Roma, partita la caccia all'attaccante
Sabatini lavora per il prestito di Lukaku
immagine Roma, partita la caccia all'attaccante
Sabatini lavora per il prestito di Lukaku
CALCIO
La Roma balla sulle punte. SarÓ nel reparto offensivo che Garcia chiederÓ i maggiori rinforzi. Un attaccante centrale e almeno un altro esterno (Ben Arfa?), senza contare i punti interrogativi legati alle permanenze di Ljajic e Bastos. Come ha abituato in questi anni, Sabatini lavora su pi¨ tavoli. Tutto per˛ dipende dal rinnovo contrattuale di Pjanic: se il bosniaco rimane, la Roma potrebbe ripiegare su una pista (apparentemente) low cost. Kalou (Lille) e Lukaku (Chelsea) sono i nomi pi¨ gettonati. In realtÓ il cartellino del centravanti belga non costa poco ma la giovane etÓ (Ŕ del ’93) gli garantisce di essere girato in prestito. Dopo esser stato parcheggiato nel 2012-13 al West Bromwich (17 reti in 35 gare), in questa stagione ha giocato nell’Everton (13 gol in 24 partite) dove difficilmente rimarrÓ. Senza Champions, le possibilitÓ di trattenerlo per il tecnico Martinez (quinto in classifica, a -4 dall’Arsenal con appena due gare da disputare) sono minime. Il club giallorosso Ŕ pronto ad approfittarne, visto che Mourinho ha giÓ fatto capire di aver chiesto attaccanti pi¨ esperti: per Lukaku, dunque, le valigie sono di nuovo pronte. L’idea Ŕ di strappare un accordo stile Atletico Madrid-Courtois, ossia ottenere un prestito (forse anche biennale ma con diritto di riscatto prefissato) che arriverebbe, per˛, dopo il prolungamento del contratto dell’attaccante con i Blues (l’attuale scade nel 2016). Diverso il discorso se la Roma dovesse decidere di non rinnovare il contratto a Pjanic. Nonostante dalla Francia continuino a spingere per uno scambio con Pastore del Psg, le idee a Trigoria sono diverse. Se il bosniaco dovesse partire, lo farÓ per soldi. E questi saranno poi rinvestiti su un attaccante di maggiore appeal (piacciono Jackson Martinez e Aubameyang). Per la difesa, invece, dall'Inghilterra si insiste di un interesse di Sabatini per Kolarov.