare l’accordo. Mancanza di ambizione? No, noi continuiamo allo stesso livello se non di più. Abbiamo venduto Alisson e Nainggolan e ne abbiamo presi 10. Continuiamo a lavorare per trovare calciatori per diventare una squadra importante. L’ambizione cos’è? È fare le cose con la testa, senza la testa diventi uno sprovveduto. Non voglio fare cose che mettano in difficoltà questa società. Abbiamo l’esempio recente di una squadra importante di questo Paese che in questo momento non può giocare in Europa, altre hanno difficoltà per fare la rosa per la lista Uefa. Ho provato a fare la squadra più forte possibile non per quest’anno, ma per altri anni. Sono convinto al 100% di riuscirci. Lo scorso anno parlavamo di Ruediger, Paredes, ma poi la squadra ha fatto la miglior stagione degli ultimi 10 anni arrivando terza e in semifinale di Champions. L’ambizione va fatta con la testa, Alisson è fortissimo, non so se è il miglior portiere del mondo ma ci siamo vicini, ma anche lui ha dovuto fare un percorso. Lo scorso anno dopo l’uscita di Szczesny era finito il mondo, ci vuole tempo».
 
Olsen. «Lui è una possibilità, stiamo lavorando con tranquillità, ma senza fretta. È meglio essere convinti e trovare condizioni economiche migliori per la società che fare qualcosa sotto la pressione dell’uscita di Alisson. La pressione più difficile che io devo sopportare è la mia, non c’è nessuno che mi mette più pressione che me stesso». 
 
La pressione. «Non troverete un ds più vicino al pensiero dei tifosi di me. A volte sono troppo tifoso, ma devo prendere decisioni per ciò che penso sia meglio per la società. Una parte dei tifosi è arrabbiata probabilmente, ma quando la Roma vince sono tutti contenti. Devo trovare la strada per creare la squadra più forte possibile e fare felici i tifosi. So che sono stanchi delle parole. Roma non si è fatta in un giorno. Sono qui da 14 mesi, datemi tempo. La squadra sarà più forte? Torno a quello che ho detto. Presentiamo Kluivert, che tre mesi fa era impossibile ed ora è qua. Pastore mi avevate detto che era impossibile e l’ho detto anche io, e invece era qua. Malcom si diceva fosse una follia, ora è una possibilità. Così si deve parlare di Roma, non solo per le cessioni. Nel cellulare ho tanti messaggi di complimenti per la squadra che stiamo facendo, sono giocatori molto importanti che i colleghi conoscono. È giusto dire che avere la possibilità di avere Kluivert, Cristante e Pastore è una grande cosa». 
 
Malcom. «Sono andati via Alisson e Nainggolan che sono fortissimi. Sono rimasti giocatori che saranno più forti e arriveranno giocatori che renderanno la rosa più forte possibile. Manca ancora un mese e nella mia testa sono cose che mi fanno ben sperare». 
 
La volontà di Alisson di essere ceduto. «Io voglio ringraziare Alisson e non ho mai visto la pressione del ragazzo di andare via. Il comportamento di Alisson con me è stato da 10, lui ha accettato, ma non ho mai sofferto la pressione. Trattenerlo? Il lavoro di un direttore sportivo è capire il prima possibile  quello che succede. Se ad esempio chiamassi Justin e lui non mi rispondesse, poi chiamassi il procuratore e prendesse tempo, allora capirei che non vuole essere alla Roma. Se si parla di Real Madrid, Liverpool e Chelsea per Alisson devo capire che qualcosa succede. Io posso fare finta di niente o capire che qualcosa può succedere e deve cominciare a lavorare la soluzione migliore per la mia società. Io faccio queste operazioni perché penso siano buone per la società, a volte io faccio cose che voi e i tifosi non capite ma lo faccio per il bene della società. Quando arrivano club forti economicamente uno deve capire cosa sta succedendo». 
 
Mercato uguale senza cessione Alisson. «È il mio modo di lavorare. Ho cercato di dare prima possibile la rosa a Di Francesco per aiutarlo. Non cambia. Lavoro tanto con WyScout, quando faccio le cose prima sono pensate».
 
N’Zonzi. «Gli faccio grandi complimenti per il campionato del mondo. Tutti sanno che mi piace tanto, ma credo che ad oggi non sia un obiettivo reale per noi». 
 
Roma seconda forza. «Non cambia dire essere la prima, la seconda o la terza, voglio fare la squadra più forte possibile. Abbiamo uno degli allenatori più forti del calcio italiano e abbiamo uno spogliatoio ambizioso. Sono queste le cose importanti, c’è uno spirito di lavoro collettivo, quando tutti vanno nella stessa direzione è più facile arrivare all’obiettivo». 
 
