ACCEDI AL Il Messaggero.it


oppure usa i dati del tuo account

Roma, Di Francesco recupera Pellegrini ma perde El Shaarawy

Roma, Di Francesco recupera Pellegrini ma perde El Shaarawy

Non c'è pace per Di Francesco. Nemmeno il tempo di gioire per il rientro in gruppo di Pellegrini previsto nella seduta odierna che il tecnico abruzzese sabato dovrà fare a meno di El Shaarawwy. Il problema muscolare, provato a gestire dall'attaccante in Nazionale durante le due gare contro Macedonia e Albania, ieri ha presentato il conto. «Presenza di una quota di edema muscolare nell'adduttore lungo di destra», lo scarno comunicato medico della Roma, abbastanza indispettita per la situazione, dove non viene stilata una prognosi. Il forfait per sabato è certo. Continuano i problemi muscolari per i calciatori giallorossi. Con El Shaarawy siamo arrivati a quota 11, compresa la ricaduta di Schick, al 12 ottobre. Tradotto: in appena 50 giorni dal via del campionato. Un neo, nell'ottimo avvio di stagione, al quale Di Francesco insieme al suo staff sta cercando di porre rimedio. Proprio da problemi analoghi anche se al polpaccio, si è ristabilito Pellegrini che rispettando il programma di lavoro oggi torna in gruppo. Il centrocampista romano, con Strootman anche ieri alle prese con lavoro individuale, si candida per una maglia da titolare. Mediana che sarà completata da De Rossi e Nainggolan.

TORNANO I SUDAMERICANI
Torneranno invece entro il primo pomeriggio Alisson e Fazio. Assonnati per il jet-lag, annoiati per le otto ore di volo, non certo stanchi visto che il portiere con il Brasile non ha giocato e il difensore nel 3-1 dell'Argentina in Ecuador è entrato soltanto nel recupero. Con El Shaarawy out e Perotti al suo posto, l'unico dubbio della vigilia riguarda proprio chi affiancherà Manolas in difesa. Il ballottaggio è tra Fazio e Juan Jesus. Lo scorso anno, giocando con una linea a quattro (Ruediger-Manolas-Fazio-Juan Jesus) molto bloccata, l'ex Siviglia all'Olimpico patì non poco la velocità di Mertens, autore di una doppietta. Fazio apparve in affanno e la seconda rete nacque proprio da un grave errore in fase d'impostazione dell'argentino, sostituito poi al 7' della ripresa con Peres. A Milano, Fazio è stato uno dei migliori anche se la tipologia degli attaccanti milanisti era più adatta alle sue caratteristiche. Toccherà a Di Francesco sciogliere il dubbio.


© RIPRODUZIONE RISERVATA



Italia-Arabia Saudita, la vigilia: il videocommento di Ugo Trani
Video

Italia-Arabia Saudita, la vigilia: il videocommento di Ugo Trani

  • Froome contro le buche

    Froome contro le buche

  • Rolex Gran Premio Roma: trionfa Lorenzo De Luca

    Rolex Gran Premio Roma: trionfa Lorenzo De...

  • Lo spettacolo Piazza di Siena

    Lo spettacolo Piazza di Siena

  • Italia-Arabia Saudita, le ultime da Coverciano: il videocommento di Ugo Trani

    Italia-Arabia Saudita, le ultime da...

  • Gli ostacoli dolci di Piazza di Siena

    Gli ostacoli dolci di Piazza di Siena

  • Assalto hooligan a Kiev

    Assalto hooligan a Kiev

  • Italia, allenamenti in vista dell'Arabia Saudita: il videocommento di Ugo Trani

    Italia, allenamenti in vista dell'Arabia...

Prev
Next
COMMENTA LA NOTIZIA
3 di 3 commenti presenti
ubrr
2017-10-12 17:26:57
Sicuramente lo scudetto, degli infortuni muscolari lo vinciamo a mani basse e lo vinciamo tutti gli anni. Non riesco a capire come però non si faccia mai nulla,per cercare di prevenirli questi infortuni. Inutile investire 50 milioni su un calciatore,se poi lo strappi dopo tre giorni che lo alleni.
vincenzone
2017-10-12 17:23:12
Beh, il contrario sarebbe stato peggio.
Domenico50
2017-10-12 11:38:36
E che diavolo... sono fatti di cristallo.

CALCIO

MOTORSPORT

TENNIS