ACCEDI AL Il Messaggero.it


oppure usa i dati del tuo account

Roma-Shakhtar, Dzeko torna al centro dell’attacco. Panchina per Schick, Defrel out

Roma-Shakhtar, Dzeko torna al centro dell’attacco. Panchina per Schick, Defrel out

Edin Dzeko tornerà alla guida dell’attacco della Roma dopo il turno di riposo forzato scontato contro il Torino. A Trigoria, Eusebio Di Francesco sta preparando con meticolosità la grande sfida con lo Shakhtar (martedì ore 20.45) valida per l’accesso ai quarti di finale di Champions League, che potrebbe portare nelle casse giallorosse circa 10 milioni di euro. Non sarà presente all’Olimpico Jim Pallotta (salvo ripensamenti dell’ultima ora), il presidente martedì prossimo compirà 60 anni e festeggerà il compleanno negli Stati Uniti. 

Non sono previsti esperimenti di formazione, in campo scenderà una Roma collaudata: Manolas e Fazio al centro della difesa, Florenzi e Kolarov ai lati; a centrocampo Nainggolan, De Rossi e Strootman; in attacco Under, Dzeko e Perotti. Defrel non sarà disponibile per via di un problema muscolare, Schick, invece, non ha sfruttato l’occasione che gli ha offerto il tecnico contro il Torino dando l’impressione di non essere ancora pronto a prendere per mano il reparto offensivo, per questo sederà in panchina accanto a El Shaarawy. Lo stadio Olimpico non sarà sold out nonostante gli appelli di club e calciatori ad acquistare i biglietti: staccati, ad oggi, 41 mila tagliandi che potrebbero lievitare a 45 mila nelle prossime ore. La squadra allenata da Fonseca è arrivata oggi nella Capitale, domani il tecnico terrà la conferenza stampa e l’allenamento di rifinitura all’Olimpico, mentre Di Francesco parlerà ai giornalisti a Trigoria alle 14.30 e alle 16 terrà l’ultima seduta prima del big match.


© RIPRODUZIONE RISERVATA



Cristiano Ronaldo si è già preso il Mondiale, ora tocca a Messi. Il videocommento di Massimo Caputi
Video

Cristiano Ronaldo si è già preso il Mondiale, ora tocca a Messi. Il videocommento di Massimo Caputi

  • Nainggolan si riprende in bagno e canta l'inno belga

    Nainggolan si riprende in bagno e canta...

  • Filippo Tortu, atleta delle Fiamme Gialle: «Il mio modello è Mennea»

    Filippo Tortu, atleta delle Fiamme Gialle:...

  • Roberto Mancini, la confessione: «Non ho giocato un minuto ai Mondiali»

    Roberto Mancini, la confessione: «Non...

  • Dai messicani agli arabi, a Mosca già inizia la festa dei tifosi

    Dai messicani agli arabi, a Mosca già...

  • Pallotta: «Con stop iter stadio mi verrete a trovare a Boston»

    Pallotta: «Con stop iter stadio mi...

  • Surf, ecco le onde artificiali nelle piscine

    Surf, ecco le onde artificiali nelle piscine

  • Max Biaggi e il dolore per la morte di Perez: il post commovente su Instagram

    Max Biaggi e il dolore per la morte di...

Prev
Next
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 7 commenti presenti
ubrr
2018-03-12 11:52:41
Domani se vogliamo passare serve un grande Dzeko. Dipende da lui.
dom69
2018-03-11 20:48:54
A Sognatò più che altro me pari un incubo
papa max roma
2018-03-11 20:09:50
cara Roma, caro Monchi, caro Pallotta .. se davvero vogliamo vincere qualche cosa dobbiamo comprare giocatori buoni .. Emre Can .. per esempio .. e dei terzini ? ne vogliamo parlare ? no, eh ? stasera avete tanti impegni ..
James1
2018-03-11 20:02:14
Scusa Sognatore... ma da quello che si e' visto fin'ora... credo sia meglio che giochi la "Patata Bosniaca" anziche' il "Van Basten Ceco"... perche di Van Basten non ha nemmeno il mignolo. E' costato quasi quello che il Liverpool ha pagato per Salah, ma in campo ha fatto peggio di Fabio Jr. La partita contro lo Shaktar non e' quella dove Schick deve dimostrare se e' forte... Dzeko ha gia' dimostrato che puo' segnare in Champions e fare buone prestazioni. Lasciamo dimostrare al "Van Basten Ceco" quello che puo' fare nelle partite contro il Benevento, Crotone o Verona... dove anche se giochiamo con uno in meno possiamo vincere. Davanti bisogna giocare con Under, perotto e Dzeko. Naingolan a ridosso degli attaccanti, Strootman in mezzo e De Rossi davanti alla difesa. Florenzi, Manolas, Fazio e Kolarov in linea e Becker in porta. Ci mancherebbe Totti da far entrare negli ultimo 15 minuti al posto di qualsiasi attaccante... dsia per tenere palla, sia per fare passaggi di prima smarcanti o persino per segnare... Con Totti giocando gli ultimi 15/20 minuti a partita saremmo molto piu forti.
sognatore romanista
2018-03-11 18:37:34
Se lo strapippa ha segnato l' ultima partita, per la percentuale che ha quest' anno dobbiamo aspettarci che segni (forse) nell' ultima di campionato, quindi, che resti fuori dai giochi!

CALCIO

MOTORSPORT

TENNIS