La fiducia. «Capisco che la parola tempo è difficile da usare in questa sala stampa, perché arriva un direttore sportivo dalla Spagna e a un tifoso della Roma che non vince da tanti anni gli viene da dire “torna a Siviglia”. Io non posso farci nulla se la Roma non ha vinto negli ultimi anni, io chiedo tempo perché ne ho bisogno. Siamo arrivati in semifinale di Champions e vorrei solo un po’ di fiducia. So che sono tutti stanchi delle parole, io sono convinto al 100% di vincere in un anno o due, se non succede prenderò l’aereo e andrò via. Io sono tifoso, prima di tutto».


© RIPRODUZIONE RISERVATA



Europei, Italia d'oro nei tuffi sincro e nel fondo
Video

Europei, Italia d'oro nei tuffi sincro e nel fondo

  • Lazio, 12-0 al Victoria Clarholz: gli highlights

    Lazio, 12-0 al Victoria Clarholz: gli...

  • La Roma è rientrata dalla tournée negli Usa

    La Roma è rientrata dalla...

  • Roma, Olsen beffato: Florenzi fa il cucchiaio

    Roma, Olsen beffato: Florenzi fa il cucchiaio

  • Roma, De Rossi: "Decido io quando smettere, ma non mi trascinerò fino a 39 anni"

    Roma, De Rossi: "Decido io quando...

  • Roma, Di Francesco: "Il mercato è ancora aperto, abbiamo preso giocatori di prospettiva"

    Roma, Di Francesco: "Il mercato...

  • Ancora 11 giorni di calciomercato: tra anomalie e ultimi ritocchi. Il videocommento di Massimo Caputi

    Ancora 11 giorni di calciomercato: tra...

  • Olsen: "Rispetto Alisson, ma è andato via. Ora mi concentro sul mio lavoro"

    Olsen: "Rispetto Alisson, ma è...

Prev
Next
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 23 commenti presenti
Etipareva?
2018-07-20 16:36:05
Oggi sono rimasto "spiazzato" da un mio improvviso,virtualmente nefasto pensiero.Proprio io che mi ritengo un ottimista per natura! Eccolo! Se per Pallotta e compagnia bella la ROMA dovesse essere soltanto un business per far soldi, a dispetto di quello che vogliono dare da intendere ai tifosi,allora pensare di vincere un qualsiasi trofeo,per quanto piccolo,e' pia illusione! Qui i soldi Pallotta li deve METTERE e non PRELEVARE e NON BASTA! Deve metterci il suo cuore e la sua anima in prima persona affinche' nei giocatori venga innescata quella FIAMMA inestinguibile e quella profonda MOTIVAZIONE assolutamente indispensabili per VINCERE tutto e sempre! E allora Pallotta, se la ROMA davvero ti sta a cuore dimostralo con i soldi prima e l'impegno diretto personale poi. Altrimenti,prima che le cose e sopratutto l'umore ( umore NON amore!)dei tifosi delusi e arrabbiati cambino,PASSA LA MANO. Verremo a trovarti a Boston come da tuo suggerimento!
minnamor
2018-07-19 18:11:52
ma se Salah adesso vale €150 milioni e il Liverpool per Salah e Allison ha pagato € 115 miliomni, vuole dire che il Liverpool ha già guadagnato almeno € 35 milioni!
markenv
2018-07-20 08:34:26
150 milioni?ma dai perfavore e ronaldo ne vale 100? non esageriamo perfavore
ubrr
2018-07-19 17:15:32
Nikita quando Kluivert e Coric diventeranno giocatori sicuramente li venderanno e andranno a cercare altri Kluivert e Coric. Ma d'altronde la proprietà è questa lì conosciamo benissimo penso ora, sappiamo alla perfezione come operano. Ma perché noi ci dobbiamo avvilire più del dovuto. Guardia il lato positivo delle cose, senza rimpiangere troppo chi non è più nostro. Non hai curiosità di vedere all'opera Pastore, Kluivert Coric? Io si e se dovesse venire anche Malcom sarebbe una squadra mica da poco. Stare qui a fare il tifoso sempre lamentoso serve a poco. Ciao.
Nikita
2018-07-19 22:02:12
ciao ubrr...hai ragione, non credo che lamentarsi serva a molto. Ma questo calcio senza bandiere non lo sento mio..sarà che sto' a invecchià..:-) Mi aspettavo che quest'anno, visti gli introiti della Champions e dello sponsor, si sarebbe evitata la solita cessione eccellente. Insomma speravo che avrebbero adeguato il contratto di Alisson, segnale evidente della volontà di costruire una squadra forte partendo dal portiere. Andare a scoprire talentini da rivendere aiuta le casse della Società ma non è un progetto tecnico.. Sono ovviamente curiosa di vedere Pastore e gli altri ragazzi in campo e tiferò sempre e comunque...su questo non ci piove! Ps: Monchi non mi è simpatico, è autoreferenziale all'ennesima potenza....

CALCIO

MOTORSPORT

TENNIS