ACCEDI AL Il Messaggero.it


oppure usa i dati del tuo account

Storica Croazia, finale con la Francia. L'Inghilterra sconfitta per 2-1

Festa Croazia, finale con la Francia
L'Inghilterra sconfitta per 2-1

Viva viva l’Inghilterra, anzi la Croazia, capace di rimontare con Ivan Perisic, che vale davvero i 70 milioni rifiutati dall’Inter al Manchester United, e risolve ai supplementari con Mario Mandzukic. E’ la finale degli slavi, contro la Francia, in grande equilibrio. Sono gli anni dell’ex Jugoslavia, con l’Europeo di basket vinto dalla Slovenia e questa finale di un Paese di 4 milioni di abitanti. Nulla, nei confronti della perfida Albione.

Si era cominciato con la punizione di Trippier, con Subasic partito in ritardo, si finisce in gloria per i biancorossoblù, bravi non solo nella pallacanestro e a pallanuoto. Viva la Croazia, allora, due volte passata grazie ai rigori, con i miracoli di Subasic con la Danimarca e capace di eliminare la Russia pseudopata di ammoniaca. Si scompone il panciotto di Southgate, che ci riproverà fra 4 anni e intanto sabato alle 16 a San Pietroburgo si giocherà il podio di consolazione, contro il Belgio.

E’ la prima finale per i croati, nazione giovane, è la prima finale calcistica per una nazione giovane, perde la vecchia scuola inglese, dalle mille coppe e presunzione, vince il talento, l’estro dei croati, mezzo secolo dopo l’Europeo perso nella finale bis a Roma contro l’Italia. Era Yugo, la Yugo che dominava il basket ai tempi dei plavi, di Aldo Giordani, è la Croazia degli ic, Brozovic a lungo compassato, come regista, e Ivan Perisic girata acrobatica che porta al supplementare e poi tocca per Mandzukic. Dunque è una finale anche molto italiana, con Rebic non aspettato dalla Fiorentina, con gli interisti bravi e con Mario molto più super, per esempio, di Balotelli, e voglioso di essere affiancato da Cristiano Ronaldo.

Sarà una gran finale, con la Francia, domenica alle 17, con la Croazia non così sfavorita e neanche tanto stanca. E’ fisica, meno fisica dei transalpini e anche forse dell’Inghilterra, però flemmatica e poi convinta nel rush finale. I britannici durano un’ora, poi spariscono, non raggiungono i rigori. Almeno volevano sfatare in maniera definitiva. La perfida resta ferma all’unica finale, vinta in casa nel ’66, la Croazia vuole imporre la scuola danubiano-carpatica, mai a mondiale nè a Europeo, neanche con l’Ungheria, battuta dalla Germania dopata nel ’54.

E’ il mondiale dei nostri vicini, i transalpini e gli adriatici, l’Italia è inerme nel basket, eliminata dai croati dalle olimpiadi, e anche nel calcio, con la serie A valorizzante di eredi di Prosinecki. Di mezzo c’è la Slovenia, di mezzo c’è il nostro calcio e il loro e un ct, Dalic, sconosciuto, rispetto a Deschamps e a Southgate. Mister gilet assiste all’uscita, all’1-2, inerme, si consola con il miglior calcio giovanile d’Europa. Trionfa Zlatko Dalic, già centrocampista, 52 anni, nell’Hajduk Spalato, e allenatore giramondo: Albania, Arabia, ct da un anno. 

A Mosca, è la serata della fantasia, di un calcio scatenante e scatenato, di tifosi da sempre osteggiati dai terribili serbi. E’ festa a Zagabria e a Spalato, non a Londra. Viva la Croazia, un po’ meno l’Inghilterra, al di là della canzone di Claudio Baglioni. I croati possono vincere oltre il 90’ tutto, come il Portogallo all’Europeo. Sono tosti e dinamici, senza punti deboli, capaci anche di rimontare e rovesciare. Kane? E’ sparito. 

Sull’1-1, Perisic aveva colto subito un palo clamoroso. La Croazia ha meritato, anche solo per quello, con Strinic e Vrsaljko, gente valorizzata dalla serie A. Ah, Modric se vince il mondiale è da almeno Pallone d’argento. Magro e manovriero, leader. Festa oltre Adriatico, di un popolo tranquillo. Visto anche a Trieste, contro l’Italia di Meo Sacchetti, nella palla a spicchi. Perdono Alli, Lingard e Maguire, comunque da 7,5. Croazia da 8,5, vent’anni dopo la semifinale con Davor Suker. E' la 13^ finalista mondiale. L'ultima vincitrice diversa fu la Spagna, nel 2010. Questi croati possono essere i migliori per un po'. Lo meritano soprattutto al passato.

LEGGI LA CRONACA
 


© RIPRODUZIONE RISERVATA



Il campo d'allenamento e l'hotel della Roma a San Diego
Video

Il campo d'allenamento e l'hotel della Roma a San Diego

  • De Laurentiis: «Finché vivrò il Napoli sarà con me»

    De Laurentiis: «Finché...

  • Roma in partenza per gli Usa. I tifosi a Schick: “È il tuo anno”

    Roma in partenza per gli Usa. I tifosi a...

  • La Curva Sud festeggia al Pantheon i 91 anni della Roma

    La Curva Sud festeggia al Pantheon i 91 anni...

  • Milan, Gattuso: «Bonucci? Rispetto le sue scelte...»

    Milan, Gattuso: «Bonucci? Rispetto le...

  • Amichevoli: il Milan parte bene, 2-0 al Novara

    Amichevoli: il Milan parte bene, 2-0 al...

  • Roma-Avellino, Di Francesco: «Campo indecente. Alisson? Spero di batterlo»

    Roma-Avellino, Di Francesco: «Campo...

  • Roma-Avellino 1-1: gli highlights della gara

    Roma-Avellino 1-1: gli highlights della gara

Prev
Next
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 9 commenti presenti
Etipareva?
2018-07-12 15:42:27
Come affermato alcuni giorni fa,reitero che la Croazia ha ormai ampiamente confermato di avere tutto quello che e' calcisticamente indispensabile per estrarre "il coniglio dal cappello" di questo mondiale. Nella mia (piu' che modesta)valutazione delle due finaliste mi azzarderei a dire che la Francia ha teoricamente leggermente piu' talento e fisicita' mentre la Croazia,pur essendo teoricamente leggermente inferiore nei suddetti fattori ha dalla sua parte una superiore,indomita volonta' e ferrea determinazione di vincere che, in una finale di Coppa del Mondo,sono sempre e senza eccezione le caratteristiche dominanti della squadra che avra' l'onore e il prestigio di alzare al cielo il tanto bramato trofeo! CHE VINCA IL MIGLIORE.
apriap
2018-07-12 12:57:17
Così imparano a "festeggiare" sfasciare il negozio Ikea. Tifosi = trogloditi, sotto tutte le latitudini.
spartacoh
2018-07-12 12:00:37
Chissà come saranno dispiaciuti alla casa mantenuti reale.W la repubblica.
Opinionator
2018-07-12 11:44:48
Non mi appassiono di calcio, ma farò il tifo per la Croazia. Perché se vince la Francia, il macarone si sente spalleggiato dal ritrovato consenso e si lancia in qualche altra offensiva ai danni dell'Italia.
Lupo1927
2018-07-12 09:43:58
Se soltanto ci fossimo presentati con un allenatore decente a quest'ora ci eravamo noi in finale! Grazie Tavecchio..

CALCIO

MOTORSPORT

TENNIS